logo


loading
Prodotto
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

VESPA SETTANTESIMO

DOPO OLTRE 18 MILIONI DI ESEMPLARI VENDUTI NEL MONDO, VESPA SI PROPONE IN UNA VERSIONE CELEBRATIVA, UNA SERIE SPECIALE CHE ESALTA LE CARATTERISTICHE DI INIMITABILE ELEGANZA CHE L’HANNO RESA LO SCOOTER PIÙ AMATO AL MONDO. E NEL 2016 FESTEGGIA I SUOI PRIMI 70 ANNI

Per celebrare un mito che ha saputo unire popoli e generazioni, la più giovane e dinamica Vespa Primavera, la più grande e potente Vespa GTS, e l’intramontabile Vespa PX, si vestono di una personalizzazione esclusiva

Era il 1946 quando la prima Vespa, la leggendaria 98cc, usciva dallo stabilimento di Pontedera. Per il suo settantesimo anniversario il Gruppo Piaggio rende omaggio allo scooter più amato di sempre con una versione speciale. Una personalizzazione che celebra la storia di un veicolo che ha superato la sua funzione di commuting agile e divertente diventando oggetto di culto, esempio di design, icona di eleganza italiana.

Così tre modelli, la scattante e agile Primavera, l’ammiraglia GTS e la intramontabile PX festeggiano questo importante traguardo, che arriverà nel 2016, con una serie speciale contraddistinta da uno schema cromatico esclusivo che ha la sua base nella nuova colorazione Azzurro 70, una cromia speciale che debutta in questa irripetibile occasione. Questa verniciatura unica esalta e sottolinea il fascino di questa edizione veramente speciale, grazie anche a una serie di personalizzazioni che prevedono anche una inedita sella in colore testa di moro, rifinita con cadenino in contrasto di colore beige e termosaldature a definire il logo Vespa Settantesimo, elegantemente posto all’altezza della seduta del passeggero. La livrea di tutti modelli Vespa Settantesimo è anche caratterizzata da una grafica dedicata sulle fiancate laterali e da una targhetta identificativa sul portello del bauletto anteriore, mentre i cerchi sono elegantemente verniciati con uno specifico colore extra serie.

Un posto speciale in questa celebrazione spetta a Vespa PX (nelle classiche cilindrate 125cc e 150cc), un mito inossidabile che, grazie anche al suo classico cambio manuale a quattro marce, vive la condizione di modello mitologico e inconfondibile. A festeggiare i settant’anni di Vespa non poteva mancare Primavera, il modello che interpreta l’anima più giovane e sbarazzina della gamma e che, con l’introduzione dell’ABS nelle cilindrate 125 e 150, conferma anche la sua attenzione alla sicurezza e al continuo aggiornamento tecnologico che sempre ha segnato la storia di Vespa. Del nuovo look celebrativo si veste anche Vespa GTS 300, la Vespa a scocca grande, la più sportiva e potente, eletta da tempo  quale avanguardia tecnologica della famiglia Vespa.

Nella serie speciale Vespa Settantesimo è di serie la nuova borsa bauletto che riprende il materiale e la colorazione della sella. La borsa può essere alloggiata sul portapacchi posteriore con ribaltina, fornito di serie su tutti i modelli della gamma Vespa Settantesimo.

INFO:
eicma.piaggiogroup.com
www.vespa.com

Prodotto
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

NUOVO PIAGGIO LIBERTY
GENERAZIONE iGET

STILE, LEGGEREZZA, FACILITÀ DI GUIDA, PRESTAZIONI E RISPETTO PER L’AMBIENTE: LIBERTY È TUTTO NUOVO, MA RIMANE FEDELE AI VALORI CHE NE HANNO DECRETATO IL SUCCESSO. DEBUTTA LA NUOVA GENERAZIONE DI MOTORI PIAGGIO iGET, FRUTTO DI UNA INEDITA FILOSOFIA DI PROGETTAZIONE CHE HA COME OBIETTIVO PRIMARIO LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE, GRAZIE ALL’ECCEZIONALE QUALITÀ COSTRUTTIVA, AI CONSUMI RIDOTTI E A PRESTAZIONI BRILLANTI

Piaggio New Liberty - Official Video

Piaggio Liberty è una pietra miliare nello sviluppo della mobilità su due ruote, è sinonimo di indipendenza e libertà. Presentato nella sua prima versione nel 1997, Liberty è uno dei rari prodotti che, modello dopo modello, ha saputo rimanere fedele a se stesso e al proprio nome aggiornandosi continuamente e rispondendo alle esigenze di nuove generazioni di clienti. Piaggio Liberty ha potuto riscuotere un grande successo, incontrando il favore dei clienti più evoluti, perché ha saputo rispondere ai bisogni di mobilità e di libertà con una formula che ha unito stile, leggerezza, facilità di guida e sicurezza.  Dopo 18 anni e un successo commerciale che si misura in oltre 900mila esemplari venduti, Piaggio Liberty rinasce completamente nuovo ma coerente con i valori che ispirarono il progetto originale e con l’obiettivo di incontrare la domanda - sempre più forte - di un veicolo caratterizzato da livelli superiori di qualità, leggero e robusto, facile ma dalle prestazioni impeccabili e dagli elevati contenuti tecnologici al servizio della sicurezza, come il sistema di frenata con ABS, di serie sulle versioni 125 e 150cc. Con la dotazione dell’ABS Liberty 125 va così oltre la normativa europea che per la cilindrata “ottavo di litro” prevede obbligatorio un più semplice sistema di frenata combinata.

Nuove motorizzazioni, nuova ergonomia, nuovi sistemi di sicurezza attiva, nuove eleganti linee si accompagnano alle ruote di grande diametro che, sin dal primo esemplare di Liberty, regalarono a uno scooter compatto tutta la sicurezza dinamica dei motoveicoli di classe superiore contribuendo alla grande affermazione del segmento dei “ruota alta”. Quella di Piaggio Liberty non è solo una evoluzione, è una vera rinascita che, evolvendo i principi che ispirarono il primo Liberty, consegna oggi alla strada un veicolo completamente nuovo, tecnologicamente avanzatissimo ma straordinariamente coerente con la storia di un vero best seller, pensato per soddisfare i bisogni più evoluti e attuali in termini di qualità, stile, sicurezza, economia di esercizio e rispetto per l’ambiente. Crescono le dimensioni e con esse la comodità in sella, arrivano nuove e tecnologiche motorizzazioni, cresce il diametro della ruota anteriore e si incrementano così i margini di sicurezza attiva. La leggerezza, la semplicità di utilizzo e la naturale simpatia del prodotto rimangono immutate, pur in presenza di un veicolo più “importante”, confermando Liberty quale scooter in grado di soddisfare il pubblico più ampio: dai giovanissimi che troveranno nel nuovo Piaggio un mezzo perfetto per la prima motorizzazione, a un pubblico giovane e adulto alla ricerca di una mobilità sicura, facile e dai contenuti costi di gestione.

