logo


loading
Prodotto

PIAGGIO MEDLEY:
NATO LEADER

E’ IL NUOVO SCOOTER FACILE, RICCO NELL’ALLESTIMENTO E TECNOLOGICAMENTE AVANZATO, CHE UNISCE I VANTAGGI DI UN RUOTA ALTA LEGGERO CON IL COMFORT E LA RICCHEZZA DI DOTAZIONI DI UNO SCOOTER DI CLASSE SUPERIORE.
PIAGGIO MEDLEY E’ SPINTO DALLE NUOVE MOTORIZZAZIONI I-GET 125 E 150 CC A INIEZIONE ELETTRONICA, RAFFREDDATE A LIQUIDO E CON DISTRIBUZIONE 4 VALVOLE. UNA NUOVA FAMIGLIA DI MONOCILINDRICI CHE DIVENTA IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER QUALITÀ, AFFIDABILITÀ E CONTENIMENTO DELLE EMISSIONI.

START & STOP, ABS, FANALERIA CON TECNOLOGIA LED, CAPACITÀ DI CARICO RECORD: PIAGGIO MEDLEY NASCE PER ESSERE LEADER INTERPRETANDO AL MEGLIO I VALORI DI QUALITÀ, STILE E TECNOLOGIA.

Piaggio Medley - official video

L’agilità di un veicolo metropolitano unita alla dinamicità di un ruota alta e alla comodità e capacità di carico un grande scooter GT, hanno dato origine a Medley, il nuovo Piaggio che combina i valori modernissimi di razionalità, tecnologia e stile. Medley coniuga praticità, tecnica e bellezza nel più puro stile italiano interpretando le esigenze di un pubblico in continua evoluzione alla ricerca di soluzioni di mobilità che vadano oltre le formule consuete dello scooter. Con Medley non si rinuncia a nulla. Piaggio Medley è in grado di unire i vantaggi di una ciclistica caratterizzata dalle ruote di ampio diametro, che garantiscono guidabilità e tenuta di strada superiori rispetto agli scooter dotati di cerchi di misure più piccole, e la razionalità dello scooter classico, la sua protettività, la sua capacità di carico, la comodità della sella ampia anche nella guida con passeggero.

Una tipologia, quella degli scooter a ruota alta, di grande successo che si è sempre divisa in veicoli più leggeri e maneggevoli, caratterizzati da una grande semplicità di guida ed economicità di esercizio, e veicoli più importanti portatori di valori quali robustezza e prestazioni. Piaggio, leader europeo e tra i principali player mondiali tra i produttori di scooter, depositario di una storia unica quale creatore di nuove forme di mobilità leggera, è stato protagonista nel settore ruota alta sia con veicoli facili e leggeri, come il Liberty, sia con scooter dalle prestazioni spettacolari e dalla dotazione tecnica esclusiva qual è la gamma Beverly. Medley raggiunge l’obiettivo di creare una nuova classe di scooter a ruote alta di Piaggio che sappia unire i vantaggi di uno scooter agile e leggero con quelli di un ruota alta dalle dimensioni e prestazioni superiori. Dotato di serie della funzione “Start & Stop”, che, gestendo lo spegnimento del motore durante le soste, contribuisce al contenimento dei consumi, delle emissioni, e di ABS a due canali, Piaggio Medley vanta quindi un equipaggiamento di solito esclusivo di scooter di classe superiore. Sono disponibili due motorizzazioni della nuova famiglia i-get 4T – 125 e 150cc – entrambe raffreddate a liquido, con distribuzione a 4 valvole e iniezione elettronica. Si tratta di una nuova famiglia di propulsori, progettati e sviluppati da Piaggio che vanta un centro di ricerca e sviluppo di motori per scooter, tra i più evoluti a livello mondiale.

ROBUSTEZZZA, FACILITA’ DI GUIDA E LEGGEREZZA

La struttura portante di Piaggio Medley si basa su un nuovo telaio del tipo “monoculla bassa” realizzato in tubi di acciaio, con rinforzi tubolari e in lamiera di acciaio, i quali contribuiscono alla sua robustezza generale, mantenendo uno scavalco basso e comodo. L’avantreno è caratterizzato da una forcella con steli da 33 mm di diametro, mentre al posteriore lavora una coppia di ammortizzatori a doppio effetto e molle elicoidali con precarico regolabile su 5 posizioni. Grazie a questa configurazione, ai grandi cerchi ruota (da 16” anteriore e da 14” posteriore) realizzati in lega di alluminio con elegante disegno a sei razze sdoppiate e ai pneumatici rispettivamente da 100/80 anteriore e da 110/80 posteriore, Piaggio Medley garantisce un comfort di marcia,  una tenuta di strada e una solidità su strada degne di veicoli di classe superiore, mentre il peso contenuto, 132 kg a secco, consente di mantenere agilità e maneggevolezza che sono i punti di forza degli scooter leggeri.

Alla sicurezza attiva ci pensa il potente impianto frenante - che si compone di due unità a disco da 260 e 240 mm con pinze flottanti a doppio pistoncino - dotato di serie di sistema antibloccaggio ABS. Ciascuna ruota è dotata di un sensore e una ruota fonica per il rilevamento giri che misura istantaneamente velocità e decelerazione della stessa rispetto a quella del veicolo. I sensori dialogano con una centralina idraulica a 2 canali che attiva il sistema ABS qualora una delle due ruote deceleri bruscamente rispetto al veicolo, scongiurando il bloccaggio e garantendo stabilità e una frenata efficiente anche su fondi a basso coefficiente d’attrito. Piaggio Medley è inoltre dotato di “tilt sensor”, dispositivo di sicurezza che in caso di caduta disattiva lo Start & Stop spegnendo il motore.

PRATICO, DINAMICO, LEGGERO E CON STILE

Come avviene nel campo automobilistico, anche nel settore delle due ruote la combinazione di diverse architetture di veicolo porta alla nascita di nuove formule per la mobilità leggera. Ispirato alle forme importanti, moderne ed eleganti del fratello maggiore Beverly, il nuovo Piaggio Medley introduce concetti di leggerezza e dinamicità ideali per un uso cittadino del mezzo. La ruota anteriore da 16” oltre a donare stabilità, sicurezza e comfort, slancia verticalmente tutta la parte frontale. I cerchi sono in alluminio e vantano un elegante disegno a sei razze sdoppiate. Lo scudo anteriore è dotato di un vano porta-oggetti ampio e facilmente accessibile dalla seduta di guida. La vista frontale si distingue da quella classica di uno scooter a ruota alta: le superfici sono più estese a tutto vantaggio della protezione aerodinamica e quindi del comfort di marcia, seppur Medley mantenga una spiccata leggerezza estetica che, unita al più classico stile Piaggio reinterpretato in chiave moderna, regala al veicolo una personalità unica e distintiva. L’elemento verticale metallico (la cosiddetta “cravatta”) spicca al centro dello scudo anteriore, ponendo così l’accento su un certo family feeling con la recente produzione Piaggio; inoltre le innovative luci di posizione a LED e il proiettore diventano veri e propri tratti somatici di distinzione.

Il manubrio, modellato nelle forme per garantire protezione al guidatore, accoglie uno strumento elettronico rifinito da una cornice cromata; il display digitale rende disponibili una ricca serie di informazioni (odometro totale e parziale, temperatura esterna, icona “service”, orologio digitale, icona stato batteria e icona pericolo ghiaccio), selezionabili attraverso il pulsante Mode sul blocchetto elettrico destro, mentre la dotazione di spie tiene sotto controllo tutte le funzioni a partire dallo “Start & Stop”, che è disinseribile attraverso un pulsante sul blocchetto elettrico destro, per proseguire con le classiche “check iniezione”, riserva carburante, pressione olio, attivazione ABS e Immobilizer. La sella, ampia e comoda anche nella porzione dedicata al passeggero, è dotata di apertura elettrica comandata da pulsante sul manubrio, mantenendo sempre un comando di apertura meccanica posto nel cassetto del controscudo. Lo stile di quest’ultimo è coordinato con la parte posteriore del manubrio e della sella, ricreando un ambiente simile all’abitacolo di un’automobile, e all’interno prevede anche la presenza di una presa USB, utile per la ricarica dello smartphone. Nel controscudo è presente anche un comodo gancio portaborse a scomparsa. Lungo tutto il corpo di Medley l’alternarsi di superfici concave e convesse, guidate da linee decise e arcuate, rende l’immagine del veicolo dinamica e compatta allo stesso tempo.

Un gruppo ottico posteriore con luci di posizione realizzate con LED rossi e ottiche di tipo diffrattivo opalescente, conclude le forme in maniera originale. Anche in condizioni notturne, come per le luci di posizione anteriori, l’illuminazione guidata secondo il classico stilema Piaggio rende il veicolo unico e riconoscibile. Il retrotreno, particolarmente slanciato, mantiene dimensioni contenute nonostante il grande vano di carico sottosella dalla capacità di ben 36,2 litri, in grado di accogliere due caschi integrali, davvero eccezionale per un ruota alta. Un tale risultato è ottenuto grazie alle forme della coda ben concepite e al riposizionamento del serbatoio del carburante al centro della pedana. Una soluzione che ha incrementato la capacità di carico del vano portacaschi fornendo ulteriori vantaggi quali la possibilità di effettuare il rifornimento senza scendere dalla sella e una migliore guidabilità su strada, per via della migliore centralizzazione delle masse.

MOTORI: LA NUOVA GENERAZIONE PIAGGIO I-GET

Da sempre la tecnologia motoristica del Gruppo Piaggio è volta alla realizzazione di propulsori sempre più evoluti in termini di contenimento di consumi e delle emissioni (anche sonore), oltre all’allungamento degli intervalli di manutenzione. Forte del più importante centro di ricerca e sviluppo per motori di scooter in Europa, e tra i primi al mondo, Piaggio ha sviluppato in casa tecnologie e competenze uniche che contribuiscono oggi alla realizzazione di motori in linea con le più severe normative a livello mondiale. Su Piaggio Medley esordisce una nuova famiglia di motori denominata i-get, declinata nelle cilindrate 125 e 150cc a iniezione elettronica, distribuzione a quattro valvole e raffreddamento a liquido. Motori che si pongono al vertice delle rispettive categorie per prestazioni e rispetto dell’ambiente.
Debutta sul nuovo scooter anche il nuovo sistema Start & Stop brevettato da Piaggio e denominato RISS (Regulator Inverter Start & Stop System). Il sistema, frutto del know-how tecnologico di Piaggio, prevede l’eliminazione del classico motorino di avviamento, sostituito da una macchina elettrica brushless “direct mount”, ovvero installata direttamente sull’albero motore. I vantaggi sono molteplici: massima silenziosità in avviamento, maggiore leggerezza e affidabilità, minori consumi. Il sistema Start & Stop di Piaggio provvede a spegnere automaticamente il motore passati dai 3 ai 7 secondi dall’arresto (a seconda che il motore abbia o meno raggiunto la corretta temperatura di esercizio). È sufficiente una minima rotazione del comando del gas per far ripartire istantaneamente il motore, nel silenzio totale, data l’assenza del classico motorino di avviamento. Nel caso si estragga il cavalletto laterale, o entri in funzione il tilt sensor, la centralina esclude la funzione di Start & Stop.

I nuovi propulsori Piaggio i-get sono il frutto di una filosofia di progettazione che pone tra gli obiettivi primari nuovi e più avanzati livelli di qualità e di affidabilità. Ogni aspetto della progettazione è volto a ottimizzare l’efficienza di ogni singola parte per contribuire alla massimizzazione delle prestazioni. Solo nelle prime fasi di collaudo sono stati percorsi oltre un milione di chilometri a prova di un’esasperata ricerca di affidabilità. Ogni componente dei nuovi propulsori, dallo scarico al disegno interno del coperchio della trasmissione fino al nuovo filtro aria, è inoltre stato studiato per rendere la guida fluida, silenziosa e confortevole e per allungare la vita del motore. Gran parte del lavoro dei tecnici Piaggio si è tradotto nella attenzione maniacale alla riduzione degli attriti, mediante introduzione di cuscinetti su ogni parte rotante, nella distribuzione e nella geometria del manovellismo, con asse cilindro spostato per ridurre le perdite per attrito sul pistone. Anche la rumorosità meccanica dei nuovi i-get è estremamente ridotta grazie alla riduzione dei giochi e alla ottimizzazione di materiali e forme.

Sono molte le parti completamente nuove nella nuova famiglia motori che equipaggiano Medley:

  • termodinamica (testa, cilindro, pistone, distribuzione a bilancieri con rulli); inoltre tutte le parti in movimento sono state ottimizzate per ridurre le masse e gli attriti di funzionamento.
  • l’albero motore, per una netta riduzione delle vibrazioni.
  • sistema di avviamento: non c’è più il classico motorino con trasmissione a ingranaggi, bensì una macchina elettrica “brushless” di tipo “direct mount” sull’albero motore. Il risultato è la totale assenza di attriti per ottenere massima silenziosità di avviamento, durata e affidabilità del sistema.
  • impianto di raffreddamento, con radiatore a bordo motore: si sono ridotti così il peso complessivo del veicolo e i tempi di warm-up (thermal management), con evidenti vantaggi sui consumi e sulle emissioni.
  • il coperchio della trasmissione, per un’ulteriore riduzione della rumorosità.
  • la cinghia a doppia dentatura di ultima generazione, per minimizzare le perdite passive, ancora una volta a tutto vantaggio di consumi ed emissioni.
  • Il settaggio del cambio che migliora guidabilità, prestazioni e consumi.
  • il filtro aria che migliora l’azione filtrante riducendo il rumore di aspirazione.
  • nuova centralina gestione motore integrata con la parte di gestione S&S (Regolatore, Inverter S &S, RISS), sviluppata completamente da Piaggio.

La versione “ottavo di litro” è accreditata di una potenza di 9 kW a 8.250 giri, mentre il più potente 150cc esprime 11 kW a 7.750 giri. Dati che tradotti su strada testimoniano di propulsori brillanti, espressamente progettati e realizzati avendo presenti le esigenze dell’utente nell’utilizzo quotidiano in ambienti cittadini e metropolitani. Situazioni di marcia caratterizzata da frequenti “stop and go” che richiedono elasticità, brillantezza nella ripresa e fluidità di marcia. Doti assicurate dagli ottimi valori di coppia (11,5 Nm a 6.500 per il 125cc e 14,4 Nm a 6.400 giri per il 150cc) che consentono a Medley eccellenti qualità di scatto da fermo e ripresa, anche per merito del peso complessivo davvero ridotto. Le nuove motorizzazioni di Piaggio Medley garantiscono ampi intervalli nei tagliandi di manutenzione. La sostituzione di lubrificanti e filtri si effettua ogni 10.000 km e la regolazione del gioco valvole addirittura ogni 20.000 km. Del lavoro di ottimizzazione di ogni componente beneficia il dato complessivo di consumo carburante: la percorrenza su ciclo WMTC arriva a 47,5 km/l per il Medley 125 (45,9 km/l per il Medley 150).

VERSIONI E COLORI

Il nuovo Piaggio Medley è disponibile in due versioni: Medley e Medley S. Quest’ultima si distingue per l’utilizzo della tonalità più sportiva grigio antracite, e per particolari quali i cerchi ruota, il maniglione del passeggero e le plastiche superiori della pedana.

Le varianti cromatiche di Medley S sono: Rosso Ibis, Nero Grafite e Blu Sport (sempre associate a sella e interni neri). Piaggio Medley predilige invece colori più classici ed eleganti, quali il Bianco Perla, il Grigio Titanio (entrambi associati a sella e interni color marrone) e il Blu Midnight (con sella e interni color nero). Tali colorazioni sono abbinate a finiture di color alluminio (come i cerchi ruota, la protezione della marmitta, il maniglione del passeggero e le plastiche superiori della pedana).

INFO:
www.piaggio.com/medley/it_IT

Prodotto

PIAGGIO WI-BIKE
MOBILITA’ EVOLUTA

E’ UN VEICOLO INNOVATIVO CHE SUPERA IL CONCETTO DI BICICLETTA A PEDALATA ASSISTITA ELETTRICAMENTE, OFFRENDO AVANZATE FUNZIONALITA’ ED ELEVANDO L’INTERAZIONE TRA CICLISTA, MEZZO E AMBIENTE; E’ ANCHE UN RAFFINATO STRUMENTO DI FITNESS. WI-BIKE E’ INTERAMENTE PROGETTATA, SVILUPPATA E PRODOTTA NEGLI STABILIMENTI DEL GRUPPO PIAGGIO IN ITALIA.

Piaggio: Move Beautifully - Wi-Bike

Da quasi settant’anni il Gruppo Piaggio è leader mondiale nello sviluppo, produzione e commercializzazione di forme sempre nuove di mobilità. La ricerca di soluzioni che coniughino la libertà e la semplicità di movimento con la qualità della vita e il rispetto dell’ambiente è una missione che il Gruppo Piaggio ha sempre perseguito.