PIAGGIO iGET, NASCE UN MOTORE COMPLETAMENTE NUOVO: PIÙ POTENZA, MINORI CONSUMI, PIÙ FLUIDITÀ DI MARCIA

Piaggio New Liberty - Still Life

Sul nuovo Liberty esordisce la nuova famiglia di motori Piaggio iGet nella versione con raffreddamento ad aria, unità che rappresentano lo stato dell’arte nei rispettivi segmenti di cilindrata. I nuovi propulsori Piaggio iGet sono il frutto di una filosofia di progettazione che si pone quali obiettivi primari - insieme al contenimento di consumi ed emissioni - nuovi e più avanzati livelli di qualità e di affidabilità. Ogni aspetto della progettazione è stato mirato ad aumentare l’efficienza di ogni singola parte per contribuire alla massimizzazione delle prestazioni.  Oltre un milione di chilometri già percorsi nella fase di collaudo dei primi modelli di motore Piaggio iGet testimoniano dell’attenzione a qualità e affidabilità nel processo di sviluppo delle nuove motorizzazioni iGet che, grazie alla modularità del progetto, potranno essere declinate nelle versioni con raffreddamento a liquido o ad aria e con distribuzione a 3 o 4 valvole. Il nuovo Liberty arriva in tre diverse motorizzazioni - 50, 125 e 150cc – per soddisfare ogni esigenza di mobilità, avendo come punti comuni la brillantezza delle prestazioni nelle rispettive classi di cilindrata, la qualità e l’affidabilità dei propulsori, l’economicità di esercizio e il contenimento di emissioni, anche sonore. Tutti i motori di Liberty sono modernissimi 4T, raffreddati ad aria e dotati di iniezione elettronica. Ogni particolare, dallo scarico al disegno interno del coperchio della trasmissione fino al nuovo filtro aria, è inoltre stato ripensato per rendere la guida fluida, silenziosa e confortevole.
Il motore 50 cc, 4 tempi è vero gioiello, con la parte termica completamente nuova. Caratterizzato dalla distribuzione a 3 valvole che distingue la famiglia iGet, il nuovo cinquantino è il frutto di una progettazione volta a massimizzare la qualità, l’affidabilità e una straordinaria riduzione di consumi e di emissioni. È un propulsore perfetto per la prima motorizzazione dei giovanissimi, che non mancheranno di apprezzarne le doti di brillantezza unite a spiccate doti di economicità di esercizio, grazie al consumo contenuto in 58 km/l alla velocità costante di 40 km/h. Nell’ottica del rispetto dell’ambiente cittadino, terreno usuale per la versione più leggera del nuovo Liberty, il nuovo propulsore contiene la rumorosità grazie allo sviluppo di nuovi settaggi del cambio che consentono al monocilindrico di mantenere brillantezza nelle prestazioni pur girando più “tranquillo”, ovvero a un regime mediamente più basso rispetto ai motori della generazione precedente. Il risultato è la riduzione della rumorosità meccanica oltre che il contenimento dei consumi.
Le motorizzazioni 50, 125 e 150 cc che equipaggiano il nuovo Liberty sono caratterizzate da un nuovo sistema a iniezione migliorato nell’efficienza, e vantano una superiore erogazione sia della potenza, sia della coppia, a tutto vantaggio della ripresa da bassi regimi che si traduce in nuova brillantezza e prontezza di risposta nella tipica guida cittadina, caratterizzata da continui stop and go. Un nuovo iniettore a otto fori nebulizza finemente la benzina per una combustione ottimale. In particolare il nuovo motore Piaggio 125 cc presenta un incremento di potenza di ben oltre il 10% rispetto alla motorizzazione che equipaggiava la precedente versione di Liberty, a fronte di una riduzione dei consumi del 16%. Il 150 si distingue per brillantezza superiore che ne rende appagante la guida in ogni condizione di marcia: 9,6 kW a 7.750 giri di potenza e la coppia da 13 Nm a 6.500 giri assicurano un tiro sempre pieno a qualsiasi regime e rendono Liberty ABS particolarmente vivace sia nelle condizioni di traffico metropolitano sia in tratti di strada libera. Tutto mantenendo i consumi straordinariamente bassi, fino al dato di 57 km/l alla velocità costante di 40 km/h.
Piaggio iGet 125 cc e 150 cc sono monocilindrici completamente nuovi sia nella componentistica meccanica, sia nella parte elettronica. Tra i componenti inediti sono da segnalare:

  • l’albero motore, con inerzia maggiorata del 24% rispetto al precedente motore, per una decisa riduzione delle vibrazioni e migliore fluidità di marcia.
  • il nuovo motorino di avviamento, più silenzioso del 70%
  • il coperchio della trasmissione, per una ulteriore riduzione della rumorosità e aumento della rigidezza.
  • il filtro aria con cartuccia in carta di tipo automotive che migliora l’azione filtrante riducendo il rumore di aspirazione,
  • il sensore barometrico per una combustione sempre ottimale.

Particolare attenzione è stata dedicata alla definizione della nuova frizione dello scooter, progettata e sviluppata al fine di massimizzare la soddisfazione nella guida. In particolare è stata curata la gestione della potenza sia nelle fasi di piccola apertura del gas, sia nell’andamento “stop and go” che è tipico delle grandi metropoli caratterizzate da traffico congestionato. I risultati, dal punto di vista del guidatore, sono una fluidità e una morbidezza di marcia che, unite alla maggiore potenza del motore, consentono una guida sempre piacevole, fluida, priva di strappi. È del tutto nuovo anche lo scarico. La nuova unità rende il propulsore più silenzioso e allo stesso tempo garantisce una timbrica più piena e piacevole. Inoltre un nuovo braccio di alluminio collega il complesso scarico-motore, aumentando la rigidità di tutto il sistema.