Fondato sulla ricerca e sull’innovazione tecnologica, il primato del Gruppo Piaggio si è concretizzato nei decenni in prodotti che hanno favorito la libertà a intere generazioni e rivoluzionato più volte il concetto stesso di mobilità creando non solo nuovi mezzi di trasporto ma inventando stili di vita, perché mobilità è sempre sinonimo di libertà. Il mito di Vespa nato nel dopoguerra, i ciclomotori più agili e leggeri degli anni ’60 e ‘70, e poi i veicoli elettrici, bimodali e infine la motorizzazione ibrida – unica al mondo tra gli scooter – sono tappe di un primato culturale, prima ancora che tecnologico, che ha sempre caratterizzato la vocazione all’innovazione del Gruppo Piaggio il cui primo veicolo elettrico risale addirittura al 1975.

Da questa storia unica di stile e tecnologia nasce Piaggio Wi-Bike, un mezzo completamente nuovo che soddisfa i bisogni più evoluti e le tendenze più avanzate di mobilità. Piaggio Wi-Bike supera il concetto di bicicletta a pedalata assistita e si propone come un mezzo che interpreta a 360 gradi le esigenze più progredite di mobilità, non più intesa semplicemente come capacità di spostamento, ma anche come presenza e condivisione d’informazioni nelle più moderne forme della rete e interazione col proprio mezzo. Grazie alla tecnologia PMP (Piaggio Multimedia Platform) Wi-Bike presenta un’avanzatissima interfaccia tra uomo e mezzo meccanico e garantisce una condivisione continua di dati col mondo offrendo la possibilità di interagire da qualunque luogo e con qualunque ambiente nella sua dimensione fisica, sociale ed esperienziale.

Piaggio Wi-Bike - Still life

UN CUORE ELETTRICO “MADE IN PIAGGIO”
Il cuore di Piaggio Wi-Bike è un’unità di propulsione elettrica interamente progettata, sviluppata e costruita dal Gruppo Piaggio. Si tratta di un motore modernissimo di grande compattezza e dalla forma studiata per un suo perfetto inserimento nell’estetica elegante del telaio. La sua sagoma assialsimmetrica, ovvero disegnata attorno all’asse pedale, consente infatti di comprendere tutto il motore elettrico in ombra alla corona, così da ridurne grandemente l’impatto estetico.
Malgrado il propulsore possa arrivare a sviluppare ben 350W di potenza massima, è limitato a 250W (e 25 km/h di velocità massima) in modo da rientrare appieno nella normativa che disciplina le biciclette a pedalata assistita. In questo modo Piaggio Wi-Bike non richiede la targa e nemmeno l’utilizzo del casco motociclistico e può accedere alle piste ciclabili e alle zone a traffico limitato. Tale unità motrice è in grado di generare la notevole coppia massima di 50 Nm, valore che garantisce grande prontezza di risposta ad ogni sollecitazione. Ma è tutto il powertrain (ovvero l’insieme di motore, batteria e display di controllo) di Piaggio Wi-Bike a distinguersi per la tecnologia adottata e per le funzionalità proposte. Avanzati algoritmi sviluppati da Piaggio garantiscono un innovativo controllo della macchina elettrica, a tutto vantaggio dell’affidabilità.

Il display di ultima generazione è “contactless” e si alimenta automaticamente, in vicinanza della centralina, grazie alla tecnologia NFC (Near Field Communication). La connessione USB ha la duplice funzione di ricarica dello smartphone e di aggiornamento software. Anche la diagnosi è possibile via smartphone da parte dell’utilizzatore, mentre per il centro di assistenza è possibile intervenire via tablet – sempre grazie alla tecnologia bluetooth – per un check più completo.
Piaggio Wi-Bike, grazie alle tecnologie di cui dispone, si distingue anche per l’elevato livello di sicurezza: le centraline di cruscotto, batterie e motore elettrico sono collegate da un codice univoco consegnato al cliente al momento dell’acquisto. Le tre unità possono funzionare solo se collegate e dialoganti l’una con le altre: per esempio rimuovendo il display (che funge da vera chiave elettronica), in caso di sosta, si rende di fatto Piaggio Wi-Bike inutilizzabile, e solo tramite il codice personale è possibile ordinare un display di ricambio.

Nella batteria è alloggiato un modulo GPS/GSM che funziona sia da antifurto satellitare sia da elemento di trasmissione dati da/per la batteria. Nel caso il sistema rilevi un tentativo di furto del veicolo, viene immediatamente inviata una notifica tramite l’app dedicata e tracciata sulla mappa la posizione del veicolo. È inoltre possibile verificare lo stato di carica della batteria via smartphone e ricevere, sempre sul proprio device, una notifica di allerta in caso di carica scarsa, per esempio dopo una lunga sosta. La batteria da 400 Wh agli ioni di litio, è elegantemente alloggiata sotto la sella in corrispondenza del tubo verticale e fornisce un’autonomia particolarmente elevata, mediamente compresa tra i 60 e i 120 chilometri in dipendenza delle modalità e condizioni di utilizzo. Il tempo di ricarica completa è di poco più di 3 ore. La batteria garantisce il più alto livello di sicurezza ed è completamente stagna (grado IP 65).

Piaggio Wi-Bike adotta la trasmissione a cinghia in combinazione con un evoluto cambio automatico a variazione continua, assistito elettronicamente per assicurare sempre il miglior rapporto tra una scelta praticamente infinita di combinazioni. Si tratta di una tecnologia in continuità con la straordinaria esperienza tecnica del Gruppo Piaggio, poiché rimanda concettualmente al sistema di cambio e trasmissione usati nello scooter. Completano la gamma di trasmissioni disponibili un cambio a variazione continua con trasmissione a cinghia, che permette di selezionare il rapporto ideale con un passaggio fluido senza scatti ed un cambio tradizionale di alta qualità, a 9 velocità, con trasmissione finale a catena. Aumenta la sicurezza attiva il potente comparto freni, composto da due dischi dal diametro di 180 mm anteriore e 160 mm posteriore, su cui lavorano pinze idrauliche.

CONNESSI CON IL MONDO GRAZIE ALLA TECNOLOGIA PMP

Grazie alla tecnologia PMP (Piaggio Multimedia Platform) lo smartphone si integra funzionalmente con Wi-Bike via bluetooth. L’app sviluppata da Piaggio appositamente per Wi-Bike, infatti, consente l’incremento di funzionalità sempre nuove. Dal perfezionamento di servizi “classici”, quali la navigazione, fino a un più evoluto controllo delle modalità di funzionamento del powertrain, al di là delle impostazioni proposte di base. Le classiche biciclette a pedalata assistita elettricamente offrono, infatti, un numero limitato e determinato di settaggi del livello di assistenza alla pedalata, con un contributo da parte del motore che rimane sempre egualmente proporzionale all’energia applicata dal ciclista una volta selezionata la modalità di funzionamento.

Wi-Bike, grazie all’esclusiva tecnologia DEA (Dynamic Engine Assistance), consente invece di programmare il livello di assistenza offerto dal motore elettrico in percentuale sempre variabile in rapporto alla potenza offerta dal ciclista.

Grazie alla possibilità di variare il contributo del motore, Piaggio Wi-Bike si rivela una vera macchina da fitness sulla quale il ciclista può impostare un suo sforzo fisso (ad esempio, 100W di sforzo e una determinata frequenza di pedalata) lasciando libero il motore di aumentare o diminuire il suo contributo sulla base delle variazioni altimetriche per rispettare i parametri impostati e coerenti col programma di allenamento che si intende realizzare. Il ciclista sportivo può così effettuare il proprio allenamento mantenendo alta la “fatica” lungo il percorso; nel commuting urbano invece si può scegliere di non superare una soglia massima di fatica per motivi di salute o, semplicemente, per non accaldarsi troppo andando al lavoro.

EXPERIENCES: STANDARD, CITY, HILL

Tramite l’app, inoltre, è possibile selezionare le modalità predefinite di erogazione della potenza lungo l’arco di utilizzo, delle vere e proprie “mappature motore”.
STANDARD: il motore eroga potenza proporzionalmente allo sforzo rilevato sui pedali.

CITY: un boost di potenza ad ogni partenza. Per scattare davanti a tutti senza fatica, negli “Stop & Go” del traffico cittadino.

HILL: il motore si adatta alla pendenza del percorso erogando più potenza in salita e meno in discesa o in pianura.
Ciascuna di queste mappature motore è impostabile su dieci diversi livelli di assistenza, per un utilizzo efficiente della batteria. Il sistema PMP, sempre controllabile dallo schermo dello smartphone, dai pulsanti sul manubrio, è la base per lo sviluppo di funzionalità virtualmente illimitate.  Le utilità offerte da PMP spaziano in ogni direzione nella gestione dati: si va dalle informazioni di utilizzo a funzionalità legate al fitness che consentono di sfruttare Piaggio Wi-Bike come uno strumento di allenamento per monitorare i dati del proprio corpo e raggiungere obiettivi in termini di ritmo cardiaco o consumo di calorie.

Wi-Bike significa anche “community”: al termine di ogni sessione di allenamento o, semplicemente, itinerario percorso, è possibile condividere con i propri amici i dati relativi all’esperienza appena vissuta, sui social network più diffusi.

PURO “ITALIAN DESIGN”

Il design elegantemente sportivo che distingue Piaggio Wi-Bike è frutto del centro stile Piaggio che ha lavorato per coniugare il migliore e più distintivo design italiano con la  funzionalità e la comodità di esercizio. Modernità, raffinatezza delle soluzioni e semplicità sono le prole chiave che hanno ispirato il lavoro dei designer del gruppo Piaggio. Il risultato si concretizza in un telaio realizzato totalmente in alluminio dalla chiara impronta sportiva (che accoglie una forcella ammortizzata, anch’essa realizzata in alluminio) declinato in più versioni, a partire dal classico binomio maschile e unisex.

Da un punto di vista stilistico è particolarmente riuscita la sfida rappresentata dall’inserimento armonico degli organi del powertrain (motore elettrico, trasmissione e batteria) nel telaio, che rimane razionalmente pulito nelle sue linee di bicicletta. Il motore, disegnato intorno all’asse pedale rimane infatti in ombra alla corona, mentre la batteria, alloggiata sul tubo orizzontale sotto la sella, è facilmente estraibile.

Il posizionamento del sistema motore-batteria (in basso e al centro) garantisce inoltre un ottimale bilanciamento delle masse, conferendo a Wi-Bike un’elevata guidabilità e una piacevolissima fluidità nel movimento. L’attenzione alla semplicità e all’intuitività nell’utilizzo di Piaggio Wi-Bike si sostanziano così in forme nate con l’obiettivo della funzionalità e in omaggio alla eleganza del design italiano.

QUATTRO ALLESTIMENTI DISPONIBILI

Piaggio Wi-Bike è disponibile in quattro allestimenti differenti.
COMFORT: è il veicolo d’ingresso nella gamma Wi-Bike di Piaggio; la più facile e accessibile da qualsiasi utente e disponibile nella versione di telaio senza canna alta, che facilita la salita in sella. Di serie vanta la forcella telescopica, la sella comfort, l’attacco del manubrio regolabile e le manopole ergonomiche. È disponibile in tre taglie differenti di telaio, per adattarsi in maniera ottimale a ogni tipo di corporatura. Due opzioni per il cambio: meccanico tradizionale o a variatore ad azione manuale.
COMFORT PLUS: rispetto alla Comfort si distingue per l’allestimento superiore, che comprende la sella e le manopole ergonomiche in vera pelle, oltre a dettagli di classe, come le cromature e gli pneumatici color crema. Due opzioni di cambio: a variatore ad azione manuale o a controllo elettronico. È disponibile nella versione unisex (telaio senza canna alta e in tre differenti taglie: S, M e L) e nella versione maschile (telaio con canna alta e due differenti taglie: M e L).

ACTIVE: è la versione di Piaggio Wi-Bike dal design più sportivo, unito a uno stile minimal che ben si presta alle personalizzazioni. Il telaio è disponibile nella versione maschile (con canna alta) in due differenti taglie (M e L). Active si distingue per il cambio dalle tre opzioni di funzionamento: meccanico tradizionale, a variatore ad azione manuale e a variatore a controllo elettronico.

ACTIVE PLUS: la più accattivante nello stile e nell’equipaggiamento, si distingue per le varianti grafiche dedicate e per l’allestimento che prevede anche sella e manopole di pregiata fattura in pelle. Il telaio è disponibile nella versione maschile (con canna alta) in due differenti taglie (M e L). Due differenti opzioni per il cambio: a variatore ad azione manuale o a controllo elettronico.

INFO:
www.piaggio.com/wi-bike/it/it/index/#home

Prodotto

NUOVE VESPA PRIMAVERA E VESPA SPRINT

IL NUOVO E MODERNISSIMO PROPULSORE PIAGGIO I-GET EQUIPAGGIA LE VERSIONI PIU’ GIOVANILI DI VESPA: PRESTAZIONI OTTIMIZZATE, MINORI COSTI DI GESTIONE, MASSIMA SILENZIOSITA’ ED EFFICIENZA. LE NUOVE VESPA VANTANO ANCHE ALLESTIMENTI PIU’ RICCHI E ABS DI SERIE.

Ancora una volta Vespa conferma la sua avanguardia tecnologica che da sempre la distingue e ne ha segnato la storia, presentandosi come uno dei veicoli più moderni e sicuri nel panorama mondiale. Debuttano le nuove versioni di Vespa Primavera e Vespa Sprint, le eredi del mitico “Vespino” che dagli anni ’60 ha fatto innamorare e messo in moto intere generazioni di giovani in tutto il mondo. Si distinguono per l’allestimento più ricco che comprende l’utilissima presa USB, situata all’interno del cassetto nel controscudo, e il sistema di frenata ABS ora di serie su tutte le versioni 125 e 150cc. L’innovazione più importante è costituita dall’adozione del nuovo propulsore Piaggio i-Get Euro4 in grado di assicurare prestazioni brillanti, consumi contenuti e una generale elevatissima efficienza.

Vespa Primavera (i-Get Euro4).

Vespa Sprint (i-Get Euro4).

NUOVO MOTORE I-GET: MASSIMA QUALITA’ E AFFIDABILITA’

I nuovi propulsori sono il frutto di una filosofia di progettazione che si pone quali obiettivi primari nuovi e più avanzati livelli di qualità e di affidabilità. Ogni aspetto della progettazione è stato mirato ad aumentare l’efficienza di ogni singolo componente, contribuendo così a massimizzare le prestazioni e al contempo a minimizzare i consumi e le emissioni (non solo quelle inquinanti ma anche le sonore). Oltre un milione di chilometri percorsi nella fase di collaudo testimoniano l’attenzione a qualità e affidabilità nel processo di sviluppo delle nuove motorizzazioni i-Get che, grazie alla modularità del progetto, possono essere declinate nelle versioni con raffreddamento a liquido o ad aria e con distribuzione a 3 o 4 valvole. I nuovi propulsori i-Get che equipaggiano Vespa Primavera e Vespa Sprint sono modernissimi monocilindrici a 4 tempi di 125 e 150cc, raffreddati ad aria e dotati di iniezione elettronica e distribuzione a 3 valvole. Ogni particolare, dallo scarico al disegno interno del coperchio della trasmissione, è stato progettato per rendere la guida fluida, silenziosa e confortevole. Il sistema di iniezione è stato ottimizzato e migliorato nell’efficienza; la centralina dispone ora di sensore barometrico, che garantisce una combustione sempre ottimale in qualsiasi condizione e altitudine di utilizzo. L’erogazione di potenza e coppia raggiunge così nuovi ed elevati livelli di regolarità e affidabilità, anche nella guida urbana caratterizzata da continui “stop and go”.

Sono propulsori assolutamente rispettosi dell’ambiente, essendo omologati secondo la Multidirettiva Euro4 e capaci di prestazioni che si attestano ai vertici della categoria: il motore i-Get 125cc esprime una potenza e una coppia massima rispettivamente di 7,9 kW a 7.700 giri/min e 10,4 Nm a 6.000 giri/min, mentre la versione di 150cc raggiunge 9,5 kW a 7.750 giri/min di potenza massima e 12,8 Nm a 6.500 giri/min di coppia massima, valori che, uniti alla proverbiale leggerezza tipica di tutte le Vespa, rendono le Vespa “small body” particolarmente vivaci sia nelle condizioni di traffico metropolitano sia sui tratti di strada libera. A questo risultato concorre anche una taratura perfezionata della trasmissione che si avvale di nuovi e più resistenti materiali d’attrito per la frizione automatica centrifuga a secco. Performance così brillanti sono combinate con valori di consumo di carburante ridotti al minimo: la particolare architettura del motore e le soluzioni adottate per i vari componenti permettono di raggiungere i 45,5 km/l per il 125 e 41 km/l per il 150 rilevati nel ciclo WMTC. Grazie al capiente serbatoio da 8 litri Vespa Primavera e Vespa Sprint vantano ora un’autonomia di marcia di tutto rispetto: con un pieno di carburante si possono percorrere 364 km con la versione di 125 cc e 328 km con quella di 150cc.

I motori i-Get di Vespa Primavera e Vespa Sprint sono monocilindrici completamente nuovi sia nella componentistica meccanica, sia nella parte elettronica. Nel dettaglio sono da segnalare:

  • l’albero motore, con inerzia maggiorata del 24% rispetto al precedente propulsore, per una decisa riduzione delle vibrazioni e una migliore fluidità di marcia;
  • il nuovo motorino di avviamento, decisamente più silenzioso;
  • il nuovo coperchio della trasmissione, per una ulteriore riduzione della rumorosità e aumento della rigidezza;
  • il sensore barometrico per una combustione sempre ottimale.