QUALITÀ E AFFIDABILITÀ: NESSUN COMPROMESSO PER LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

Nuovo Piaggio Liberty è il frutto di un nuovo processo di sviluppo che, sin dalle prime fasi della progettazione, si pone come obiettivi la superiore qualità finale del veicolo, le prestazioni e tiene al centro del processo la soddisfazione del cliente.
Target come la perfetta ergonomia, la facilità di utilizzo, la maneggevolezza e la stabilità, il contenimento di consumi ed emissioni a fronte di prestazioni sempre più brillanti, nascono dalla attenzione al cliente finale per offrire al mercato un mezzo modernissimo, performante, ricco di stile e dall’elevato livello realizzativo, col quale distinguersi nella guida anche nei più raffinati ambienti metropolitani.
La nuova famiglia di Liberty vanta una qualità realizzativa superiore che si sostanzia non solo nella affidabilità - valore imprescindibile - ma anche nella percezione fisica di un livello di finitura di alto livello. I nuovi materiali, i nuovi trattamenti, gli accostamenti e persino le scelte cromatiche, contribuiscono a una sensazione di qualità percepita in grado di appagare anche l’utente più evoluto.
La solidità di Piaggio Liberty e di ogni suo componente è un tratto evidente del nuovo veicolo così come la cura maniacale di ogni particolare che si fa tangibile in aspetti niente affatto secondari quali il feeling di modulabilità dell’apertura gas, la perfetta realizzazione del bauletto portaoggetti nel controscudo, nella scelta dei materiali che rivestono la seduta, nel sound del motore, nell’assenza di vibrazioni, nel feeling in frenata. Si tratta di un processo di realizzazione che eleva significativamente il livello globale di qualità di Liberty e che consente di offrire al cliente un prodotto di valore, affidabile, che manterrà nel tempo le proprie avanzate caratteristiche.

NUOVO TELAIO, NUOVA CICLISTICA, NUOVA ERGONOMIA, SISTEMA ABS: PIAGGIO LIBERTY NASCE SICURO

Piaggio New Liberty - Still Life 2

Maneggevolezza superiore per una facilità assoluta di guida, una stabilità senza compromessi alle velocità più elevate per una sicurezza mai in discussione: sono questi i “binari” che hanno ispirato il disegno del nuovo telaio di Liberty, la nuova geometria della forcella, l’adozione di una nuova ruota anteriore - ora da 16 pollici di diametro - e poi le scelte in materia di ciclistica e di componentistica al più alto livello qualitativo. Il telaio di Piaggio Liberty, completamente nuovo, è una robusta struttura monoculla realizzata in tubi di acciaio e da elementi in lamiera stampata. I nuovi valori di rigidità torsionale (+15%) e alla flessione longitudinale (incrementata del 17%), si traducono per l’utente in un handling e una stabilità di guida decisamente migliori e degni di veicoli di classe superiore, con un feeling di assoluta padronanza del mezzo.
All’avantreno lavora una forcella telescopica idraulica dalla rinnovata geometria mentre al retrotreno è un doppio braccetto a collegare il carter motore al telaio ed a garantire lo smorzamento ottimale delle forze alterne del motore. Un singolo ammortizzatore a doppio effetto regolabile nel precarico molla permette un perfetto adattamento del Liberty al peso di pilota o di pilota e passeggero. Liberty è da sempre un grande protagonista del fenomeno degli scooter “ruota alta”. Fedele alla sua filosofia di mezzo leggero e maneggevole ma anche stabile e sicuro proprio grazie alle grandi ruote, continua a svilupparsi in questa direzione con l’aumento di dimensioni della ruota anteriore che passa da 15” a 16”, garantendo una stabilità ancora migliore alle andature più brillanti. Entrambi i cerchi sono caratterizzati dall’accattivante disegno a sette razze sdoppiate al centro e sono realizzati in lega di alluminio.
Il cerchio posteriore da 14” monta un generoso pneumatico che, rispetto alla precedente versione, cresce fino alla misura di 100/80, garantendo grip e stabilità senza pregiudicare la leggendaria agilità di Piaggio Liberty. Il sistema ABS che equipaggia Liberty 125 e 150 cc è stato sviluppato da Piaggio con Bosch, il maggiore produttore mondiale di componenti per il settore automotive. Il sistema elettronico di controllo della frenata impedisce il blocco della ruota anteriore nel caso di frenate brusche, o in presenza di fondo dalla aderenza scarsa, un ulteriore e importante passo verso la sicurezza attiva del veicolo. L’impianto frenante, anche sulla versione 50 cc, si compone di un disco anteriore da 240 mm, morso da pinza Nissin e da un affidabile e infaticabile tamburo posteriore da 140mm con trasmissione ed efficienza migliorate.
In tema di sicurezza niente è lasciato al caso: il nuovo Piaggio Liberty si dota di particolari di alto livello quali il doppio cavo del gas che garantisce sempre la possibilità di chiusura meccanica della farfalla, il tilt sensor che in caso di caduta comanda lo spegnimento immediato del motore, il sensore che impedisce la partenza col cavalletto laterale abbassato. Vedere ed essere visti è fondamentale, quando si viaggia su due ruote. Alla sicurezza attiva garantita dal nuovo Piaggio Liberty contribuiscono le nuove luci anteriori a LED che rendono sempre ben visibile lo scooter sia di giorno sia di notte.