E’ del tutto nuovo anche l’impianto di scarico. La nuova unità rende il propulsore più silenzioso e allo stesso tempo garantisce una timbrica più piena e piacevole.

ABS DI SERIE SU TUTTE LE VERSIONI

Su tutte le versioni 125 e 150 di Vespa Primavera e Vespa Sprint è ora di serie il sistema di frenata ABS, un’ulteriore evoluzione tecnica volta all’incremento della sicurezza. La ruota anteriore di Vespa Primavera e Vespa Sprint è dotata di un sistema rilevamento giri – un sensore e una ruota fonica – che misura istantaneamente velocità e decelerazione della stessa rispetto a quella del veicolo. Il sensore dialoga con una centralina elettroidraulica che attiva il sistema ABS qualora la ruota deceleri bruscamente, scongiurando il bloccaggio e quindi la perdita di controllo del mezzo, garantendo così stabilità, controllo del veicolo e una frenata efficiente anche su fondi a basso coefficiente d’attrito come asfalto bagnato o sporco. Il sistema, sviluppato appositamente per Vespa Primavera e Vespa Sprint, ha anche il pregio di essere leggerissimo, lasciando così praticamente inalterato il peso in ordine di marcia. I vantaggi sono tangibili nella sicurezza e nel piacere di guida su strada, dove si scopre una Vespa con qualità dinamiche e valori di stabilità e maneggevolezza eccezionali. A ottimizzare la sicurezza su strada concorrono anche le generose dimensioni dei cerchi ruota, sia di Vespa Primavera sia di Vespa Sprint.

Anche le piccole cilindrate di Vespa Primavera e Vespa Sprint (50cc 2 tempi e 50cc 4 tempi con distribuzione a 4 valvole) guadagnano la presa di corrente USB situata nel cassetto del controscudo.
VERSIONI E COLORI. La nuova Vespa Primavera è proposta nelle cilindrate di 125 e 150cc, disponibili in quattro varianti cromatiche: Rosso Dragon (con sella beige); Nero Vulcano (con sella rossa); Blu Midnight (con sella beige) e Montebianco (con sella rossa). Vespa Primavera è disponibile anche nella variante Touring, uno speciale allestimento, caratterizzato da un portapacchi anteriore e da un portapacchi posteriore entrambi cromati che, come testimoniato nella più classica iconografia Vespa, aumentano in modo considerevole la capacità di carico e preparano lo scooter più amato al mondo a qualunque avventuroso tragitto. Sono parte dell’allestimento Touring anche la nuova colorazione Marrone Crete Senesi, l’elegante cupolino e la targhetta dedicata.

La nuova Vespa Sprint è declinata in due versioni: Vespa Sprint (nella cilindrata di 125 cc) e Vespa Sprint S (nelle cilindrate di 125 e 150 cc), quest’ultima caratterizzata da un accattivante colore Grigio Titanio con grafiche dedicate e cerchi verniciati in nero. Per Vespa Sprint 125 sono cinque le varianti cromatiche: Rosso Dragon, Nero Lucido, Montebianco, Giallo Positano e Blu Gaiola, tutti con sella nera.

AMPIA GAMMA DI ACCESSORI. Come sempre nella storia di Vespa, anche la nuova Primavera offre un’ampia gamma di accessori per la personalizzazione del veicolo e il maggior comfort nella guida. Li scopriremo nel prossimo numero di Wide.

INFO:
www.vespa.com/it_IT.html

Prodotto

IL GRUPPO PIAGGIO ENTRA NEL MERCATO
INDIANO DEGLI SCOOTER CON IL BRAND
APRILIA: ARRIVA LO SPORTIVO SR 150

IL SEGMENTO SCOOTER INDIANO RAPPRESENTA IL PIU’ GRANDE MERCATO AL MONDO CON QUASI 5 MILIONI DI VEICOLI VENDUTI NEL 2015 E UNA CRESCITA DEL 20% NEL 1° SEMESTRE 2016.

APRILIA SR 150 – OFFICIAL VIDEO

Milano, 14 luglio 2016Il Gruppo Piaggio prosegue nel percorso di crescita sui mercati in forte sviluppo e caratterizzati da grandi volumi con l’ingresso nel mercato indiano degli scooter con il brand Aprilia. Nei prossimi giorni verrà, infatti, avviata la commercializzazione dello scooter sportivo Aprilia SR 150 in India, territorio il cui segmento scooter rappresenta il principale mercato al mondo, con quasi cinque milioni di pezzi annui venduti nel 2015 e in crescita del 20% nel primo semestre 2016 rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.
“Dopo il successo di Ape e il posizionamento di Vespa nella fascia premium del mercato indiano  – ha commentato Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio – rafforziamo ulteriormente la nostra offerta nel subcontinente con l’ingresso nel mercato indiano dello scooter Aprilia SR 150, un veicolo che ben connota i pregi sportivi della casa di Noale e che si distingue per la dotazione tecnologica e stilistica superiore ai competitor diretti del suo segmento”.

Sachsenring, Germania, 14 luglio 2016, nel box di Aprilia Racing Team Gresini: i piloti Alvaro Bautista e Stefan Bradl con il nuovo sportbike scooter SR 150, alla vigilia del Gran Premio di MotoGp.

Il pilota Alvaro Bautista posa con il nuovo Aprilia SR 150. Nelle foto sotto: test ride sulla pista del Sachsenring dove si corre il Motomondiale.

Aprilia SR 150 sarà venduto al prezzo competitivo di 65.000 rupie (circa 880 euro), posizionandosi così in un segmento che presenta tassi di crescita perfino superiori alla progressione dell’intero mercato scooter indiano e consentirà al Gruppo Piaggio di perseguire una strategia industriale e commerciale rivolta anche alle motorizzazioni più leggere e sportive, così come nella miglior tradizione del marchio Aprilia che sin dalla sua origine ne ha decretato il successo.

CARATTERE SPORTIVO, PRESTAZIONI TOP. Aprilia SR 150 unisce il feeling di una moto sportiva con la semplicità d’uso di uno scooter, è disegnato e ingegnerizzato in Italia e prodotto negli stabilimenti del Gruppo Piaggio di Baramati, nello stato del Maharashtra. Ricco di tutti i contenuti tipici dell’inconfondibile carattere sportivo del brand, Aprilia SR 150 ha uno stile aggressivo e sportivo e prestazioni al top della sua categoria grazie al moderno e brillante monocilindrico 150cc, 4 tempi. L’estetica è fortemente caratterizzata dai grandi cerchi da 14” a cinque razze che esibiscono un design decisamente racing ripreso dalle moto da gara Aprilia, protagoniste sui circuiti del campionato MotoGP.

Il target al quale il nuovo Aprilia SR 150 si rivolge è moderno, dinamico e abbraccia anche la cultura internazionale, una nuova generazione di giovani indiani che è propulsore della crescita economica e sociale e del cambiamento del Paese. L’anima sportiva Aprilia, formatasi nelle competizioni al più alto livello e testimoniata da 54 titoli mondiali conquistati, ben ne rappresenta le ambizioni e la personalità.

Aprilia SR 150 sarà disponibile per l'acquisto nel corso del mese di agosto, ma è già possibile prenotarlo presso la rete di distribuzione del Gruppo Piaggio.

Prodotto
GAMMA PASSENGERS

PIAGGIO APE’: CITY E ROMANZA
PER AFRICA & AMERICA LATINA

NUOVE VERSIONI DELL’EVERGREEN A TRE RUOTE, PER RISPONDERE AI BISOGNI DI MOBILITA’ DELLE PERSONE NEI PAESI EMERGENTI. AGILI E AFFIDABILI SU OGNI STRADA, OFFRONO IL MIGLIOR POSIZIONAMENTO “VALUE FOR MONEY” DELLA CATEGORIA NEI MERCATI DI RIFERIMENTO.

APE’ CITY – OFFICIAL VIDEO

Sorprendente Ape: fedele a se stessa, ma sempre capace di evolversi per rispondere ai bisogni di mobilità di merci e persone. Durante i quasi 70 anni della sua lunga vita (è nata in Italia nel 1948) ha sempre fornito un servizio di mobilità “intelligente” in tutto il mondo: diffuso in decine di Paesi di ogni continente, l’operoso e instancabile veicolo a tre ruote ha aiutato, e continua a farlo, lo sviluppo sostenibile delle piccole imprese locali, dagli artigiani agli agricoltori, dai taxisti agli operatori turistici.

APE’ ROMANZA – OFFICIAL VIDEO

Un successo commerciale che dura da decenni, basato sui notissimi punti di forza: robustezza, affidabilità, bassi consumi e costi di manutenzione, design “Italian style” e un “heritage” unico nel suo genere. Le due nuove versioni – City e Romanza – entrambe destinate ai servizi di trasporto persone, sono state progettate e realizzate nel segno dell’evoluzione tecnologica e del design.

NEW APE’ CITY: NO LIMITS

La nuova versione accentua le già note caratteristiche, offrendo miglioramenti in tutti gli aspetti, soprattutto tecnico-progettuali, quali: performance, affidabilità, design esterno, interni, comfort, sicurezza, qualità. Robusta, sicura, duratura ed economica (consumi ridotti e bassi costi di manutenzione, in omaggio al principio: più si risparmia più si guadagna), la nuova Apé City è il veicolo ideale per il commuting urbano e per gli spostamenti tra le periferie e le aree più lontane da e verso le città.

Una “mission” davvero imprescindibile in numerosi Paesi dell’Africa e dell’America Latina, dove i servizi pubblici non coprono gli estesi territori. Infatti, sono i taxisti di queste zone i clienti ideali della nuova Apé City (adatta anche per il commuting privato), che si distingue anche per l’aumentata capacità di superare pendenze rilevanti (anche del 24% nella versione City High Slope). Nessun limite per lei, capace di percorrere ogni strada, anche quelle poco agibili e non asfaltate, per raggiungere le popolazioni delle zone residenziali e rurali più lontane rispetto alle principali arterie viarie. E il comfort, sia per il guidatore sia per i passeggeri, è garantito, anche se si viaggia per centinaia di chilometri. Meno stress, più comodità e sicurezza.

Tecnologia e design Made in Italy si abbinano a test di qualità all’altezza: infatti, sono stati impiegati decine di veicoli per accurate prova di durata e di affidabilità, 500 mila km percorsi (8.000 su pavé) e 2.000 ore di test al banco di prova.

Test per Apé City e Romanza sulla pista di prova, all’interno degli stabilimenti Piaggio in Italia (a Pontedera, in Toscana).

La nuova Apé City (200cc di cilindrata, disponibile in varie alimentazioni: benzina, diesel, Gpl e metano) è offerta in un’ampia gamma di colori.

NEW APE’ ROMANZA: ITALIAN LEGEND

Vanta una grande e lunga tradizione anche l’Ape in versione “Calessino”, da decenni il veicolo più “chic” per il trasporto persone nei luoghi turistici e sulle isole Italiane ed europee, quale evoluzione del fortunato veicolo a tre ruote Piaggio.
La nuova versione Apé “Romanza” decapottabile, per i mercati Africa & America Latina, è destinata in particolare a resort e hotel, ed è anche la soluzione ideale per eventi e campagne di comunicazione “on the road”.

Nuovi gli eleganti interni e la strumentazione del quadro di bordo, “Romanza” è equipaggiata con motore a benzina 200cc a 4 tempi e 4 marce, ed è capace di “scalare” strade con pendenze fino al 22%; offre consumi e costi di manutenzione contenuti, affidabilità e comfort per guidatore e due passeggeri.

Gamma colori: rosso, bianco e blu.

INFO:
www.piaggioveicolicommerciali.it

ACCESSORIES

AMPIA GAMMA DI ACCESSORI
DEDICATA A PIAGGIO MEDLEY

La linea di accessori per Piaggio Medley nasce all’insegna della tecnologia al servizio della funzionalità. Si tratta di una gamma completa di complementi pensati per Piaggio Medley che ne accrescono comfort e possibilità di utilizzo.

Le linee, i materiali e le rifiniture del parabrezza conferiscono al nuovo scooter Piaggio la migliore protezione dagli agenti atmosferici, accentuando altresì l’eleganza delle forme. Il più ridotto cupolino sottolinea la grinta e il carattere sportivo di Medley.  Grande attenzione è stata posta alla capacità di carico. In abbinamento all’ampio vano sottosella, Piaggio propone il classico bauletto da 30 litri, che può contenere 2 caschi Piaggio Style, e il nuovissimo bauletto 37 litri che estende al massimo la capacità di carico. Entrambi i bauletti sono naturalmente disponibili in tinta col colore veicolo e possono essere dotati di schienalino per il passeggero.

Per garantire la massima sicurezza è possibile installare il tappetino antiscivolo. Il coprigambe dedicato è il completamento ideale per chi non si fa spaventare dalla stagione fredda. Per chi invece non utilizza lo scooter durante l’inverno è stato previsto un telo copriveicolo impermeabile, dedicato e personalizzato con logo, che prevede aperture specifiche per parabrezza e bauletto opzionali. La linea accessori non può trascurare il tema della protezione del veicolo: il sistema antifurto meccanico sella-manubrio, previsto per Medley è comodo e semplice da applicare. L’innovativo antifurto elettronico, autoalimentato e caratterizzato dal più contenuto assorbimento energetico sul mercato, aggiunge il deterrente dell’immobilizer e di una potente sirena contro qualsiasi tentativo di manomissione.

TECNOLOGIA AMICA. Su Medley è possibile installare contemporaneamente più sistemi tecnologicamente avanzati, come il bike finder (per ritrovare velocemente il proprio mezzo nelle zone più affollate e comandare dal telecomando l’apertura sella), il Piaggio Sound System (sistema di riproduzione sonora delle informazioni, indicazioni di viaggio o musica, attraverso l’utilizzo del corpo del veicolo come diffusore) e il Piaggio Multimedia Platform.

Quest’ultima è l’esclusiva piattaforma multimediale di Piaggio che permette di connettere via bluetooth il proprio smartphone a Medley, ottenendo così una ulteriore ed eccezionalmente ricca serie di informazioni sul tragitto fatto e sullo stato di funzionamento del mezzo, oltre ad un comodo sistema di geolocalizzazione che agevola il ritrovamento dello scooter nelle aree più caotiche delle città. L’applicazione PMP è anche in grado di indicare i giri motore, la potenza e coppia erogate istantaneamente, l’angolo di piega raggiunto in curva, il consumo istantaneo e medio e il voltaggio della batteria. Inoltre indica automaticamente la strada da percorrere per raggiungere il distributore più vicino quando il carburante è in esaurimento, nonché il tipo di guida da attuare per ottenere i consumi migliori di carburante. Tutti i dati visualizzati possono essere successivamente analizzati e scaricati sul proprio computer. Nessun altro veicolo oggi sul mercato può essere dotato dello stesso equipaggiamento tecnologico garantito dalla gamma di accessori Piaggio.

COLLEZIONE CASCHI. Tocco finale, per una perfetta personalizzazione, il casco modello Piaggio Style, demi jet, disponibile in vari colori, coordinabili con le livree del Medley.

INFO:
www.piaggio.com/medley/it_IT/accessori

ACCESSORIES

PIAGGIO WI-BIKE
COLLEZIONE DI ACCESSORI DEDICATI

Tante le soluzioni per arricchire l’innovativa Piaggio Wi-Bike, sia versioni Active sia Comfort, secondo i propri gusti ed esigenze, grazie all’ampia offerta di accessori dedicati: una collezione superlativa per qualità, design, cura dei dettagli.

PIAGGIO WI-BIKE ACTIVE ACCESSORIATA

Borse polifunzionali in tessuto tecnico resistente, con cerniere anti-goccia e cuffia anti-pioggia integrata per uso ottimale in ogni stagione; casco “Flow” dal design rivoluzionario, ideale per essere indossato in ogni stazione grazie all’innovativo sistema di piastre rimovibili.

E ancora: guanti in vera pelle; set di accessori “Journey” & “Style” in vero cuoio prodotti a mano in Italia: borsa da manubrio con tracolla, borsa sottosella, borse laterali, sella e manopole. E poi, portapacchi posteriore, sella comfort, manopole con indicatori di direzione, supporto per smartphone, kit riparazione pneumatici, catena plug-in e antifurto meccanico frame lock che si installa direttamente sul telaio.

PIAGGIO WI-BIKE COMFORT PLUS ACCESSORIATA

INFO:
www.piaggio.com/wi-bike/it_IT/accessori

ACCESSORIES

GRAFICHE DI STILE
PER VESPA PRIMAVERA, SPRINT, GTS

Per customizzare la propria Vespa con un tocco di stile distintivo, l’ampia offerta di accessori originali del nuovo catalogo “Vespa Accessories 2016” offre spunti “creativi”, da cogliere al volo. Tra le novità, i kit “grafiche” nelle versioni Elegance e Sport.

KIT GRAFICHE “ELEGANCE” PER VESPA PRIMAVERA E GTS: il kit adesivo con grafiche “Elegance” è stato ideato e realizzato per impreziosire in modo rapido e semplice la propria Vespa Primavera. Gli stickers si applicano sullo scudo anteriore e sulle fiancate. Colori: antracite-nero; argento-oro; argento-antracite.

KIT GRAFICHE “SPORT” PER VESPA SPRINT E GTS SUPER: disegnato per esaltare il carattere grintoso di Vespa Sprint e di Vespa GTS Super, questo kit di adesivi è realizzato in PVC di alta qualità in grado di resistere a lavaggi, agenti atmosferici e raggi solari. Disponibile nelle varianti: nero-rosso; rosso; argento; blu; antracite-arancio; antracite-argento per la Sprint; e in nero-rosso, antracite-arancio e antracite-argento per la GTS Super.

COPRISTERZO: altra novità, dedicata a Vespa Sprint, è il copristerzo, nero opaco oppure grigio opaco, che ne sottolinea il look sportivo, da abbinare all’accessorio copri-sospensione per rifinire e personalizzare il veicolo, completandolo con il cavalletto nero, facile da montare.

E poi tante altre idee: portapacchi e protezioni cromate oppure nere, cupolini trasparenti o fumé, borse, bauletti, selle. Personalizzare la propria Vespa è…un vero divertimento!

INFO:
www.vespa.com

Event

IL GRUPPO PIAGGIO E (RED) INSIEME NELLA LOTTA all’AIDS

VESPA SI VESTE DI ROSSO PER SOSTENERE IL GLOBAL FUND. ROBERTO COLANINNO: “UNA COLLABORAZIONE GLOBALE TRA DUE ECCELLENZE MONDIALI”.

Da sinistra: Bill Gates (Fondatore e Presidente Onorario di Microsoft; Fondazione Bill & Melinda Gates) e Michele Colaninno (Consigliere di Amministrazione di Piaggio & C. S.p.A. e Chairman di Piaggio Fast Forward, Amministratore Delegato e Direttore Generale della holding Immsi) con la (Vespa) RED.

Roma, 27 giugno 2016 – Il Gruppo Piaggio e (RED) hanno annunciato l’avvio di una partnership a sostegno della raccolta fondi per il finanziamento di programmi di lotta all’AIDS. All’evento, che ha visto nascere la collaborazione tra Piaggio e (RED), era presente Bill Gates che, con la fondazione Bill & Melinda Gates, è tra i massimi protagonisti mondiali nella battaglia per la salute e il benessere nei Paesi in via di sviluppo.

L’annuncio della partnership con il Gruppo Piaggio sulla pagina FB di (RED) (quasi 4 milioni di likes). Nella foto, da sinistra: Bill Gates, Deborah Dugan, CEO di (RED), e Michele Colaninno posano la Vespa 946 con livrea rossa.

Sarà Vespa, il brand della due ruote più amata e famosa al mondo, a sviluppare un veicolo (RED). Dalla vendita di ogni esemplare 150 USD saranno destinati a sostenere le attività del Global Fund per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria. Due marchi prestigiosi, conosciuti a livello mondiale si uniscono così nella battaglia per un mondo nel quale nessun bambino possa nascere con il virus HIV.

“La partnership con (RED), una delle istituzioni più prestigiose al mondo, rappresenta un altro impegno concreto di Piaggio in questo ambito – ha sottolineato il Presidente e AD del Gruppo Piaggio, Roberto Colaninno – Per questo siamo felici e orgogliosi di essere stati scelti da (RED) per rappresentare, tra i loro partner, il mondo della mobilità. Sarà una collaborazione globale tra due realtà riconosciute nel mondo come simboli di professionalità ed eccellenza ”.

La Vespa (RED), che sarà presentata, nella sua forma definitiva, al prossimo salone mondiale del motociclismo EICMA di Milano (dal 10 al 13 novembre 2016), è stata mostrata in anteprima a Roma, nel corso di un evento del Global Fund all’Istituto Superiore di Sanità. Le Vespa che saranno prodotte nella partnership con (RED) verranno commercializzate in Europa, Asia, Area del Pacifico e Stati Uniti. Il primo gruppo di Vespa (RED) sarà messo in vendita a dicembre 2016, in concomitanza con la (RED)’s Shopathon campaign.

Deborah Dugan, CEO di (RED) ha dichiarato: “Siamo onorati di avere il Gruppo Piaggio con noi nella lotta all’AIDS, con la presentazione dell’operazione (Vespa) RED. Dalla vendita di questo iconico veicolo arriveranno fondi per sostenere il difficile lavoro del Global Fund”.

Con oltre 18 milioni di veicoli diffusi nel mondo a partire dal 1946, Vespa rappresenta un caso unico nella storia della mobilità individuale. Nata come mezzo per rimettere in moto l’Europa negli anni della ricostruzione, è diventata un simbolo di libertà unendo generazioni diverse nei cinque continenti e oggi è icona riconosciuta nel mondo dello stile italiano. Il Gruppo Piaggio è storicamente sensibile alle problematiche legate alla salvaguardia della salute dei bambini; ne è un esempio la recente iniziativa Vespa For Children, charity internazionale che ha permesso di realizzare, in collaborazione con l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, un programma di attività medico-chirurgiche al National Hospital For Pediatrics di Hanoi in Vietnam.

GRUPPO PIAGGIO

www.piaggiogroup.com

VESPA

www.vespa.com/it_IT

(RED)

Fondata nel 2006 da Bono e Bobby Shriver, (RED) ha contribuito per 350 milioni USD al Global Fund per la lotta ad AIDS, Tubercolosi e Malaria. I finanziamenti sono arrivati in Ghana, Kenya, Lesotho, Ruanda, Sudafrica, Swaziland, Tanzania e Zambia, con il 100% delle risorse destinate ad attività in loco. Gli aiuti di (RED) al Global Fund hanno avuto impatto su più di 70 milioni di persone con attività di prevenzione, cure, consulenze, test HIV e servizi di assistenza.
www.red.org

Event

PIAGGIO WI-BIKE BY APRILIA RACING
NEL PADDOCK DELLA MOTOGP

I PILOTI BRADL E BAUTISTA IN SELLA AD UNA VERSIONE SPECIALE DELL’ULTIMA NOVITA’ DEL GRUPPO PIAGGIO IN TEMA DI MOBILITA’ EVOLUTA.

Dalla storia unica di stile e tecnologia del Gruppo Piaggio nasce Piaggio Wi-Bike, un mezzo completamente nuovo che soddisfa i bisogni più evoluti e le tendenze più avanzate di mobilità, ben oltre il concetto di bicicletta a pedalata assistita elettricamente. Nel paddock della MotoGP, addetti ai lavori e appassionati ne hanno potuto ammirare una grintosa versione in chiave racing, trasformandola nel mezzo ideale per gli spostamenti di piloti e tecnici durante il weekend di gara. E' la Wi-Bike firmata Aprilia Racing, uno dei reparti corse più vincenti nella storia grazie ai 54 Titoli Mondiali conquistati in tutte le discipline del motorsport a due ruote.

Le caratteristiche di Wi-Bike, perfettamente allineate ai valori di tecnologia e innovazione espresse da Aprilia nell'impegno in MotoGP, in questa versione speciale sono immediatamente esaltate da una colorazione esclusiva: argento e rosso fluo dipingono le forme moderne di telaio e meccanica, con un forte richiamo alla livrea portata in pista dalle RS-GP di Alvaro Bautista e Stefan Bradl, i piloti Aprilia Racing Team Gresini che competono nel Motomondiale 2016.

Dal punto di vista tecnico, la personalizzazione prevede nuovi pneumatici adeguati all'utilizzo, freni a disco su entrambe le ruote e una ri-mappatura del sistema di gestione elettronico per enfatizzare lo spunto offerto dalla propulsione elettrica nei brevi scatti tipici degli spostamenti nel paddock.

La batteria da 400 Wh agli ioni di litio, è elegantemente alloggiata sotto la sella in corrispondenza del tubo verticale e fornisce un’autonomia particolarmente elevata, mediamente compresa tra i 60 e i 120 chilometri in dipendenza delle modalità e condizioni di utilizzo.

Il tempo di ricarica completa è di poco più di 3 ore. La batteria garantisce il più alto livello di sicurezza ed è completamente stagna (grado IP 65). Piaggio Wi-Bike adotta la trasmissione a cinghia in combinazione con un evoluto cambio automatico a variazione continua, assistito elettronicamente per assicurare sempre il miglior rapporto tra un’ampia scelta di combinazioni.
La Wi-Bike by Aprilia Racing, che ha debuttato nel Gran Premio d’Italia, Autodromo del Mugello, lo scorso maggio, ha suscitato molto interesse: una irresistibile attrazione per i numerosi Aprilia fans che hanno fotografato la novità, selfie compresi.

Event
A SYDNEY, IN AUSTRALIA

VESPA IN CATTEDRA ALL’UNIVERSITA’:
“INSEGNA” VISUAL IDENTITY & COMMUNICATION

“UNSW PIAGGIO PROJECT” E’ LO SPECIALE CORSO DELLA FACOLTA’ DI ART & DESIGN, NATO DALLA COLLABORAZIONE CON L’ATENEO DI PADDINGTON. LA “SFIDA” PER GLI STUDENTI E’ IDEARE PROGETTI CREATIVI PER VALORIZZARE LO SCOOTER-ICONA DEL MADE IN ITALY, AUMENTANDONE PERCEZIONE E APPEAL.

Immagini tratte dal concept di Jessica Hombre (UNSW Australia Art & Design); modulo di Visual Identity nell’ambito del corso accademico con Vespa protagonista.

IN CLASSE CON VESPA. Caratterizzata da un’economia stabile e da una popolazione in crescita, l’Australia rappresenta un mercato strategico per Piaggio dove investire, anche valorizzandone i giovani talenti creativi. Con un forte bagaglio emozionale legato al suo spirito Italiano intriso di stile ed eleganza, Vespa registra da decenni la crescita dell’iconico marchio worldwide, segnando in maniera distintiva il suo dominio nel settore scooter a livello internazionale. Dettata da un’unicità culturale e di “lifestyle”, l’Australia tuttavia può sembrare non percepire gli stessi canoni comportamentali ed emozionali dell’Europa. Ecco che, intorno a questi temi e in risposta a queste evidenze, Nicola Capello, Area Manager Australia & New Zealand (nell’ambito di Piaggio Asia Pacific 2 Wheeler di Piaggio Group), con il suo team, ha stretto una collaborazione con la facoltà universitaria Art & Design/UNSW di Sidney, coinvolgendo oltre 300 studenti del 2° e 3° anno di studi.

I giovani creativi universitari sono stati chiamati a sviluppare concetti di design che comunicano visivamente come Vespa s’inserisce nel contesto australiano contemporaneo, con l’obiettivo di aumentarne appeal e percezione, indirizzando “messaggi visivi” efficaci ai diversi target di consumers. E’ nato così il corso specifico, chiamato “UNSW Piaggio Project”, preparato di concerto con i docenti, per venire incontro alle necessità accademiche, e suddiviso in due specializzazioni di Graphics Media: il modulo “Visual Identity” e quello “Visual Communication”.

UN’ESPLOSIONE DI CREATIVITA’, E I MIGLIORI PROGETTI SARANNO PREMIATI

Immagine tratta dal progetto di Kaitlin Polkinghorne (UNSW Australia Art & Design); modulo di Visual Identity.

L’unicità del progetto, che vede collaborare strettamente azienda e università, ha portato a una forte interazione con gli studenti, aumentando visibilità e awareness del brand Vespa e stimolando ulteriore interesse per il Gruppo Piaggio. Infatti, gli studenti hanno avuto la possibilità di lavorare direttamente con il team aziendale, sviluppando concetti creativi mirati, che rivelano entusiasmo, emozioni, passione e grande interesse per il mondo Vespa.

Immagine tratta dal progetto di Niklas Gustavsson (UNSW Australia Art & Design); modulo di Visual Identity.

Visibilità del brand e sua rilevanza per il consumatore finale, considerando i diversi target di riferimento, dal giovane “hipster” al commuter cittadino ed ecologico, al viaggiatore evergreen, sono stati tra i punti chiave su cui fare leva e ispirarsi. Anche progettando accessori originali, legati al lifestyle che caratterizza ed esprime il cliente australiano, come il “porta-tavola da surf” o le grafiche per la personalizzazione della Vespa.

Iniziato nel febbraio 2016, il corso è stato portato a termine dagli studenti di “Visual Identity” con la preparazione di oltre di 150 concept, mentre il secondo modulo di “Visual Communication” si conclude a fine giugno. Al termine del corso saranno proclamati i tre progetti finalisti, selezionati da un team congiunto Piaggio-UNSW. E gli autori “guadagnano” un’esperienza di due mesi da vivere nell’ambito del team australiano di Piaggio Group, quale esperienza formativa altamente qualificata. Nel prossimo numero di Wide scopriremo i tre progetti vincitori. Intanto gustiamo, nelle immagini e nelle gallery di quest’articolo, alcuni concept degli studenti del modulo di Visual Identity.

Immagine tratta dal progetto di River Le Drifter (UNSW Australia Art & Design); modulo di Visual Identity.

MORE INFO ON UNSW ART & DESIGN WEBSITE; NEWS: ICONIC VESPA DESIGN ADAPTED FOR NEW 21ST CENTURY MARKETS. Italian design masters at the classic Piaggio brand have challenged UNSW Art & Design students to adapt and tailor scooter designs synonymous with everything the world loves about Italy.
www.artdesign.unsw.edu.au/whats-on/news/iconic-vespa-design-adapted-for-new-21st-century-markets

Event

A PARIGI, EVENTI
PER I 70 ANNI DI VESPA

Eventi a Parigi per celebrare il 70° compleanno di Vespa. Piaggio France e il big dealer “Urgence Scooters” hanno promosso attraenti iniziative per l’occasione: una mostra retrospettiva con immagini eccezionali selezionate dal prestigioso magazine Paris Match, con protagoniste le star del cinema, da Natalie Wood a John Wayne, da Brigitte Bardot a Paul Newman, fotografate con i leggendari modelli Vespa; presentazione della nuova “Vespa 70°” edizione limitata (declinata nei modelli Primavera, GTS e PX), che rappresenta un concentrato di tecnologia ed eleganza Italiane.

E ancora, l’inaugurazione di tre nuovi showroom a Parigi – Urgence Scooters Bastille (boulevard Beaumarchais), Urgence Scooters Porte de St. Cloud (rue Claude Terrasse) e La Clinique du scooter nel 13° arrondissement (boulevard de l’l'Hôpital) – tutti e tre situati nel “cuore” della capitale e realizzati nello “stile” dei Motoplex, i flagship stores del Gruppo Piaggio, presenti nelle grandi aree metropolitane del mondo, come Milano, Shanghai, Pechino, New York, Pune.

OPENING URGENCE PARIS BASTILLE

Così, tra maggio e giugno, clienti, giornalisti, Vip, appassionati e Vespisti (dei Vespa Club de France e di Paris-Ile de France), tra un evento e l’altro, apprezzando la mostra fotografica dedicata al cinema, “itinerante” da uno showroom all’altro, hanno festeggiato il compleanno di Vespa, icona indiscussa da 70 anni, amatissima dai francesi e in particolare dai parigini.

OPENING PARIS 13ÈME LA CLINIQUE DU SCOOTER

OPENING URGENCE PORTE DE ST. CLOUD

INFO:
www.vespa.com/fr_FR
www.urgence-scooters.com

MARKETS

GRUPPO PIAGGIO SI RAFFORZA IN SUD AMERICA
CON I BRAND VESPA E PIAGGIO

SIGLATI ACCORDI IN ARGENTINA, BRASILE, URUGUAY. ULTERIORI PROGRAMMI DI COMMERCIALIZZAZIONE ANCHE IN MESSICO, ECUADOR E COLOMBIA.

Milano, 7 luglio 2016 – Il Gruppo Piaggio ha siglato nei giorni scorsi importanti accordi per la commercializzazione dei brand Vespa e Piaggio nel mercato sud americano. Già presenti in alcuni territori sud americani, i prossimi Paesi nei quali gli scooter saranno venduti sono il Brasile, l’Argentina e l’Uruguay. E’ previsto, inoltre, un ulteriore programma di commercializzazione nei prossimi mesi anche in Messico, Ecuador e Colombia.

“Dopo aver implementato l’espansione nei Paesi asiatici, ora puntiamo a tornare da protagonisti anche in Sud America”, ha dichiarato Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio (nella foto d’archivio, ndr). “Con la sigla di questi importanti accordi di commercializzazione ci apriamo a un mercato per noi ancora poco esplorato ma fiorente e in continua espansione. Sono stati per primi i mercati locali a chiederci il ritorno della Vespa nei loro territori e siamo convinti che anche questo tassello di espansione e crescita aprirà presto nuove opportunità anche per gli altri marchi”.

Entro la fine del 2016 sono previste inoltre le aperture di quattro concept store Motoplex in terra carioca, e precisamente nella zona sud di San Paolo (SP), a Rio de Janeiro (RJ), a Curitiba (PR) e nella Regione Metropolitana di Belo Horizonte (MG).

In Brasile il segmento scooter sta vivendo un periodo di crescita particolarmente favorevole, e ha registrato un incremento del 60% tra il 2009 e il 2015, raggiungendo le 300 mila unità, pari al 18% del totale dei veicoli due ruote motorizzate venduti.

Panorama di San Paolo del Brasile, capitale dello Stato omonimo. Vanta alcuni primati: è la più popolosa città del Paese (oltre 11 milioni di abitanti), la più vasta e popolosa città dell'emisfero australe e tra le più popolose in assoluto di entrambi gli emisferi. Nella Regione Metropolitana di San Paolo vivono più di 20 milioni di persone, è quindi la terza area metropolitana per numero di abitanti del globo.