LO STILE: ELEGANZA ITALIANA, NUOVA ERGONOMIA E MASSIMA FUNZIONALITÀ

Piaggio New Liberty - Action

Piaggio Liberty, nelle varie versioni che si sono succedute negli anni, ha sempre rappresentato un’icona che ha contribuito a creare il fenomeno degli scooter a ruota alta. Perfetto rappresentante dello stile e dell’eleganza italiani si è distinto in un segmento nel quale la bellezza è spesso sacrificata alla funzionalità riuscendo a unire praticità ed eleganza. Il nuovo Liberty riassume ed evolve tutti gli stilemi che ne hanno caratterizzato la storia, a partire da un design generale armonico e fluido che enfatizza caratteristiche quali maneggevolezza e praticità coniugate con un prezioso stile italiano. La nuova generazione di Piaggio Liberty trasmette una immediata sensazione di qualità e robustezza e lo fa presentandosi più dinamico, più grande, più comodo ma senza perdere lo spirito originale che ne ha decretato il successo. Le sue proporzioni non sono state stravolte e una grande attenzione è stata posta all’ergonomia generale del veicolo ponendo, in ogni fase dello sviluppo, il guidatore (sia maschio, sia femmina), al centro del progetto. Lo scudo anteriore diventa più protettivo e non rinuncia all’elemento estetico verticale, ormai caratteristico di tutta la produzione Piaggio, grazie al quale il family feeling della casa italiana si completa e acquisisce così una coerenza formale ancora più marcata. Il nuovo frontale esprime un’immagine più ricca e più tecnologica. Nelle versioni 125 e 150 cc le luci di posizione ora sono a LED e, sfruttando la tecnologia della guida luce, collaborano con la sorgente del proiettore principale posto sul manubrio caratterizzando Liberty rendendolo subito riconoscibile tanto al buio quanto in pieno giorno. Anche il manubrio è totalmente nuovo, al gruppo ottico rinnovato nella parte anteriore, corrispondono nuovi comandi nella parte posteriore, più completi per il facile controllo di tutte le nuove funzioni che sono rese visibili e gestibili attraverso il nuovo quadro di bordo.

La nuova strumentazione rappresenta un deciso salto in avanti rispetto alla precedente versione di Liberty. Non più meccanica ma elettronica, integra la elegante lettura classica con la presenza di un moderno display LCD comandabile con un pulsante sulla destra del manubrio e fornisce tutte le informazioni per la gestione del veicolo. Nel controscudo, grazie allo spostamento della batteria, praticamente raddoppia lo spazio a disposizione per il vano portaoggetti che passa dai 2 litri del precedente Liberty ai quasi 4 del nuovo modello. Come optional, lo spazio prevede anche la presenza di una comoda presa USB per la ricarica dello smartphone. Tutta la struttura del comodo porta oggetti è realizzata con grande cura sia nella scelta che nel trattamento dei materiali, il risultato è un elevato livello qualitativo, subito evidente nella semplice azione di apertura e chiusura del vano. Lo spazio a disposizione per il trasporto di oggetti o per la custodia del casco cresce anche nel vano sottosella che passa da 12,5 a 17 litri con un incremento del 30%.
Il miglior comfort a bordo è stata la linea che ha guidato la progettazione e lo sviluppo del nuovo Piaggio Liberty. La parte centrale del veicolo è ora più ospitale e la pedana più accogliente, sia per i piedi di chi guida sia, grazie alle pedane estraibili, per quelli del passeggero. La sella, totalmente rimodellata e particolarmente generosa nelle dimensioni, è stata allungata per un miglior comfort anche in coppia. È rivestita da “ecopelle” di grande qualità percepita e impreziosita da cuciture che ne sottolineano le forme sinuose. Alla base della seduta un innovativo elemento cromato ne valorizza l’estetica avendo non solo una funzione ornamentale, che slancia la parte posteriore di Liberty, ma integrando un incavo che facilita l’apertura e la chiusura della sella stessa. Come optional è disponibile il telecomando integrato nella chiave dotato di “bike finder” che aziona gli indicatori di direzione, un dispositivo comodo per riconoscere il veicolo, magari in un parcheggio particolarmente affollato.
La coda del veicolo acquisisce una presenza più importante nell’immagine complessiva del nuovo Liberty. L’aumentata capacità di carico ha comportato un aumento delle dimensioni che non va a intaccare la purezza dello stile. La forma, fluida e armoniosa del posteriore termina in un gruppo ottico totalmente rinnovato. Le superfici della coda, scolpite e modellate, integrano i caratteristici elementi laterali di Liberty, ovvero le protezioni che riparano dagli urti una delle parti più esposte della carrozzeria. Questi elementi sono coordinati con quelli che proteggono lo scudo anteriore e integrano eleganti elementi cromati.
Il nuovo Piaggio Liberty nasce in due diverse configurazioni: la classica standard e la più sportiva S. La versione standard, interprete dell’anima classica ed elegante che ha sempre caratterizzato Liberty, naturalmente dedicata a un pubblico più adulto, è offerta nelle classiche cromie Bianco Perla e Blu Midnight alle quali si affianca la nuova Marrone Etna.
Piaggio Liberty S si distingue per le colorazioni decise Rosso Ibis e Grigio Titanio Opaco. Grazie alle grafiche dedicate e a particolari quali i cerchi ruota neri con canale lucidato e le cuciture rosse delle sella, l’allestimento S si rivolge a utenti più giovani e dinamici.

ACCESSORI: UNA GAMMA AMPIA TECNOLOGICA ED ESCLUSIVA

La nuova generazione di Piaggio Liberty arriva accompagnato da una gamma di accessori degna di un best seller e, come il veicolo, completamente rinnovata alla luce dei nuovi standard di qualità, delle nuove tecnologie e dei bisogni sempre più evoluti di chi si muove in ambienti metropolitani. La gamma pensata e sviluppata per Liberty non è “solo” la più ampia per uno scooter della sua classe ma anche la più innovativa. La tecnologia del Gruppo Piaggio esprime per Liberty una serie di accessori dagli alti contenuti di tecnologia, una vera esclusiva per uno scooter di questa categoria.
Antifurto elettronico - Il più compatto della categoria, caratterizzato dal più basso assorbimento energetico disponibile sul mercato. È autoalimentato e quindi indipendente dallo stato della batteria. Bike finder – Sistema per il riconoscimento rapido del veicolo, particolarmente utile nei parcheggi affollati, è dotato anche della apertura sella radiocomandata.  Piaggio Multimedia Platform (PMP) – E’ il sistema multimediale sviluppato da Piaggio che consente a Liberty di dialogare con lo smartphone visualizzando sullo schermo della device tutte le informazioni relative al viaggio e al comportamento dello scooter, tramite un’APP gratuita, dalla grafica chiara e facile da usare.

Piaggio Sound System (PSS) – Il Liberty stesso diventa un sistema multimediale capace di dialogare con diverse device via bluetooth, per riprodurre suoni e musica, oppure per dare voce a dispositivi multimediali informativi.