INFO:
www.piaggiogroup.com


www.motoplexpiaggio.com

MARKETS
GRANDI FLOTTE

A ROMA: AL VIA LO SCOOTER SHARING
TARGATO ENJOY CON PIAGGIO MP3

DOPO MILANO, SBARCA NELLA CAPITALE IL SERVIZIO CHE METTE IN CONDIVISIONE GLI SCOOTER A TRE RUOTE, ATTIVO ANCHE A TORINO, FIRENZE E CATANIA.

Enjoy - Piaggio MP3

Roma, 10 giugno 2016 – Enjoy ha annunciato l’arrivo a Roma del servizio di scooter sharing a rilascio libero (modalità “free floating”), realizzato in partnership con il Gruppo Piaggio e Trenitalia. Anche la Capitale entra così nell’era del vehicle sharing. La presentazione è avvenuta nella sala Congressi di Palazzo Mattei, alla presenza del Direttore Commerciale R&M and Chemicals di Eni, Paolo Grossi, del Responsabile Innovazione Strategica del Gruppo Piaggio, Luca Sacchi e di Ernesto Sicilia di Trenitalia.

300 scooter a tre ruote Piaggio MP3 (versione 300LT Business ABS) costituiranno la flotta a pieno regime a disposizione dei cittadini romani. I veicoli, progettati e sviluppati in stretta collaborazione tra Eni e il Gruppo Piaggio per lo specifico utilizzo in modalità sharing, garantiscono sicurezza, facilità d’uso e una gestione semplice del mezzo: limitazione della velocità massima a 90km/h, dotazione di due caschi posti sotto la sella e cuffiette igieniche monouso.

Gli MP3 Enjoy potranno essere guidati con patente italiana di categoria A e B (a partire dai 21 anni di età per le patenti A e B, patente A2 e 21 anni di età se presa prima del 19 gennaio 2013), e con patenti estere riconosciute dal servizio Enjoy. I nuovi utenti si possono registrare tramite app o sul sito enjoy.eni.com, mentre a chi è già iscritto basterà solo aggiornare il profilo per abilitare il nuovo servizio. In entrambi i casi, per ultimare la procedura, sarà necessario completare la visione di un video tutorial con le informazioni necessarie al corretto utilizzo dello scooter.

Gli MP3 rossi possono essere rilasciati al termine dell’utilizzo in qualsiasi spazio consentito all’interno dell’area di copertura di 52 kmq, concentrata nella zona centrale della città così da aumentare la disponibilità dei mezzi nelle zone a maggior richiesta, semplificando gli spostamenti ed i parcheggi e decongestionando la circolazione. Il parcheggio è gratuito negli stalli riservati agli scooter all’interno del Comune di Roma e nelle aree dedicate presso le Eni Station cittadine.

Altra novità per gli utenti capitolini, sarà l’assenza del computer di bordo sotto la sella: l’utilizzo dello scooter sarà infatti gestito, per la prima volta, tutto tramite app: dalla prenotazione, allo sblocco con inserimento del pin e fino al termine del noleggio. Questo aggiornamento tecnologico riguarderà nel tempo tutti i mezzi della flotta Enjoy, in tutte le città in cui il servizio è attivo (Milano, Torino, Firenze e dal 13 giugno Catania).

Con l’arrivo dei 300 MP3 Piaggio, la flotta Enjoy sale con le auto ad un totale di 900 mezzi, che ampliano ancor di più le possibilità per romani, city users e utenti con patente estera, di scegliere forme di mobilità sostenibile e condivisa nella Capitale. Ad oggi, dopo due anni e mezzo dalla partenza del servizio, Milano, Roma, Firenze e Torino si totalizzano complessivamente più di 470 mila iscritti e 7 milioni e 700 mila noleggi. Infine, per chiedere assistenza, gli utenti hanno a disposizione un numero verde dedicato, in funzione h 24: 800.900.505. Per scoprire nuovi servizi e altre partnership, nonché condividere immagini, suggerimenti ed esperienze in tempo reale, si possono utilizzare i profili social Facebook e Twitter di Enjoy. Buona guida!

INFO:
enjoy.eni.com/it/roma/home

IL LANCIO A CATANIA:
LA PRIMA CITTA’ DEL SUD

Catania, 13 giugno 2016 – Il sindaco Enzo Bianco ha annunciato l’arrivo a Catania di Enjoy, il servizio di vehicle sharing a rilascio libero, realizzato da Eni con le partnership di Fiat, del Gruppo Piaggio e di Trenitalia, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta presso la Sala Bellini del Palazzo degli Elefanti (sede del Comune di Catania); erano presenti Salvatore Sardo (Chief Refining & Marketing and Chemicals Officer di Eni), Luca Sacchi (Responsabile Innovazione Strategica del Gruppo Piaggio), Stefano Cesini (Responsabile Marketing Fiat di FCA area EMEA) ed Ernesto Sicilia di Trenitalia.

Catania è la prima città del Sud, e la quinta dopo Milano, Roma, Firenze e Torino, ad innovare la mobilità cittadina, puntando sulla new sharing experience di Enjoy, che ha aderito all’avviso pubblico indetto dall’Amministrazione Comunale catanese a sostegno della diffusione di nuovi servizi di car/scooter sharing, che mirano a ridurre il parco veicoli privato, decongestionare il traffico e migliorare la qualità della vita di chi vive, visita e lavora in città. A Catania la flotta Enjoy sarà di 200 veicoli, 170 Fiat 500 e 30 scooter MP3 Piaggio, che potranno essere rilasciati al termine dell’utilizzo, all’interno dell’area coperta dal servizio che sarà di circa 30 kmq.

IL COMMENTO VIDEO
DI LUCA SACCHI

INFO:
enjoy.eni.com/it/catania/home

Markets
DA AFRICA E AMERICA LATINA

IMPORTATORI OVERSEAS IN TOSCANA
PER IL LANCIO DELLE NUOVE APE’ CITY E ROMANZA

La storica Villa Medicea di Artimino, chiamata anche La Ferdinanda o Villa dei cento camini, è un gioiello seicentesco incastonato su un poggio di fronte a quello dell’omonimo paese medievale, frazione del comune di Carmignano (Prato), nel cuore della Toscana. Da anni la residenza patrizia è rinomata sede di congressi ed eventi, e ospita anche il Museo archeologico comunale. E’ la straordinaria location scelta da Piaggio Veicoli Commerciali per presentare ai suoi importatori overseas le nuove Apé City e Apé Romanza, impiegate per il trasporto passeggeri e destinate in particolare ai mercati dell’Africa e dell’America Latina.
Al lancio in India ad inizio anno, da parte della consociata PVPL (Piaggio Vehicles Private Limited), per dealer e importatori asiatici, è quindi seguito in Italia, lo scorso maggio (nei giorni 16 e 17), l’evento di presentazione agli importatori dei principali mercati di riferimento, gestiti direttamente dalla direzione Mercato EMEA ed Emerging Markets 3-4 Ruote: così la villa toscana ha ospitato businessmen provenienti da Colombia, Guatemala, Honduras, Peru, Etiopia, Somalia, Kuwait, Indonesia, Tunisia, Sudan, Marocco, Gibuti.

Due giorni straordinari e intensi per loro, tra meeting e test ride. Occasione di rilievo, inoltre, per conoscere il team di Piaggio Veicoli Commerciali: oltre alla presentazione di dettaglio dei nuovi prodotti e alle prove su strada dei veicoli, gli importatori hanno saggiato direttamente l’organizzazione aziendale che li supporta, dal marketing e comunicazione al commerciale, dai servizi di post-vendita, ricambi e assistenza tecnica alla logista, fino alle sessioni di training e ai meeting formativi per gli addetti della rete dei dealer gestiti dagli importatori. Numerosi gli eventi già effettuati di recente con oltre 300 tecnici partecipanti (di Honduras, Etiopia, Peru e Paraguay), con prossime tappe nei paesi africani (a luglio) e in America Latina (dove a novembre è previsto un international meeting). A tutto ciò si aggiungono supporti specifici (documentazione, video, newsletter, manuali, cataloghi online, periodiche call conference e altri strumenti).

Una partnership di valore, è stato sottolineato durante il meeting, tra Piaggio Veicoli Commerciali/Gruppo Piaggio e gli importatori, per raggiungere il comune obiettivo di crescere insieme in quei mercati dove i sempre maggiori bisogni di mobilità delle persone, che risiedono in vasti territori, non raggiunti da reti stradali o da servizi pubblici, trovano una risposta efficace nei veicoli a tre ruote della gamma Apé, erede di prodotti che da quasi settant’anni muovono merci e persone in numerosi paesi del mondo. Tradizione, esperienza, competenza e forza del marchio si abbinano al miglioramento continuo, estetico e tecnologico. E i nuovi modelli City e Romanza ne sono una conferma.

PREMIATI THE BEST IMPORTERS

Il meeting a Villa Artimino è stato anche l’occasione per premiare i migliori importatori e distributori delle gamme Piaggio Commercial Vehicles nell’ambito del Mercato EMEA ed Emerging Markets 3-4 Ruote: il direttore Vincenzo Scardigno e Sergio Rubino (Head of 3-4W Overseas Markets) hanno assegnato riconoscimenti per le eccellenti performances a: Tagrow Business PLC (Etiopia), “Best Market Share Africa 2015”; Pelican Motors LTD (Somalia), “Outstanding Sales Growth 2015”; Central Americana de Distribution Cadisa (Guatemala) “Best Market Share Latin America 2015”; Italgama S.a.s. (Colombia), “Best Pratice Cargo Business 2015”.

APEWAY ETHIOPIA: VERSO NUOVI RECORD

A proposito di performances, durante l’evento è stata ricordata la straordinaria avventura che nel 2015 ha visto protagoniste tre Piaggio Ape e gli equipaggi del Taurinorum Team. Hanno attraversato il Paese africano, supportando iniziative di ONG che operano in favore delle popolazioni locali, promuovendo la sicurezza stradale e segnando un record: Ape è stato il primo veicolo a tre ruote della storia che ha attraversato la Omo Valley. Spedizione sostenuta da Piaggio Commercial Vehicles e dall’importatore etiope Tagrow, in collaborazione con l’Ambasciata Italiana di Addis Abeba. E’ già sono in cantiere prossime imprese (e nuovi record da segnare): i Paesi dove compierle certo non mancano, a giudicare dall’entusiasmo con cui gli importatori africani e centro-sud americani hanno accolto il video dell’impresa proiettato al meeting. Rivediamolo qui:

ApeWay Ethiopia

Articoli e reportage sulla spedizione ApeWay Ethiophia sono pubblicati su Wide Magazine:
wide.piaggiogroup.com/archive/
wide1_16/scooter/index.html#/Adventure

wide.piaggiogroup.com/archive/
wide6_15/scooter/index.html#/Adventure

Markets
“GRANDI CLIENTI”/1

IN ISRAELE: LE FLOTTE
DI PIAGGIO MP3

Military Police of Israel Defence Forces.

PER LE POLIZIE ISRAELIANE. Negli ultimi due anni quasi 700 Piaggio Mp3 sono stati consegnati da Ofer Motor Co. Ltd., importatore del Gruppo Piaggio in Israele e Palestina, ad una serie di “grandi clienti”, alcuni dei quali – come “Red Shield of David” (la Croce Rossa) e Polizia – da anni scelgono il maxi scooter Piaggio per le loro flotte. Qui sintetico tour tra le più recenti acquisizioni.

Israeli Police ha 350 nuovi veicoli 300ie (in allestimento speciale, con bauletto, sirena, lampeggianti e livrea personalizzata), che sono utilizzati dagli agenti in servizio di pattugliamento, per mantenere l’ordine pubblico e la sicurezza.

Altri 30 veicoli Piaggio Mp3 customizzati sono stati assegnati alle pattuglie della Israel Military Police, operative in azioni di controllo del territorio.

La nuova flotta va ad accrescere gli strumenti delle Forze di Difesa israeliane (ID, Israel Defence Forces). In questa gallery, immagini di dettaglio dei veicoli in allestimento polizia, con dotazioni ed equipaggiamenti specifici.

THE RED SHIELD OF DAVID: IL SOCCORSO MEDICO SU TRE RUOTE. Altro “grande cliente” in Israele è “Red Shield of David” (la “Croce Rossa” nazionale), dell’organizzazione Magen David Adom.

I suoi paramedici svolgono interventi di primo soccorso medico d’emergenza (pre-ricovero ospedaliero), oltre che con elicotteri e ambulanze, anche in sella ad un’agile flotta di Mp3 (200 veicoli da 300 di cilindrata ad iniezione elettronica, in allestimento speciale customizzato, con bauletto, sirena, lampeggianti), particolarmente adatti per muoversi rapidamente nelle strade strette dei centri storici; uguale necessità per il servizio di trasporto urgente di sangue, svolto dagli operatori in sella alla grintosa versione “Fuoco” (customizzato per le specifiche esigenze).

L’organizzazione Magen David Adom gestisce centinaia di migliaia di interventi “salva vita” ogni anno. Formazione specifica dedicata a operatori e paramedici è garantita dallo staff tecnico dell’importatore Ofer Motor del Gruppo Piaggio.

ISRAEL ELECTRIC CORP. Altri 50 Piaggio Mp3 da 300cc (con livrea personalizzata, logo e bauletto) sono in servizio della compagnia governativa pubblica che produce elettricità per tutti i settori in Israele e per l’Autorità Palestinese.

La Israel Electric Corp. si occupa di produzione di energia elettrica, trasformazione, distribuzione, fornitura e vendita a clienti e aziende. I veicoli sono utilizzati da tecnici e lettori di contatori: interventi di manutenzione e servizi sono così più rapidi ed efficienti.

BEZEQ TELECOMMUNICATION. Anche la compagnia leader nel settore delle telecomunicazioni, che fornisce telefonia e servizi internet, si è dotata per la mobilità dei suoi tecnici di una flotta di 30 Piaggio Mp3 da 300cc, customizzati, che solca quotidianamente le strade del Paese.

Markets
“GRANDI CLIENTI”/2

IN SPAGNA LA PIZZA ARRIVA
SU PIAGGIO LIBERTY “DELIVERY

Telepizza, nata a Madrid quasi 30 anni fa come impresa familiare, è stata la prima del settore in Spagna ed ora è la più grande, già pioniera della consegna a domicilio. E’ diventata un’azienda internazionale: oggi conta 1.300 negozi/ristoranti nel mondo, 26 mila dipendenti, 60 milioni di pizze vendute ogni anno, oltre un milione di followers sui suoi canali social. Ed è uno dei “Grandi Clienti” del Corporate Business del Gruppo Piaggio, la cui selling agency spagnola ogni anno fornisce a Telepizza circa 300 Piaggio Liberty, da 50 e da 125cc, in versione “delivery”, con bauletto posteriore specifico, omologato per il trasporto alimentare, e livrea personalizzata con il nuovo logo. Nelle foto di repertorio qui sotto, flotte di Piaggio Liberty degli anni scorsi, con il precedente marchio di Telepizza. Quel che non è cambiato è il sempre rapido ed efficiente servizio di consegna a domicilio delle sue golose specialità, grazie anche all’agile ed elegante Liberty, abilissimo a districarsi nel traffico cittadino e raggiungere i clienti anche nelle vie strette dei centri storici.

INFO:

www.telepizza.es
www.telepizza.com

PORTOGALLO: PRESENTAZIONE IN AMBASCIATA DEL PIAGGIO GROUP CORPORATE BUSINESS

Evento del Corporate Business del Gruppo Piaggio nella splendida sede dell’Ambasciata Italiana in Portogallo, a Lisbona. Le flotte veicoli (scooter e moto, nei vari allestimenti speciali) sono state presentate alle più importanti istituzioni pubbliche e aziende private, in particolare operanti nell’ambito delle forze di sicurezza e dei servizi di consegna. In esposizione, le versioni “Police” di Piaggio Mp3, Beverly e Liberty, delle Moto Guzzi Norge e Stelvio, delle Aprilia Mana e Caponord; con Piaggio Liberty “Delivery” e la nuova Piaggio Wi-Bike. Tra gli ospiti c’erano alti rappresentanti dei Ministeri dell’Ambiente e della Difesa Nazionale, della Guardia Nazionale Repubblicana, dell’Autorità della Protezione Civile, nonché importanti rappresentanti della Câmara Municipal de Lisboa, de Cascaos, de Oeiras. I manager del Piaggio Corporate Business hanno presentato le flotte (da anni sono scelte da numerose istituzioni pubbliche e aziende private in tutto il mondo), sottolineandone i punti di forza noti e riconosciuti dai “Grandi Clienti” (innovazione tecnologica, elevata customizzazione, servizi post vendita).

INFO CORPORATE BUSINESS PIAGGIO GROUP:

www.fleet.piaggiogroup.com

ART & MORE

VESPA NEWS INTORNO AL MONDO:
DA PARIGI A TOKYO, DALLA SVEZIA A MILANO

Giro del mondo attraverso una selezione di notizie stuzzicanti, tra arte, eventi e curiosità. Protagonista Vespa, ma non solo.