Per il nuovo Liberty non manca un ampio catalogo degli accessori classici. Parabrezza – Realizzato in metalcrilato antiurto e antischeggia in lastra da 4 mm, è caratterizzato dal paramani integrato e dalle eleganti cover nere per le aste di fissaggio. Cupolino - Testato e omologato Piaggio offre protezione ed esalta la linea del frontale di Liberty. Realizzato in metalcrilato antiurto adotta le cover nere per le aste, un contributo di stile a un accessorio decisamente elegante. Bauletto - La capacità da ben 30 litri e quindi la capacità di accogliere un casco integrale rendono utilissimo questo classico accessorio che con l’arrivo del nuovo Liberty si declina in due versioni: il bauletto a finitura goffrata e il bauletto verniciato in tinta con la carrozzeria. Entrambi sono dotati di tappetino interno e sono predisposti per lo schienalino rivestito dello stesso materiale della sella.

Antifurto meccanico sella-manubrio – Di estrema semplicità ed efficacia, “lega” il manubrio al veicolo grazie a un robusto sistema di fissaggio serrato alla scocca. Telo copriveicolo – Per il ricovero in esterno del veicolo, realizzato in materiale resistente all’acqua. Telo coprigambe – Disegnato per il nuovo Liberty si fissa in modo ottimale, grazie anche al sistema anti sventolio che garantisce massima protettività. E’ dotato di antifurto in cavo di acciaio e di coprisella impermeabile.  Cavalletto laterale – Completo di sensore di sicurezza anti avviamento. Tappetino in gomma – Perfettamente adattabile alla pedana di Liberty è realizzato in materiale antisdrucciolo e arricchito da finiture cromate.

INFO:
eicma.piaggiogroup.com
www.piaggio.com

Prodotto
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

NOVITA’: PIAGGIO MEDLEY
LO SCOOTER CHE NON C’ERA

APRE UN NUOVO SEGMENTO DI MERCATO: RICCO NELL’ALLESTIMENTO E TECNOLOGICAMENTE AVANZATO, UNISCE I VANTAGGI DI UN RUOTA ALTA LEGGERO CON IL COMFORT E LA RICCHEZZA DI DOTAZIONI DI UNO SCOOTER DI CLASSE SUPERIORE. E’ SPINTO DALLE NUOVE MOTORIZZAZIONI iGET 125 E 150 CC A INIEZIONE ELETTRONICA, RAFFREDDATE A LIQUIDO E CON DISTRIBUZIONE 4 VALVOLE. UNA NUOVA FAMIGLIA DI MONOCILINDRICI CHE DIVENTA IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER QUALITÀ, AFFIDABILITÀ E CONTENIMENTO DELLE EMISSIONI. START & STOP, ABS, TECNOLOGIA “GUIDALUCE”, CAPACITÀ DI CARICO RECORD: PIAGGIO MEDLEY NASCE PER ESSERE LEADER INTERPRETANDO AL MEGLIO I VALORI DI QUALITÀ, STILE E TECNOLOGIA

Piaggio Medley - official video

L’agilità di un veicolo metropolitano unita alla dinamicità di un ruota alta e alla comodità e capacità di carico un grande scooter GT, hanno dato origine a Medley, il nuovo Piaggio che combina i valori modernissimi di razionalità, tecnologia e stile. Medley coniuga praticità, tecnica e bellezza nel più puro stile italiano interpretando le esigenze di un pubblico in continua evoluzione alla ricerca di soluzioni di mobilità che vadano oltre le formule consuete dello scooter. Con Medley non si rinuncia a nulla.

Piaggio Medley è in grado di unire i vantaggi di una ciclistica caratterizzata dalle ruote di ampio diametro, che garantiscono guidabilità e tenuta di strada superiori rispetto agli scooter dotati di cerchi di misure più piccole, e la razionalità dello scooter classico, la sua protettività, la sua capacità di carico, la comodità della sella ampia anche nella guida con passeggero. Una tipologia, quella degli scooter a ruota alta, di grande successo che si è sempre divisa in veicoli più leggeri e maneggevoli, caratterizzati da una grande semplicità di guida ed economicità di esercizio, e veicoli più importanti portatori di valori quali robustezza e prestazioni. Piaggio, leader europeo e tra i principali player mondiali tra i produttori di scooter, depositario di una storia unica quale creatore di nuove forme di mobilità leggera, è stato protagonista nel settore ruota alta sia con veicoli facili e leggeri, come il Liberty, sia con scooter dalle prestazioni spettacolari e dalla dotazione tecnica esclusiva qual è la gamma Beverly. Medley raggiunge l’obiettivo di creare una nuova classe di scooter a ruote alta di Piaggio che sappia unire i vantaggi di uno scooter agile e leggero con quelli di un ruota alta dalle dimensioni e prestazioni superiori.
Dotato di serie della funzione “Start & Stop”, che, gestendo lo spegnimento del motore durante le soste, contribuisce al contenimento dei consumi, delle emissioni, e di ABS a due canali, Piaggio Medley vanta quindi un equipaggiamento di solito esclusivo di scooter di classe superiore. Sono disponibili due motorizzazioni 4T - 125 e 150cc – entrambe raffreddate a liquido, con distribuzione a 4 valvole e iniezione elettronica. Si tratta di propulsori progettati e sviluppati da Piaggio che vanta un centro di ricerca e sviluppo di motori per scooter, tra i più evoluti a livello mondiale.

TELAIO E CICLISTICA: ROBUSTEZZA, FACILITA’ DI GUIDA E LEGGEREZZA. La struttura portante di Piaggio Medley si basa su un nuovo telaio del tipo “culla bassa” realizzato in tubi di acciaio, con rinforzi in lamiera di acciaio, i quali contribuiscono alla sua robustezza generale.
L’avantreno è caratterizzato da una forcella con steli da 33 mm di diametro, mentre al posteriore lavora una coppia di ammortizzatori a doppio effetto e molle elicoidali con precarico regolabile su 5 posizioni. Grazie a questa configurazione, ai grandi cerchi ruota (da 16” anteriore e da 14” posteriore) realizzati in lega di alluminio con elegante disegno a sei razze sdoppiate e ai pneumatici rispettivamente da 100/80 anteriore e da 110/80 posteriore, Piaggio Medley garantisce un comfort di marcia,  una tenuta di strada e una solidità su strada degne di veicoli di classe superiore, mentre il peso contenuto, 138 kg in ordine di marcia, consente di mantenere agilità e maneggevolezza che sono i punti di forza degli scooter leggeri. Alla sicurezza attiva ci pensa il potente impianto frenante - che si compone di due unità a disco da 260 e 240 mm con pinze flottanti a doppio pistoncino - dotato di serie di sistema antibloccaggio ABS. Ciascuna ruota è dotata di un sensore e una ruota fonica per il rilevamento giri che misura istantaneamente velocità e decelerazione della stessa rispetto a quella del veicolo. I sensori dialogano con una centralina idraulica a 2 canali che attiva il sistema ABS qualora una delle due ruote deceleri bruscamente rispetto al veicolo, scongiurando il bloccaggio e garantendo stabilità e una frenata efficiente anche su fondi a basso coefficiente d’attrito.

PRATICO, DINAMICO, LEGGERO E CON STILE. Come avviene nel campo automobilistico, anche nel settore delle due ruote la combinazione di diverse architetture di veicolo porta alla nascita di nuove formule per la mobilità leggera. Ispirato alle forme importanti, moderne ed eleganti del fratello maggiore Beverly, il nuovo Piaggio Medley introduce concetti di leggerezza e dinamicità ideali per un uso cittadino del mezzo.

Piaggio Medley - Still Life

La ruota anteriore da 16” dona al veicolo stabilità, sicurezza e comfort, slanciando verticalmente tutta la parte frontale. I cerchi sono in alluminio e vantano un elegante disegno a sei razze sdoppiate. Lo scudo anteriore è dotato di un vano porta oggetti ampio e facilmente accessibile dalla seduta di guida. La vista frontale si distingue da quella classica di uno scooter a ruota alta: le superfici sono più estese a tutto vantaggio della protezione aerodinamica e quindi del comfort di marcia, seppur Medley mantenga una spiccata leggerezza estetica che, unita al più classico stile Piaggio reinterpretato in chiave moderna, regala al veicolo una personalità unica e distintiva. L’elemento verticale metallico (la cosiddetta “cravatta”) spicca al centro dello scudo anteriore, ponendo così l’accento su un certo family feeling con la recente produzione Piaggio; inoltre l’adozione delle innovative luci di posizione – costituite da guidaluce finemente illuminati da led bianchi – e del faro principale, diventano veri e propri tratti somatici di distinzione.

Il manubrio, modellato nelle forme per garantire protezione al guidatore, accoglie uno strumento elettronico rifinito da una cornice cromata; il display digitale rende disponibili tutte le informazioni necessarie, mentre la ricca dotazione di spie tiene sotto controllo tutte le funzioni a partire dallo “Start & Stop”, per proseguire con le classiche “check iniezione”, pressione olio, attivazione ABS e Immobilizer. La sella, ampia e comoda anche nella porzione dedicata al passeggero, è dotata di apertura elettrica comandata da pulsante sul manubrio, mantenendo sempre un comando di apertura meccanica posto nel cassetto del controscudo. Lo stile di quest’ultimo è coordinato con la parte posteriore del manubrio e della sella, ricreando un ambiente simile all’abitacolo di un’automobile. Lungo tutto il corpo di Medley l’alternarsi di superfici concave e convesse, guidate da linee decise e arcuate, rende l’immagine del veicolo dinamica e compatta allo stesso tempo. Un gruppo ottico posteriore con luci di posizione realizzate con guidaluce illuminati da led rossi, conclude le forme in maniera originale. Anche in condizioni notturne, come per le luci di posizione anteriori, l’illuminazione guidata secondo il classico stilema Piaggio, rende il veicolo unico e riconoscibile.  Il retrotreno, particolarmente slanciato, mantiene dimensioni contenute nonostante il grande vano di carico sottosella dalla capacità di ben 36,2 litri, in grado di accogliere un casco integrale e un full jet, davvero eccezionale per un ruota alta. Un tale risultato è ottenuto grazie alle forme della coda ben concepite e al riposizionamento del serbatoio del carburante al centro della pedana. Una soluzione che ha incrementato la capacità di carico del vano portacaschi fornendo ulteriori vantaggi quali la possibilità di effettuare il rifornimento senza scendere dalla sella e una migliore guidabilità su strada, per via della migliore centralizzazione delle masse.

MOTORI: LA NUOVA GENERAZIONE PIAGGIO iGET. Da sempre la tecnologia motoristica del Gruppo Piaggio è volta alla realizzazione di propulsori sempre più evoluti in termini di contenimento di consumi e delle emissioni (anche sonore), oltre all’allungamento degli intervalli di manutenzione. Forte del più importante centro di ricerca e sviluppo per motori di scooter in Europa, e tra i primi al mondo, Piaggio ha sviluppato in casa tecnologie e competenze uniche che contribuiscono oggi alla realizzazione di motori in linea con le più severe normative a livello mondiale.

Su Piaggio Medley esordisce una nuova famiglia di motori denominata iGet, qui presentata nelle cilindrate 125 e 150cc e nella più raffinata versione, dotata di sistema “Start & Stop”, iniezione elettronica, distribuzione a quattro valvole e raffreddamento a liquido. Motori che si pongono al vertice delle rispettive categorie per prestazioni e rispetto dell’ambiente e omologati nel rispetto della normativa Euro 4. I nuovi propulsori Piaggio iGet sono il frutto di una filosofia di progettazione che pone tra gli obiettivi primari nuovi e più avanzati livelli di qualità e di affidabilità. Ogni aspetto della progettazione è volto a ottimizzare l’efficienza di ogni singola parte per contribuire alla massimizzazione delle prestazioni. Solo nelle prime fasi di collaudo sono stati percorsi oltre un milione di chilometri a prova di un’esasperata ricerca di affidabilità. Ogni componente dei nuovi propulsori, dallo scarico al disegno interno del coperchio della trasmissione fino al nuovo filtro aria, è inoltre stato studiato per rendere la guida fluida, silenziosa e confortevole e per allungare la vita del motore. Gran parte del lavoro dei tecnici Piaggio si è tradotto nella attenzione maniacale alla riduzione degli attriti, mediante introduzione di cuscinetti su ogni parte rotante, nella distribuzione e nella geometria del manovellismo, con asse cilindro spostato per minimizzare le perdite per attrito sul pistone. Anche la rumorosità meccanica dei nuovi iGet è estremamente ridotta grazie alla riduzione dei giochi e alla ottimizzazione di materiali e forme.
Sono molte le parti completamente nuove dei propulsori che equipaggiano Medley:

  • termodinamica (testa, cilindro, pistone, distribuzione a bilancieri con rulli); inoltre tutte le parti in movimento sono state ottimizzate per ridurre le masse e gli attriti di funzionamento.
  • l’albero motore, per una netta riduzione delle vibrazioni;
  • sistema di avviamento: non c’è più il classico motorino con trasmissione a ingranaggi, bensì una macchina elettrica “brushless” di tipo “direct mount” sull’albero motore. Il risultato è la totale assenza di attriti per ottenere massima silenziosità di avviamento, durata e affidabilità del sistema.
  • impianto di raffreddamento, con radiatore a bordo motore: si sono ridotti così il peso complessivo del veicolo e i tempi di warm-up (thermal management), con evidenti vantaggi sui consumi e sulle emissioni.
  • il coperchio della trasmissione, per un’ulteriore riduzione della rumorosità.
  • la cinghia a doppia dentatura di ultima generazione, per minimizzare le perdite passive, ancora una volta a tutto vantaggio di consumi ed emissioni.
  • Il settaggio del cambio che migliora guidabilità, prestazioni e consumi.
  • il filtro aria che migliora l’azione filtrante riducendo il rumore di aspirazione.
  • nuova centralina gestione motore integrata con la parte di gestione S&S (Regolatore, Inverter S &S, RISS), sviluppata completamente da Piaggio.

La versione ottavo di litro è accreditata di una potenza di 9 kW a 8.250 giri mentre il brillante 150cc esprime 11 kW a 7.750 giri. Dati che tradotti su strada testimoniano di motori brillanti, espressamente progettati e realizzati avendo presenti le esigenze dell’utente nell’utilizzo quotidiano in ambienti cittadini e metropolitani. Situazioni di marcia caratterizzata da frequenti “start and stop” che richiedono elasticità, brillantezza nella ripresa e fluidità di marcia. Doti assicurate dagli ottimi valori di coppia (11,5 Nm a 6.500 giri per il 125cc e 14,4 Nm a 6.400 giri per il 150cc) che consentono a Medley eccellenti qualità di scatto da fermo e ripresa, anche per merito del peso complessivo davvero ridotto. Del lavoro di ottimizzazione di ogni componente beneficia il dato complessivo di consumo carburante: la percorrenza su ciclo WMTC arriva a 47,5 km/l per il 125cc e a 45,9 km/l per la versione 150 cc di Medley.

GAMMA COMPLETA DI ACCESSORI

La linea di accessori per Piaggio Medley nasce all’insegna della tecnologia al servizio della funzionalità. Si tratta di una gamma completa di complementi pensati per Piaggio Medley che ne accrescono comfort  e possibilità di utilizzo. Le linee, i materiali e le rifiniture del parabrezza conferiscono al nuovo scooter Piaggio la migliore protezione dagli agenti atmosferici, accentuando altresì l’eleganza delle forme. Il più ridotto cupolino sottolinea la grinta e il carattere sportivo di Medley.  Grande attenzione è stata posta alla capacità di carico. In abbinamento all’ampio vano sottosella, Piaggio propone il classico bauletto da 30 litri e il nuovissimo bauletto 37 litri che estende al massimo la capacità di carico. Entrambi i bauletti sono naturalmente disponibili in tinta col colore veicolo. Ideale per chi percorre spostamenti piuttosto lunghi e frequenti, la sella comfort sostiene il peso della seduta in maniera dolce e stabile, soprattutto in combinazione con il tappetino antiscivolo. Il coprigambe dedicato è il completamento ideale per chi non si fa spaventare dalla stagione fredda. Per chi invece non utilizza lo scooter durante l’inverno è stato previsto un telo copriveicolo impermeabile, dedicato e personalizzato con logo, che prevede aperture specifiche per parabrezza e bauletto opzionali. La linea accessori non trascurare il tema della protezione del veicolo: il sistema antifurto meccanico sella-manubrio, previsto per Medley è comodo e semplice da applicare. L’innovativo antifurto elettronico, autoalimentato e caratterizzato dal più contenuto assorbimento energetico sul mercato, aggiunge il deterrente dell’immobilizer e di una potente sirena contro qualsiasi tentativo di manomissione. Su Medley è possibile installare contemporaneamente più sistemi tecnologicamente avanzati come il bike finder (per ritrovare velocemente il proprio mezzo nelle zone più affollate e comandare dal telecomando l’apertura sella), il Piaggio Multimedia Platform (che dialogando con lo smartphone, fornisce tutte le informazioni sul tragitto fatto e sullo stato di funzionamento del mezzo, oltre ad un comodo sistema di geolocalizzazione che agevola il ritrovamento dello scooter nelle aree più caotiche delle città) e il Piaggio Sound System (sistema di riproduzione sonora delle informazioni, indicazioni di viaggio musica, attraverso l’utilizzo del corpo del veicolo come diffusore). Nessun altro veicolo attualmente sul mercato può essere dotato dello stesso equipaggiamento tecnologico garantito dalla gamma di Accessori Piaggio.

INFO:
eicma.piaggiogroup.com
www.piaggio.com

Prodotto
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

PIAGGIO WI-BIKE:
IL MIO NUOVO PERSONAL TRAINER

PIAGGIO INVENTA UNA FORMA NUOVA DI SODDISFAZIONE DELLE ESIGENZE DI MOBILITÀ PIÙ EVOLUTE. WI-BIKE VA BEN OLTRE IL CONCETTO DI BICICLETTA ELETTRICA PROPONENDO FUNZIONALITÀ INNOVATIVE E NUOVI LIVELLI DI INTERAZIONE TRA CICLISTA, MEZZO MECCANICO E AMBIENTE

Piaggio Wi-Bike - the new way to B

Da quasi settant’anni il Gruppo Piaggio è leader mondiale nello sviluppo, produzione e commercializzazione di forme sempre nuove di mobilità. La ricerca di soluzioni che coniughino la libertà e la semplicità di movimento con la qualità della vita e il rispetto dell’ambiente è una missione che il Gruppo Piaggio ha sempre perseguito. Fondato sulla ricerca e sulla innovazione tecnologica il primato del Gruppo Piaggio si è concretizzato nei decenni in prodotti che hanno favorito la libertà a intere generazioni e rivoluzionato più volte il concetto stesso di mobilità creando non solo nuovi mezzi di trasporto ma inventando stili di vita, perché mobilità è sempre sinonimo di libertà.Il mito di Vespa nato nel dopoguerra, i ciclomotori più agili e leggeri degli anni ’60 e ‘70, e poi i veicoli elettrici, bimodali e infine la motorizzazione ibrida – unica al mondo tra gli scooter – sono tappe di un primato culturale, prima ancora che tecnologico, che ha sempre caratterizzato la vocazione all’innovazione del Gruppo Piaggio il cui primo veicolo elettrico risale addirittura al 1975.