FRANCIA: A PARIGI, “VESPA COLETTE”

Per celebrare i 70 anni di Vespa la famosa boutique Colette ha personalizzato una Vespa Primavera 50 2T, poi esposta in vetrina del grande store (700 metri quadrati in rue Saint-Honoré) della capitale. Livrea bianca e dettagli nell’esatta nuance blu del brand francese, dalla sella ai cerchi ruota. Deliziosa. Chi sarà il fortunato acquirente di questo “pezzo unico”?

INFO:
www.colette.fr/content/vespa-x-colette

GIAPPONE, TOKYO: L’APE FIORITA DI AZUMA MAKOTO

Un'Ape Piaggio interamente ricoperta di fiori, rami e foglie: è la creazione dell’artista giapponese Azuma Makoto (famoso per le sue “sculture floreali”), realizzata per la boutique Fendi nel quartiere di Ginza (area commerciale del lusso e dei ritrovi raffinati), a Tokyo in Giappone. Il veicolo, non solo un’installazione artistica, è diventato uno store su tre ruote, dove sono in vendita i bouquet di fiori creati da Makoto, che firma per Fendi anche una serie di borse in edizione limitata. Incredibile Ape: ispira anche gli artisti.

INFO:
www.azumamakoto.com

SVEZIA: A KINNEKULLE IL MUSEO DEGLI SCOOTER

E’ il primo, il più grande e unico museo dedicato agli scooter della Svezia. Si trova a Kinnekulle, è aperto da maggio ad agosto (orario: 11-17, ingresso libero). Una vecchia fattoria è stata trasformata in uno scrigno di 600 mq, che racchiude veicoli storici di vari marchi. Immancabile Vespa con ampia sezione dedicata, dove sono esposti pezzi rari e pregiati. Nella collezione ci sono anche Moto Guzzi Galletto e un’Ape Piaggio.

Il museo attrae appassionati e intenditori: avviato nel 2013 da un gruppo di amici, è visitato da oltre 5.000 fans ogni stagione. A fine estate va in “letargo” circondato dalla neve, per riaprire nel maggio successivo.
Qui una clip video tratta dalla pagina FB ufficiale:

INFO:
www.scootermuseum.se

ITALIA: VESPA D’EPOCA AL CONCORSO D’ELEGANZA VILLA D’ESTE

La prima edizione del “Concorso d’eleganza Villa d’Este” risale al 1929: grande tradizione per l’esclusivo evento internazionale dedicato ad automobili e motociclette d’epoca e rare (e ai numerosi proprietari, collezionisti, appassionati). Il concorso si svolge ogni anno al Grand Hotel Villa d’Este e Villa Erba, a Cernobbio, sul Lago di Como. Vespa, icona di stile e di design, è ben conosciuta avendo all’attivo varie partecipazioni. Quest’anno l’ha portata in passerella il collezionista-Vespista Marco Fumagalli: una Vespa Sport Velocità del 1949, con livrea rossa, un cilindro, 125cc. Esemplare raro di veicolo da competizione a tiratura limitata, che ha concorso nella classe D (pilota privato), classificandosi al terzo posto, ammirata e applaudita dal raffinato pubblico e dalla giuria. Per la cronaca, il primo premio di categoria e il riconoscimento “Best of Show” sono stati assegnati alla moto inglese Grindlay Peerless 100 del 1929. Ha partecipato al concorso 2016 anche una Gilera VT GS del 1938.

INFO:
www.concorsodeleganzavilladeste.com/it

MOSTRA DISNEY: TOPOLINO “VESPISTA” ALLA TRIENNALE

Disney Italia ha presentato la mostra open air “TOPOLINO E L’ITALIA”. In occasione della XXI Esposizione della Triennale Milano Design After Design, dal 22 aprile al 15 maggio, venti statue di Topolino, personalizzate dalla creatività di eccellenti marchi italiani, tra cui Vespa, hanno animato il giardino della Triennale. La statua di Topolino “Vespista” esprime l’amore per l’aria aperta, la dinamicità, la curiosità e la voglia di scoprire il mondo, proprio come lo scooter più famoso del mondo. Ed entrambi, Vespa e Topolino, hanno cambiato le nostre vite, illuminandole di gioia e fantasia.

Per questo Vespa ha immaginato un Topolino perfetto rider (jeans, giubbotto, occhialoni e casco firmato Vespa pronto da indossare), in procinto di lanciarsi in nuove avventure, in sella al mitico scooter. Dopo l’esposizione milanese, le statue viaggeranno nelle principali città italiane e, a novembre, la mostra terminerà il suo tour a Milano per una grande asta benefica, battuta da Sotheby’s, a favore di ABIO Italia Onlus, per la realizzazione di spazi a misura di bambino negli ospedali italiani.

INFO MOSTRA (CON VIDEO):
www.eventi.disney.it/topolinoelitalia

ANNIVERSARY
2006-2016

BUON COMPLEANNO PIAGGIO MP3:
“INIMITABLE!”

Salon de la Moto, Parigi, 2013

E’ LO SCOOTER DEI PRIMATI, IL PIU’ INNOVATIVO ED EVOLUTO DELL’ULTIMO DECENNIO: IL PRIMO AL MONDO CON TRE RUOTE, IL PRIMO AL MONDO CON DOPPIA PROPULSIONE (TERMICA ED ELETTRICA) DEL MODELLO HYBRID, IL PRIMO AL MONDO CON SISTEMA DI FRENATA ABS E CONTROLLO ASR CHE EQUIPAGGIANO I VEICOLI ATTUALI. MP3 FU LANCIATO DIECI ANNI FA E CREO’ UN NUOVO SEGMENTO DI MERCATO, RIVOLUZIONANDO LA MOBILITA’ METROPOLITANA, E NEGLI STATES LO CHIAMAVANO “THE NEW VESPA”. CONTINUA A MIETERE SUCCESSI: IN FRANCIA E’ IL PIU’ AMATO, E SEMPRE PIU’ RICHIESTO ANCHE DA “GRANDI CLIENTI” INTERNAZIONALI PER LE LORO FLOTTE.

New Piaggio Mp3 - Official Video

Piaggio Mp3, lanciato nel maggio 2006, ha creato un segmento completamente nuovo di mercato ed ha cambiato le regole della mobilità urbana, introducendo livelli di sicurezza e piacere di guida prima sconosciuti. Il successo di Piaggio Mp3 si deve all'esclusiva tecnologia Piaggio delle due ruote anteriori indipendenti e basculanti, che il Gruppo leader europeo ha sviluppato e diffuso per primo, per unire la sicurezza di tipo automobilistico alla praticità, semplicità di uso e divertimento tipico delle due ruote.

Piaggio Mp3, considerato a buon diritto l'anello di congiunzione tra il mondo delle auto e quelle degli scooter, si è evoluto negli anni e si presenta oggi completamente rinnovato, proponendo un inedito design, nuove caratteristiche tecniche e una dotazione eccezionale di sistemi elettronici di controllo che ne innalzano ulteriormente le caratteristiche di sicurezza. Finora venduto in oltre 150 mila esemplari, offre comfort, sicurezza, divertimento nella guida, motorizzazioni evolute per migliorare le prestazioni e ridurre i consumi.

Mp3 non teme concorrenti: in Francia è il preferito, anche da François Hollande che, prima di diventare Presidente quando poteva muoversi più liberamente, affrontava il traffico parigino in sella al tre ruote italiano; apprezzato da altri numerosi altri Vip come George Clooney.

Negli Stati Uniti, dove ha numerosi estimatori in continua crescita, quando debuttò sul mercato lo chiamavano “the new Vespa” a sottolineare la straordinaria novità: Vespa nel 1946 ha cambiato la mobilità individuale, creando il fenomeno degli scooter; 60 anni dopo Mp3 ha segnato una nuova rivoluzione: quella del “due ruote avanti”, come recitava il “claim” di lancio, aggiungendo una ruota al concetto di scooter fino ad allora conosciuto. Ed anche questa innovazione firmata Piaggio ha inciso sulla mobilità, in particolare nelle grandi aree metropolitane.

Nuovo Piaggio MP3 500 LT, il top di gamma, lanciato a Parigi nel maggio 2014: basta la patente auto per guidarlo.

Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio, intervenendo a Parigi al lancio internazionale del nuovo Piaggio Mp3 (16 maggio 2014), dichiarava: “Lo scooter a tre ruote Mp3, che debutta nella sua seconda generazione, è il perfetto emblema di quanto sappiamo fare in Piaggio e di quanto intendiamo fare sempre più in futuro. Vogliamo fare cose del tutto nuove, non solo introdurre costanti innovazioni. Lo scooter a tre ruote prima non esisteva, poi con Mp3 è nato. Lo stesso accadde con Vespa settant’anni fa e il mondo delle mobilità è cambiato”.

NEW PIAGGIO MP3 - TECHNOLOGY

Il nuovo Piaggio Mp3 di seconda generazione è il primo tre ruote al mondo equipaggiato con sistema frenante anti bloccaggio ABS integrato dal controllo di trazione ASR (Acceleration Slip Regulation), una esclusività e un primato tecnologico del Gruppo Piaggio. Inoltre, cresce il diametro delle ruote anteriori che passano da 12 a 13 pollici, così come quello dei dischi freno, per garantire una tenuta di strada impareggiabile a tutto vantaggio della sicurezza.

Il nuovo telaio ottimizza la stabilità alle alte velocità. I 50 litri di capacità di carico del nuovo vano sottosella, in grado di ospitare due caschi integrali, sottintendono la possibilità di viaggiare al di fuori delle mura metropolitane, anche col passeggero a bordo, il quale apprezzerà il maggiore spazio a lui dedicato e le comode pedane estraibili. Il motore di 500cc è stato oggetto di profondi interventi alla distribuzione, all'aspirazione, allo scarico e alla trasmissione automatica, tutti volti a rendere la già eccellente potenza (Piaggio Mp3 500 è il tre ruote più potente della categoria) e la generosa coppia più sfruttabili, ad abbassare il rumore e ridurre i consumi di carburante. Grazie all'adozione dell'acceleratore elettronico Ride-by-Wire si è ottenuta grande fluidità in accelerazione, oltre ad aggiungere la mappatura Eco facilmente selezionabile dal pilota a garantire consumi ulteriormente ridotti.

ESCLUSIVO SISTEMA PIAGGIO MULTIMEDIA PLATFORM

Un'altra eccellenza ed esclusività di Piaggio è il Piaggio Multimedia Platform, sistema che consente la connessione dello smartphone al sistema elettronico di bordo trasformandolo in uno strumento dalle molteplici funzioni, un vero computer in grado di visualizzare simultaneamente informazioni come tachimetro, contagiri, ma anche potenza e coppia del motore istantaneamente erogate, accelerazione longitudinale, grado di inclinazione raggiunto in piega, consumo di carburante istantaneo e medio, velocità media e voltaggio batteria e molto altro ancora.

Dallo smartphone collegato al Piaggio Multimedia Platform è possibile visualizzare mappe e percorsi e individuare, per esempio, distributori di benzina e punti di assistenza, oltre a tenere sotto controllo lo stato dei pneumatici.

Il capostipite: prima versione Piaggio Mp3 del 2006.

Negli anni la gamma a tre ruote si è arricchita di modelli per ogni esigenza; c’è anche il grintoso e sportivo “cugino” Gilera Fuoco.

Mp3 Hybrid a doppia propulsione, termica ed elettrica, fu lanciato a Roma nel luglio 2009. Da allora la versione ibrida è sempre in gamma. Vero veicolo passe-partout che non conosce limitazioni al traffico nei centri cittadini: premendo un tasto si passa alla modalità elettrica a zero emissioni e si viaggia dappertutto.

Mp3 Yourban LT 300, leggero, agile e maneggevole, modello pensato per il pubblico femminile e i giovani: si guida con la patente auto ed è equipaggiato di serie con il dispositivo che mantiene lo scooter in equilibrio sulle tre ruote nelle brevi soste, come ai semafori, evitando di dover mettere il piede a terra. Comodo!

I GRANDI CLIENTI SCELGONO MP3

Milano, luglio 2015: Enjoy lancia il primo servizio al mondo di scooter sharing “free floating” e sceglie Piaggio Mp3 300 LT Business Abs per la sua flotta veicoli. In Francia la società “Les Laboratoires du Millenaire” utilizza Mp3 in versione Delivery per il trasporto urgente di sangue. In Israele da anni Mp3 con allestimento speciale (lampeggianti, sirena e bauletto) sono utilizzati dalla Polizia; anche l’organizzazione di pronto soccorso “Magen David Adom” ha una flotta di Mp3 utilizzata dai paramedici per il primo soccorso. E ancora, a Londra e a Roma, come in altre capitali, la polizia metropolitana viaggia in sella a Mp3. In Germania, le sedi di Berlino, Amburgo, Stoccarda e Monaco della multinazionale del noleggio AVIS, mettono a disposizione dei clienti gli innovativi maxi scooter Mp3. Sono solo alcuni esempi di grandi aziende e organizzazioni che nel corso degli anni hanno scelto Piaggio Mp3, disponibile anche in versioni e allestimenti speciali (come Delivery e Police), per molteplici utilizzi. Mp3: molto più che uno scooter!

Campagna di raccolta fondi negli Stati Uniti a favore dell’organizzazione di Magen David Adom, che in Israele presta servizio di primo soccorso: con Mp3 gli interventi dei paramedici sono più rapidi delle ambulanze.

LA GAMMA ATTUALE:
www.piaggio.com/mp3/it_IT

ANNIVERSARY
DA 70 ANNI

VESPA E CINEMA
UN AMORE ETERNO

“Il rapporto tra la Vespa e il cinema è un matrimonio straordinario: incredibilmente felice e intenso, indissolubile nei decenni, capace di rinnovarsi continuamente e di creare emozioni ad ogni latitudine…La Vespa è oggi il simbolo della creatività italiana nel mondo e un esempio unico di ‘immortalità’ nella storia del design industriale. Vespa non appartiene più soltanto al mondo della mobilità: è la storia di un fenomeno-simbolo del costume globale. Oggi come ieri, andare in Vespa è sinonimo di libertà e status sociale, di dinamismo e di passione per la bellezza. E’ un’esperienza di vita e di immaginazione, carica di simboli individuali e collettivi nati in gran parte negli anni della Dolce Vita: Audrey Hepburn e Gregory Peck in Vacanze Romane sono stati i primi protagonisti di un connubio magico, che si è poi ripetuto con straordinaria frequenza in centinaia di pellicole cinematografiche e di campagne di advertising. La creatività di attori e attrici, di registi e di pubblicitari alimenta la forza del mito e arricchisce quotidianamente l’immaginario di Vespa di nuovi valori, in ogni angolo del mondo”. Roberto Colaninno (dal catalogo della mostra “La Vespa e il cinema”, Fondazione Piaggio, 2010).

L’artista Ugo Nespolo ha realizzato l’immagine-simbolo e il logo della mostra del 2010.

Vespa non è solo un fenomeno industriale e commerciale che dura da 70 anni. Sin dalla sua apparizione, nel 1946, ha influenzato la storia del costume e della cultura. Negli anni della “Dolce Vita” Vespa diventa sinonimo di scooter e i reportage dei corrispondenti stranieri descrivevano l’Italia come “il Paese delle Vespa”. Il ruolo giocato dall’iconico scooter nel costume non solo italiano è documentato dalla presenza di Vespa in centinaia di film internazionali. Ed è una storia che continua anche oggi.

Londra. Il regista inglese Guy Ritchie e la moglie, la modella Jacqui Ainsley, sul red carpet di lancio del film “Operazione U.N.C.L.E.” dove “recita” anche una Vespa vintage, ispirandosi alla coppia Hepburn-Peck per i flash dei fotografi.

Audrey Hepburn e Gregory Peck nel celebre film di produzione Hollywoodiana "Vacanze Romane" (1953), infatti, sono stati i primi di una lunga serie di attrici e attori di fama mondiale che negli anni sono saliti in sella sullo scooter più famoso del mondo, che è diventato co-star anche in centinaia di film successivi, che vanno da “Quadrophenia” ad “American Graffiti”, da “Il talento di Mr. Ripley” fino a “La carica dei 102” e ai più recenti “Alfie” con Jude Law, “The Interpreter” con Nicole Kidman e il blockbuster “Transformers” (in arrivo nel 2017 il quinto capitolo della saga, firmato dal regista Michael Bay, dove “reciterà” di nuovo una Vespa), fino a “The American” con George Clooney, “Operazione U.N.C.L.E.” di Guy Ritchie e “Zoolander 2” di e con Ben Stiller, affiancato da Owen Wilson e Penelope Cruz.

Penelope Cruz e Ben Stiller sul set di “Zoolander 2” con Vespa “attrice”.

E ancora, Vespa compare in celebri pellicole firmate dai maestri italiani del cinema, come Dino Risi, Federico Fellini, Mario Monicelli, da “Caro Diario” di Nanni Moretti a “Romanzo Criminale” di Michele Placido e a “Nuovo Cinema Paradiso” (premiato con Oscar e Golden Globe) di Giuseppe Tornatore.

Taormina, edizione 2011 dei premi cinematografici “Nastri d’Argento”: il regista e attore Nanni Moretti “firma” una Vespa PX celebrativa.

Nelle foto, nei film e sui set, Vespa è stata "compagna di viaggio" di star cinematografiche quali Raquel Welch, Ursula Andress, Geraldine Chaplin, Joan Collins, Jayne Mansfield, Virna Lisi, Milla Jovovich, Marcello Mastroianni, Charlton Heston, John Wayne, Henry Fonda, Gary Cooper, Anthony Perkins, Jean-Paul Belmondo, Nanni Moretti, Sting, Natalie Wood, Brigitte Bardot, Paul Newman, Antonio Banderas, Matt Damon, Gérard Depardieu, Jude Law, Eddie Murphy, Owen Wilson e Nicole Kidman. Un elenco del tutto incompleto, considerando il gran numero di star di ieri e di oggi, che hanno amato e continuano ad amare Vespa.

Ed è ancora più difficile un censimento delle presenze di Vespa nella filmografia mondiale, perché dalla metà degli anni ’50 Vespa in poi è diventata essa stessa “attrice” in almeno mille pellicole da Hollywood a Bollywood, passando per il cinema italiano ed europeo. Quella tra Vespa e cinema è davvero una “storia d’amore”, che dopo 70 anni continua a produrre emozioni sempre nuove sul palcoscenico mondiale, affascinando intere generazioni.

“Il mondo di Susie Wong”
con William Holden.

“La Dolce Vita”
di Federico Fellini.

E le celebri scene con Audrey Hepburn e Gregory Peck in sella a Vespa per le strade di Roma furono un formidabile “spot pubblicitario” per lo scooter, simbolo italiano del genio, del design e dello stile, e lanciarono Vespa sui mercati internazionali. Tanto che l’autorevole rivista Forbes ha scritto: “Quell’Oscar del 1954 alla splendida Audrey Hepburn sarebbe dovuto andare all’altra ‘lei’. Perché mentre Gregory Peck corteggiava la Hepburn, il mondo intero si innamorò della Vespa 125 di colore verde metallizzato…”.

Audrey Hepburn Wins Best Actress: 1954 Oscars‬‬‬‬

CURIOSITA’ DA BACKSTAGE: FARO BASSO O ALTO? C’è un dettaglio meno conosciuto della “storia” del film “Vacanze Romane”: durante le fasi di produzione furono diffuse per la prima volta alcune immagini di una Vespa con il faro sul manubrio invece che sul parafango (ossia com’era l’assetto originario del modello venduto all’epoca); l’intento era semplificare le riprese dei cameramen, poiché il faro sul parafango determinava un effetto luce dispersivo, causato dal riflesso sulla telecamera.

Alcune riprese furono girate con la “nuova” versione di Vespa, ma alla fine il regista William Wyler decise di utilizzare comunque il modello dell’epoca, ossia quello con il faro basso. In seguito la Piaggio avviò la produzione del nuovo modello con il faro sul manubrio.

Vespa 125 Mod. 51 (V30T), 1951, co-protagonista del film “Vacanze Romane”.

Vespa 125 U, 1953, la prima con il faro sul manubrio.

(Per la selezione fotografica ha collaborato l’Archivio Storico della Fondazione-Museo Piaggio, Pontedera).

ALESSANDRO DEL PIERO TRIBUTO AD UN’ICONA

“LA VESPA E IL CINEMA” E’ LA MOSTRA OSPITATA NEL SUO SPAZIO ADPLOG DI TORINO, FINO AL 31 AGOSTO 2016. DA NON PERDERE!

Alessandro Del Piero.

Assolutamente da non perdere la mostra “La Vespa e il Cinema”, realizzata in collaborazione con Fondazione Piaggio e Promocinema e con la partecipazione del Museo Nazionale del Cinema, in corso fino al 31 agosto 2016 nello spazio espositivo ADPLOG di Alessandro Del Piero, a Torino. La rassegna, dedicata allo straordinario racconto dell’indissolubile rapporto tra l’iconico scooter e il mondo del cinema, espone locandine e fotogrammi di numerosi film insieme con alcuni modelli di Vespa che abbracciano 70 anni di storia, di stile e di evoluzione del costume. Lo spazio APDLOG si trasforma anche in una sala cinematografica, con proiezioni settimanali dei film più significativi con Vespa protagonista.

ADPtv | La Vespa e il Cinema | 2016

Si tratta della versione rinnovata e aggiornata della mostra ospitata nel 2010 al Museo Piaggio, poi esposta a Torino per i 150 anni dell’Unità d’Italia, ai “Nastri d’Argento” di Taormina, a Cannes e a San Pietroburgo, e quest’anno – nel 70° anniversario di Vespa – di nuovo a Torino.

Alessandro Del Piero, stella del calcio mondiale, ha inaugurato la mostra lo scorso 7 giugno: “Quando mi è stata proposta la possibilità di ospitare la mostra ‘La Vespa e il Cinema’ nel mio spazio espositivo ADPLOG di Torino – ha detto – ho accettato con entusiasmo, perché questo luogo ospita le mie passioni, fondendosi con altri ‘mondi’, dallo sport all’arte, dalla fotografia al cinema, per arrivare alle grandi eccellenze italiane. La mitica Vespa riassume tutto questo: spirito sportivo e voglia di libertà, essenza del design italiano, icona protagonista di scene immortali nella storia della cinematografia e, soprattutto, eccellenza del nostro Paese, riconosciuta ed ammirata in tutto il mondo”.
(PHOTOS: © EDGE Srl).

INFO:
www.adplog.com

PEOPLE

EMERSON GATTAFONI:
PESARO-MARRAKECH IN CIAO, 40 ANNI DOPO

FILM-MAKER, AUTORE, CONDUTTORE E REGISTA TV, GRANDE VIAGGIATORE E MOTOCICLISTA, HA RIPERCORSO IL SUO PRIMO VIAGGIO DEI 18 ANNI: STESSO MOTORINO, STESSO PERCORSO, DALL’ITALIA AL MAROCCO. DICE: “QUEL RAID MI HA CAMBIATO LA VITA. GLI DEVO TUTTO”.

Ernaldo (Emerson) Gattafoni, marchigiano, è un volto notissimo della tv italiana: autore, conduttore e regista di vari programmi di successo sul tema del viaggio e della scoperta, molti dei quali realizzati in moto; e perfino con due Piaggio Ape Calessino, a bordo dei quali hanno viaggiato lui e la troupe della trasmissione “Road Italy”, alla scoperta delle eccellenze italiane; per la tv firma anche documentari e dossier-inchieste, e da anni dirige il progetto umanitario “Roadway for Africa”: un ospedale mobile che fornisce assistenza medica alle popolazioni rurali e nomadi.

Tutta la sua vita personale e professionale, da world discoverer e film-maker, è segnata dal viaggio: sin dal primo raid in solitaria compiuto a 18 anni nel 1976 e che, 40 anni dopo, tra aprile e maggio, ha replicato in sella allo stesso motorino (un Piaggio Ciao 50cc), lungo lo stesso percorso, dalla “sua” Pesaro fino a Marrakech, in Marocco. Oltre 3.400 chilometri, via Francia e Spagna, viaggiando “slow” su strade statali e provinciali.

Invitato dalla trasmissione di Rai 1 “Unomattina”, condotta da Francesca Fialdini e Franco Di Mare, Emerson Gattafoni ha spiegato perché ha voluto ripetere quel viaggio di 40 anni fa: “E’ stato il mio primo grande viaggio, a 18 anni e mezzo, sul mitico Ciao. Ho pensato fosse giusto, non per motivi televisivi ma personali, rifare il raid come tributo al quel mio primo raid giovanile che mi ha cambiato la vita: infatti, da quel viaggio è cominciata la mia professione, da quell’esperienza è cambiato il mio modo di pensare”.

(Immagini tratte dalla trasmissione di Rai 1 “Unomattina”, andata in onda il 26 maggio 2016).

E poi – ha continuato Emerson – ho voluto lasciare una piccola traccia ai giovani d’oggi, nati in quest’era digitale, che sognano sì, ma magari davanti a un computer, mentre la conoscenza va vissuta sulla propria pelle. Realizzare sogni un po’ naif e surreali, come il mio in sella al Ciao 40 anni fa, nella vita aiuta molto. Devo tutto a quel viaggio: il mio modo di pensare e di guardare il mondo, di capire le strade che cambiano, incontrare culture, genti, luoghi. Così son ripartito con il Ciao: tre settimane di viaggio in solitaria, anche occasione per riflettere sulla mia vita”.

Emerson è partito perfettamente organizzato, con veicolo equipaggiato fin nei dettagli, con placca “celebrativa” anteriore, “targa” con il suo nome e adesivo della bandiera italiana, casco personalizzato. Ricorda ancora: “Nel 1976 non c’erano telefoni cellulari, era difficile comunicare, e andare fino in Marocco è stata davvero un’avventura. All’epoca, segnata in Italia da difficili momenti politici e sociali, io ero un rock ‘n roll boy: ascoltavo musica rock e sognavo avventure. Certo è bello viaggiare in moto, ma basta un Ciao per andare, con l’aria sul viso, alla scoperta di luoghi e popoli, profumi ed esperienze, in compagnia dei propri pensieri”. Emerson è un viaggiatore su due ruote molto esperto, ma anche molto attento alla sicurezza: “Infatti, anche 40 anni fa, quando ancora non era obbligatorio, già viaggiavo con il casco in testa”. Un bell’esempio per i giovani, anche per questo.

Appena rientrato dal raid Pesaro-Marrakech, dopo il passaggio in Rai per l’intervista a Unomattina, Emerson si è messo di nuovo in viaggio, tra Stati Uniti e Canada, tra Boston, il Maine e la zona dei Grandi Laghi in Quebec, per preparare la prossima stagione 2016 della sua trasmissione “Dreams Road”, che andrà in onda in autunno su Rai 1. Altri sogni, altre strade, altri viaggi.

Le foto di quest’articolo sono tratte dai canali social di Gattafoni/Dreams Road e dalla community “La Banda del Ciao”.

Adventure

“VESPIDITION PAKISTAN”:
SUL MITICO KHUNJERAB PASS

UN ANNO FA TRE GIOVANI AMICI DEL CLUB “SCOOTER KINGS PAKISTAN” HANNO COMPIUTO L’IMPRESA DA TEMPO SOGNATA: PORTARE LE LORO VESPA SUL PIU’ ALTO PUNTO DI CONFINE ASFALTATO AL MONDO, INCASTONATO NELLA KARAKORUM HIGHWAY. ALTITUDINE: 4.700 METRI.

Confine del Khunjerab Pass, considerata la “strada simbolo dell’amicizia Cina-Pakistan” (Border on the Khunjerab Pass, symbol of China-Pakistan friendship road. Photo by Wang Lie/China Daily).

Il Khunjerab Pass è un passo montano sul confine tra il Pakistan e la Cina. Raggiunge i 4.693 metri di altitudine, grazie ai quali è il più alto punto di confine asfaltato al mondo, ed è anche il punto più alto della Karakorum Highway, la strada asfaltata internazionale più alta del mondo, tra le più spettacolari. Punto strategico che collega il nord-ovest della regione autonoma cinese Xinjiang Uygur con la regione di Gilgit-Baltistan del Pakistan.

La stazione di confine e di controllo sorge sul Pamir Plateu, dove le temperature possono raggiungere i meno 40 gradi Celsius. Questo luogo dal fascino mitico è la meta, raggiunta dopo un ride di cinque giorni e 800 km, passando da 1.088 a 4.693 metri d’altitudine, dai tre amici di Scooter King Pakistan. Partiti il 29 maggio 2015 sulle loro Vespa vintage, ben restaurate per l’occasione, sono arrivati al passo di confine il 2 giugno 2015, poi hanno intrapreso il viaggio di ritorno.

Itinerario: Manshehra-Besham (primo giorno), Besham-Chilas (2°); Chilas-Hunza (3°), Hunza-Sust (4°), Sust-Khunjerabad (5°). Attraverso radure, ghiacciai e laghi montani lungo l’antica via della seta. Luoghi leggendari, attraversati dai tre coraggiosi in sella alle loro Vespa: Bilal Ahmed Chaudhary su VBIT 150 del 1975 (chiamata “Olaf”), Ahmed Butt su VBB 150 del 1962 (“Syline”) e Kahif Bashir su VBIT 150 del 1975 (“Granite”).

L’impresa è stata riportata da numerosi media asiatici (come Pakwheels.com) ed europei (il magazine inglese Scootering ha pubblicato un ampio reportage di otto pagine, firmato da Kahif Bashir, con foto del team Vespidition Pakistan). Commenta Kahif: “Questo viaggio sarebbe rimasto un sogno lontano, se non avessi avuto il sostegno dei mei compagni di avventura Bilal Ahmad Chaudhary e Ahmad Butt, e quello degli amici dello Scooter Kings Pakistan Adeel Khalid (Deedee), Bilal Hussain Akhtar (Hotice), Masood Alam Khanm Yasir Qayum Khan e Mian Zahir Said: grazie al loro constante supporto morale e materiale, sia durante le fasi di preparazione e sia durante il ride, che è stato emozionante e divertente”.

ADVENTURE MEMORIES

PERUGIA-PECHINO IN MOTORINO:
DUE LIBERTY 50 NELL’IMPERO CELESTE

DUE VIAGGIATORI CON IL SOGNO DI ANDARE IN CINA: ERA IL 2004 QUANDO ARRIVARONO A PECHINO IN SELLA A DUE SCOOTER PIAGGIO. DALL’ITALIA VERSO L’EST EUROPA, RUSSIA, MONGOLIA, FINO ALLA CAPITALE: IL RACCONTO DI ALESSANDRO BACCI, AMBASCIATORE UNICEF PER IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO.

Quando la voglia di scoperta e di conoscenza, di luoghi e persone, diventa troppo forte che si fa? Si viaggia, e con un mezzo a due ruote si gusta davvero la libertà. Se poi alla forte motivazione si aggiunge una dose di coraggio supplementare e d’inventiva per superare imprevisti e difficoltà, il viaggio diventa avventura. E’ il caso di Alessandro Bacci di Perugia, vigile del fuoco di professione e biker per passione, e del suo collega e compagno di viaggi on the road Emanuele Cruciani. Nel 2004 erano appena tornati da un “giretto” su fino a Capo Nord e intanto fantasticavano di andare in Cina, ma non in sella ad una potente motocicletta: la sfida vera era raggiungere Pechino viaggiando su due “cinquantini”. Scelgono Piaggio Liberty 50 4T, organizzano il viaggio e, prevedendo che non era facile entrare in Cina e muoversi nel Paese su mezzi motorizzati come visitatori, vi sono andati “in missione” come vigili del fuoco, nonché ambasciatori Unicef.

Partendo da Perugia, salgono verso il Nord Italia, attraversando poi i Paesi dell’Est Europa (Croazia, Ungheria, Polonia, Bielorussia), poi Russia (Mosca, con immancabile tappa sulla Piazza Rossa), Mongolia (passando nel deserto dei Gobi fino a Ulaan Baatar), per raggiungere infine la capitale cinese, tra imprevisti, intoppi burocratici, fatica e prove di resistenza, di mezzi e viaggiatori. Conclusione imprevista: sono coinvolti in una parata ufficiale dalle autorità di Pechino in sella ai Liberty, ripresi da giornali e tv, con festeggiamenti, partita di pallone e “gemellaggio” con i colleghi pompieri cinesi.

IL RACCONTO DEL VIAGGIO:
www.alessandrobacci.it/Perugia-Pechino_in_motorino.htm

CHI E’ ALESSANDRO BACCI: “Sono nato a Perugia nel 1972, Vigile del Fuoco di professione e con una grande passione: i viaggi. La moto, uno strumento speciale e duttile per scoprire luoghi e per incontrare persone. Il mio modo di viaggiare è ben lontano dal mettere bandierine su di una carta geografica per dire ‘ci sono stato’. ‘Cerco di trasformare la mia voglia di scoperta, di conoscenza e d’incontri, che periodicamente si affaccia dentro di me, in strada da mettere sotto le ruote della sua moto portando spesso con me i simboli di pace e amicizia essendo Ambasciatore UNICEF per il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. La mia esperienza motociclistica inizia per caso nel 2003 quando, salito su un’Aprilia Caponord, ho effettuato il mio primo viaggio in solitaria alla volta della Turchia.

Da quel momento non mi sono più fermato! Coast to Coast americano, Isola di Man, Perugia-Capo Nord, Perugia–Pechino, Terra Santa e Perugia-Dakar: sono solo alcuni dei miei viaggi, durante i quali ho collezionato incontri speciali riportando a casa una lunga serie di ricordi, di pensieri ed esperienze…Mi piace trasformare i miei viaggi in parole scritte con uno stile semplice e diretto, raccontando le mie avventure senza filtri. Questo mio modo di scrivere vuole portare lontano il lettore e alimentare il desiderio di scoperta che alberga in ognuno di noi. Non mi considero uno scrittore ma solo un narratore. Ho pubblicato ‘Perugia Pechino in motorino’ (2008), ‘L’importante è partire’ (2010), ‘Terra Santa’ (2011), ‘Pas de problème’ (2014). Ho collaborato con varie riviste per le quali ho scritto articoli tecnici e di viaggi…forte della mia esperienza nelle corse automobilistiche, ho collaborato con varie aziende del settore motociclistico in qualità di tester”.

(Le foto di questo articolo sono tratte dal sito web di Alessandro Bacci, dove sono pubblicati anche i video dei suoi viaggi).

INFO:
www.alessandrobacci.it/homepage.htm

STYLE

L’ESTATE SI COLORA
DI ACCESSORI FIRMATI VESPA

Benvenuta estate! E via con lo shopping vacanziero, sfogliando il nuovo catalogo “Vespa Accessories 2016” come se fosse una rivista di moda. Perché ricca è l’offerta di capi d’abbigliamento (come t-shirt e polo, per uomo, donna, bambino; poi felpe e giubbotti) e di accessori (occhiali da sole, borse, zaini, beauty case, cinture e tanto altro), ideali per viaggi e week-end. Stile e qualità garantite.

AL MARE E IN PISCINA: IL PONCHO PER BAMBINI
Allegri colori per i piccoli nuotatori: appena usciti dall’acqua è bello asciugarsi avvolti nel poncho con cappuccio, in morbida spugna di cotone. Nei colori: azzurro/viola e fucsia/verde. Coordinabile con il telo mare, sempre in spugna di cotone, disponibile nelle stesse tonalità.

SCOPRI DI PIU’:
wide.piaggiogroup.com/archive/wide2_16/scooter/index.html
#/Style

INFO & VESPA STORE:
www.vespa.com/it_IT

BUON COMPLEANNO BIKINI!

Il bikini nella sua versione moderna festeggia quest’anno i 70 anni di età, ma ha origini antiche. Infatti, affreschi e mosaici di epoca greco-romana testimoniano che s’indossavano sin dal 1400 a.C. Famoso è il mosaico di Piazza Armenina, in Sicilia, con fanciulle che giocano indossando costumi a due pezzi.

In tempi moderni, già negli anni ’30 e ’40 le dive indossavano costumi a due pezzi, seppur piuttosto coprenti; la versione più succinta è una creazione del sarto francese Louis Réard: nel luglio del 1946 mette in commercio il nuovo costume da bagno a due pezzi, battezzandolo con il nome dell’atollo americano. Ma non fu subito successo, perché l’indumento era considerato troppo osé. Ci pensò il cinema, dieci anni dopo, a sdoganare il bikini con il film del 1956 “E dio creò da donna” di Roger Vadim: il due pezzi bianco indossato da Brigitte Bardot lanciò il nuovo costume da bagno, prima negli States poi a livello internazionale.

Nell’immagine sotto il titolo: una pubblicità d’epoca di Vespa, con bellezza in costume a due pezzi. Il celebre scooter e il coetaneo bikini sono “icone” indiscusse di un successo mondiale: entrambi hanno 70 anni di storia e un grande futuro!

STYLE

CASCHI VESPA HI-TECH E 2.0:
TUTTE LE NOVITA’

L’accessorio casco è sempre più evoluto, nello stile e nei materiali. Qui le ultime novità firmate Vespa che, come tutti i caschi originali, si distinguono per design e sicurezza, alta qualità costruttiva, massima protettività.
CARBON HELMET. Calotta in fibra di carbonio con fascia in ecopelle centrale, logo Vespa in metallo sul retro e ricamato sull’anteriore. Cinturino con chiusura micrometrica; interni estraibili, traspiranti e lavabili; visierino a scomparsa. Omologazione ECE 22.05. E’ il nuovo casco jet “Carbon Helmet”: qui la gallery con foto di dettaglio.

FIBER HELMET. Calotta in fibra di vetro con grafica decal. Cinturino con chiusura micrometrica; interni estraibili, traspiranti e lavabili; visierino solare a scomparsa. Omologazione ECE 22.05.

FIBER DECAL MY 2016 WHITE. Calotta di colore bianco, in fibra di vetro con grafica decal. Cinturino con chiusura micrometrica; interni estraibili, traspiranti e lavabili; visierino solare a scomparsa. Omologazione ECE 22.05.

FIBER DELUXE HELMET. Calotta in fibra di vetro, con larga fascia in ecopelle centrale e logo Vespa di metallo applicato sul retro (ricamato sull’anteriore). Cinturino con chiusura micrometrica; interni estraibili, traspiranti e lavabili; visierino solare a scomparsa. Omologazione ECE 22.05.

NUOVI CASCHI VESPA “NAZIONI” 2.0

Una collezione di successo, quella dei caschi Vespa “Nazioni” decorati con bandiere. Ora si arricchisce con tre nuove versioni: Nazioni Italia 2.0, Nazioni Francia 2.0 e Nazioni UK 2.0. Si tratta di caschi Jet con 5 bottoni. Calotta in resina termoplastica – stampata a iniezione. Cinturino con sistema di ritenuta micrometrica. Materiale interno in tessuto ad elevata resistenza. Profili cromati che richiamano in modo univoco Vespa. Guanciali interni estraibili e lavabili. Vernice anti raggi UV. Qui la gallery.

CLASSIC COLLECTION

E c’è sempre la linea Nazioni Classic, che comprende i modelli decorati con bandiere: Italia (anche per bambini), UK (anche per bambini), USA, Brasile, Francia. Sono caschi Jet vintage style in ABS senza visiera. Logo Vespa resinato sul retro. Imbottitura interna in tessuto anallergico. Disponibile in 5 taglie (XS-XL). Omologato ECE 22.05. Made in Italy. E’ anche disponibile l’accessorio “visiera 3 bottoni” trasparente da applicare sul casco. Qui la gallery.

La collezione dei caschi Vespa comprende anche i modelli: VJ, P-Xential, Visor e Visor 2.0.

INFO & STORE ONLINE
http://www.it.vespa.com/it_IT

SERIE SPECIALE 70°

Nuovi caschi VJ VESPA 7O°, disponibili nei colori Azzurro e Grigio sfera (coordinati con le livree della nuova Vespa Settantesimo, serie speciale). Sono caschi in ABS, con lunga visiera trasparente e visiera parasole corta a scomparsa, cinturino con chiusura micrometrica, interni estraibili, traspiranti e lavabili. Logo Vespa 70° sul retro. Qui la gallery.

BLUETOOTH COMMUNICATION SYSTEM
Accessorio utile e innovativo: è il sistema di comunicazione Bluetooth, applicabile a caschi Jet con guanciola removibile; universale. Per smartphone Bluetooth, consente di inviare e ricevere chiamate utilizzando un solo pulsante, o di seguire le istruzioni GPS. Ricarica USB, funzionalità Dual Link. Nella foto l’accessorio è applicato al casco Vespa modello VJ/1.

Community

SUCCESSO DEI VESPA WORLD DAYS A SAINT TROPEZ:
ARRIVEDERCI A CELLE, IN GERMANIA, DAL 22 AL 25 GIUGNO 2017

Vespa World Days 2016 - Saint-Tropez

Va in archivio con plauso il “big event” del Vespismo mondiale: i “Vespa World Days”, edizione 2016 organizzata dal Vespa Club de France, con il Vespa World Club, si sono svolti da 2 al 5 giugno nel Golfo di Saint Tropez. Location di grande fascino, che ha attratto quasi cinquemila Vespisti provenienti da tutto il mondo (dall’Italia all’Europa, dall’Asia al Sud America, dalla Russia all’Argentina, dal Messico alle Filippine).

Sono stati giorni indimenticabili, vissuti in amicizia all’insegna dello scooter più famoso del mondo, che quest’anno celebra i 70 anni di una storia unica.

Vespa World Day 2016 - "Vespa 70 Years Young" Exhibition

Molte le attività, tra tour alla scoperta delle località francesi dei dintorni, degustazioni gastronomiche, escursioni in barca, giochi e concorsi, stand nel Vespa Village, mostra “1946-2016 – La Vespa compie 70 anni” alla Salle Jean Despas di Saint Tropez, serate musicali, concorso di eleganza in stile vintage e parate on the road.

Vespa World Day 2016 - Concours d'Elegance

Rimangono le immagini dell’evento, di cui offriamo un assaggio nelle gallery e nei video di quest’articolo.

La nostra foto preferita? Questa: un bacio tra le Vespa, lungo la “promenade” del porto turistico di Saint Tropez. Romanticissima!

VWDAYS 2016, FB OFFICIAL PAGE:
www.facebook.com/vespaworlddays2016/
posts/1726645440901757

PREVIEW VWDAYS 2017

Photo © Oliver Vosshage

E già fervono i preparativi della federazione dei Vespa Clubs tedeschi (Vespa Club von Deutschland e.V.) per il prossimo evento VWD che si terrà in Germania, a Celle, dal 22 al 25 giugno 2017. Sarà occasione per conoscere la bella cittadina ospitante, immersa nella natura della Bassa Sassonia, di cui offriamo un video di presentazione. Il Vespa Village sarà allestito al centro culturale CD-Kaserme. Arrivederci in Germania.

Best Celle from the top of 2015

INFO VWDAYS 2017:
it.vespaworlddays2017.com
www.facebook.com/vwd2017/?ref=py_c

Community

ANNIVERSARY: 10 ANNI
CON IL VESPA WORLD CLUB

Il mito di Vespa è nato insieme al veicolo: già dal 1946 (anno di nascita del celebre scooter), molti Vespisti si organizzarono in club e associazioni. Nacquero così i primi Vespa Club, in Italia poi all’estero, che raccontano una storia lunga 70 anni, intrisa di passione. Quella che ha portato nel 2006, in coincidenza con il 60° anniversario di Vespa, alla nascita del Vespa World Club, che riunisce le funzioni di coordinamento e di promozione delle organizzazioni vespistiche mondiali.

La nuova associazione, della cui costituzione Piaggio è stata promotrice, è nata per fare tesoro delle migliori esperienze e iniziative messe in campo dai Vespisti delle diverse nazioni (sono in ogni continente, dall’Europa all’America, dall’Asia all’Africa), con l’obiettivo di valorizzare il ruolo dei sodalizi nazionali e di essere al fianco di tutti i Vespa Club.

Ad oggi sono ben 49 i Vespa Club Nazionali associati al VWC e contano circa 82 mila aderenti. Impossibile, però, quantificare il numero degli appassionati di Vespa, così come le pagine internet e i social dedicati allo scooter più diffuso e famoso al mondo. Ogni anno i Vespa Club nazionali e migliaia di appassionati si radunano al big event “Vespa World Days”, che quest’anno si è svolto a Saint Tropez (vedere l’articolo precedente).

E vale qui ricordare i “predecessori” del VWC: il “Vespa Club d’Europa” fondato a Milano l’8 febbraio 1953, per volontà unanime dei delegati rappresentanti dei Vespa Club nazionali d’Italia, Belgio, Francia, Germania, Olanda e Svizzera, allo scopo di coordinare e sviluppare iniziative e rapporti tra i Vespisti dei singoli Paesi. Due mesi dopo la costituzione, alle sei nazioni fondatrici si aggiungono Austria, Danimarca, Gran Bretagna, Portogallo, Spagna e Svezia. Nasce successivamente il “Vespa Club Mondial”, poi denominato Fédération Internationale des Vespa Clubs (sciolta a fine 2005).

Il sorgere dell’associazionismo tra Vespisti è strettamente legato alla diffusione della Vespa sui mercati internazionali: nel 1953 le stazioni di servizio Piaggio nel mondo erano già oltre 10.000, dall’Europa all’Asia e all’America, e i Vespa Club accomunavano nel mondo già allora oltre 50 mila appassionati, capaci non solo di diffondere l’immagine dello scooter, ma di documentare l’efficienza della rete commerciale e di assistenza.

FOTO-RARITA’: primi anni ’60, un militare su Vespa 125, in una base della RAF (Royal Air Force) alle Maldive, nell’atollo meridionale di Addu, isola di Gan.

Nel 1948, in occasione della Fiera Campionaria di Milano, i Vespa Club nazionali organizzano un rally nominato “sciame d’argento”, per il caratteristico colore verde argentato della prima Vespa 98. E’ il primo grande raduno che avrà un’eco straordinaria. Nel 1951 alla Giornata Italiana della Vespa partecipano 20.000 Vespisti.

Per tutti gli anni ’50 sono all’ordine del giorno competizioni di ogni tipo, ride regionali e nazionali, in Italia e all’estero (celebri il Giro della Svizzera, il Giro dei tre Mari su un percorso di 2.000 Km, l’Audax Femminile, la 1.000 Km Vespistica). Ed eventi “rievocativi” di quelle storiche imprese si organizzano ancor oggi.

INFO:
www.vespaworldclub.com

GIUSEPPE CAU: CAVALIERE FEDELE DA 70 ANNI

E’ andata a ruba la Vespa “Super Cau”, nata da un’idea di Giuseppe Cau, il famoso pilota e campione. E’ stata realizzata in esclusiva dal concessionario Busdraghi di Pontedera (Pisa), in occasione del 70° anniversario del celebre scooter (1946-2016): su base PX, in edizione speciale limitata e numerata; 99 esemplari per i clienti (il n. 1 è di Cau); sulla livrea è riportato il suo glorioso numero di gara, il 94, la sua firma.

I felici possessori di questa speciale Vespa erano tra i protagonisti del raduno che lo scorso 24 aprile a Pontedera ha festeggiato la nascita del celebre scooter, con immancabile scatto fotografico davanti alla sede del Gruppo Piaggio.

Molto conosciuto nel mondo Vespistico internazionale, con libri che ne narrano vita e gesta sportive, Giusppe Cau (nominato ‘Cavaliere’ dal Presidente della Repubblica Italiana, e fondatore del Vespa Club Rho ‘Squadra Corse Cau’, che l’anno scorso ha vinto la rievocazione della ‘Sei Giorni Internazionale’ di Varese), nel 2016 ha anche dato alle stampe il nuovo volume “Il Cavaliere della Vespa – 70 anni di fedeltà” (edito da CLD Libri): un’autobiografia (ricca di foto) che racconta il suo straordinario legame con Vespa, lungo sette decenni.


PROSSIMI EVENTI
E RADUNI

THE BEST VIDEO OF THIS ISSUE

VESPA: 70 YEARS YOUNG

Cediamo volentieri all’autocitazione per condividere con i lettori di Wide il nuovo video firmato Vespa, realizzato per celebrarne il 70° anniversario. Lo spirito di Vespa è sempre stato espressione di spontaneità e libertà, condiviso e vissuto da generazioni di giovani, di ieri come quelli di oggi. Vespa, giovane da 70 anni.
Co-starring nel nuovo video è il modello Primavera, Limited Edition 70°.

Vespa 'Nothing to wear'

INFO:
www.vespa.com/it_IT

MY VESPA MOVIE

THE CRAZY ITALIAN RALLY:
VIAGGIO SLOW CON VESPA E CIAO

Allegria garantita nel guardare questo simpatico video che narra del “Crazy Italian Rally”: 1.884 km attraverso l’Italia, dal Nord (Biella, Piemonte) al Sud (Pachino, Sicilia) in sella a scooter e ciclomotori da 50cc, come Vespa e Ciao.

Crazy Italian Rally, 1,884km across Italy on a Vespa

Un viaggio “on the road”, un’esperienza gioiosa vissuta da un gruppo di una ventina di amici, viaggiando senza fretta, con veicolo Ape di supporto (adibito a trasporto tende e bagagli), con tanto di bandiera italica sventolante, alla scoperta di luoghi, persone, buon cibo. La carovana si è fatta notare, mentre attraversava lo “stivale”, anche per l’estrosità di veicoli e partecipanti (che invitiamo ad indossare sempre il casco!): partenza sotto la pioggia del Nord, proseguendo verso la Toscana, quindi a Roma, direzione Napoli; poi gran traghettata per approdare sull’isola siciliana, con meta finale Pachino e le sue spiagge.

In premio, il sole e il gusto per l’impresa riuscita. La prossima (31 luglio-6 agosto 2016, sempre su 50cc) è già in corso di organizzazione.

INFO:
www.crazyitalianrally.com

TU E LA TUA VESPA
SU WIDE!


La Vespa, ogni modello di Vespa, di qualunque età, è un oggetto di culto, un pezzo da collezione che viene coccolato, curato e conservato ben oltre il tempo di vita medio di ogni altro veicolo. A quanti saltano ogni giorno in sella alla propria Vespa nuova, a quanti conservano con amore la Vespa “ereditata” in famiglia, a quanti curano con amore una Vespa d’epoca, WIDE dedica la rubrica “My Vespa Movie”.

MAKE YOUR
VESPA MOVIE!

Riprendi la tua Vespa e raccontaci, in un breve video, che cosa Vespa rappresenta per te. Puoi narrarne la storia o raccontarci un viaggio che avete fatto insieme. Puoi montare immagini di vita quotidiana o far rivivere le emozioni che avete condiviso.
Il tuo video verrà visionato e, se selezionato, apparirà su Wide, nella rubrica “My Vespa Movie”, per presentare a tutti gli appassionati worldwide te la tua Vespa, la più speciale al mondo. Perché ogni storia di Vespa è una storia unica.

Invia la tua clip video a: wide@piaggio.com

ESTATE SULLE ISOLE

Basta una Vespa per andare in vacanza: intere generazioni di giovani, e non solo, hanno esplorato il mondo in sella a Vespa. E continuano a farlo: è il “due ruote” più amato, da 70 anni, perfetto per andare alla scoperta di nuovi territori, anche solo per brevi tour, sognando le imprese dei big traveller. Qui un paio di idee per una vacanza in sella, con mete due isole europee.

CORSICA, FRANCIA

VESPA Road Trip CORSICA 2015 by SIP Scootershop

RODI, GRECIA

Rhodes Vespa Tour 2014