Da questa storia unica di stile e tecnologia nasce Piaggio Wi-Bike, un mezzo completamente nuovo che va a soddisfare i bisogni più evoluti e le tendenze più avanzate di mobilità. Piaggio Wi-Bike supera il concetto di bicicletta a pedalata assistita e si propone come un mezzo che interpreta a 360 gradi le esigenze più progredite di mobilità, non più intesa semplicemente come capacità di spostamento, ma anche come presenza e condivisione d’informazioni nelle più moderne forme della rete e interazione col proprio mezzo. Grazie alla tecnologia PMP (Piaggio Multimedia Platform) Wi-Bike presenta un’avanzatissima interfaccia tra uomo e mezzo meccanico e garantisce una condivisione continua di dati col mondo offrendo la possibilità di interagire da qualunque luogo e con qualunque ambiente nella sua dimensione fisica, sociale ed esperienziale.

UN CUORE ELETTRICO MADE IN PIAGGIO. Il cuore di Piaggio Wi-Bike è una unità di propulsione elettrica da 250W-350W di potenza e 50 Nm di coppia, interamente progettata, sviluppata e costruita dal Gruppo Piaggio. Si tratta di un motore modernissimo di grande compattezza e dalla forma studiata per un suo perfetto inserimento nell’estetica elegante del telaio. La sua sagoma assial-simmetrica, ovvero disegnata attorno all’asse pedale, consente infatti di comprendere tutto il motore elettrico in ombra alla corona, così da ridurne grandemente l’impatto estetico. Ma è tutto il powertrain (ovvero l’insieme di motore, batteria e display di controllo) di Piaggio Wi-Bike a distinguersi per la tecnologia adottata e per le funzionalità proposte. Avanzati algoritmi sviluppati da Piaggio garantiscono un innovativo controllo della macchina elettrica, a tutto vantaggio dell’affidabilità.

Piaggio Wi-Bike - Still Life

Il display di ultima generazione è “contactless” e si alimenta automaticamente, in vicinanza della centralina, grazie alla tecnologia NFC (Near Field Communication). La connessione USB ha la duplice funzione di ricarica dello smartphone e di aggiornamento software. Anche la diagnosi è possibile via smartphone da parte dell’utilizzatore, mentre per il centro di assistenza è possibile intervenire via tablet – sempre grazie alla tecnologia bluetooth – per un check più completo.
Piaggio Wi-Bike, grazie alle tecnologie di cui dispone, si distingue anche per l’elevato livello di sicurezza: le centraline di cruscotto, batterie e motore elettrico sono collegate univocamente e quindi le tre unità possono funzionare solo se collegate e dialoganti l’una con le altre. Per esempio rimuovendo il display (che funge da vera chiave elettronica), in caso di sosta, si rende di fatto Piaggio Wi-Bike inutilizzabile.
Nella batteria è alloggiato un modulo GPS/GSM che funziona sia da antifurto satellitare sia da elemento di trasmissione dati da/per la batteria. Nel caso il sistema rilevi un tentativo di furto del veicolo, viene immediatamente inviata una notifica tramite l’app dedicata e tracciata sulla mappa la posizione del veicolo. È inoltre possibile verificare lo stato di carica della batteria via smartphone e ricevere, sempre sul proprio device, una notifica di allerta in caso di carica scarsa, per esempio dopo una lunga sosta. La batteria da 400 Wh agli ioni di litio, è elegantemente alloggiata sotto la sella in corrispondenza del tubo verticale e fornisce un’autonomia particolarmente elevata, mediamente compresa tra i 60 e i 120 chilometri in dipendenza delle modalità e condizioni di utilizzo. Il tempo di ricarica completa è di poco più di 3 ore. La batteria garantisce il più alto livello di sicurezza ed è completamente stagna (grado IP 65). Piaggio Wi-Bike adotta la trasmissione a cinghia in combinazione con un evoluto cambio automatico a variazione continua, assistito elettronicamente per assicurare sempre il miglior rapporto tra una scelta praticamente infinita di combinazioni. Si tratta di una tecnologia che attinge dalla straordinaria esperienza tecnica del Gruppo Piaggio in questo genere di trasmissioni.

Completano la gamma trasmissioni disponibili, un cambio a variazione continua con trasmissione a cinghia, che permette di selezionare il rapporto ideale con un passaggio fluido senza scatti, ed un cambio tradizionale di alta qualità, a 9 velocità, con trasmissione finale a catena. In omaggio alla sicurezza attiva il potente comparto freni è composto da due dischi dal diametro di 180 mm anteriore e 160 mm posteriore, su cui lavorano pinze idrauliche.

CONNESSI CON IL MONDO. Grazie alla tecnologia PMP (Piaggio Multimedia Platform) lo smartphone si integra funzionalmente con Wi-Bike via bluetooth. L’app sviluppata da Piaggio appositamente per Wi-Bike, infatti, consente lo sviluppo di funzionalità sempre nuove. Dal perfezionamento di servizi “classici”, quali la navigazione, fino a un più evoluto controllo delle modalità di funzionamento del powertrain, al di là delle impostazioni proposte di base.

Le classiche biciclette a pedalata assistita elettricamente offrono infatti un numero limitato e determinato di settaggi del livello di assistenza alla pedalata, con un contributo da parte del motore che rimane sempre egualmente proporzionale alla energia applicata dal ciclista una volta selezionata la modalità di funzionamento. Wi-Bike, grazie all’esclusiva tecnologia DEA (Dynamic Engine Assistance), consente invece di programmare il livello di assistenza offerto dal motore elettrico in percentuale sempre variabile in rapporto alla potenza offerta dal ciclista. Grazie alla possibilità di variare il contributo del motore, Piaggio Wi-Bike si rivela una vera macchina da fitness sulla quale il ciclista può impostare un suo sforzo fisso (ad esempio, 100W di sforzo e una determinata frequenza di pedalata) lasciando libero il motore di aumentare o diminuire il suo contributo sulla base delle variazioni altimetriche per rispettare i parametri impostati e coerenti col programma di allenamento che si intende realizzare.

Tramite l’app, inoltre, sarà possibile selezionare delle modalità predefinite di erogazione della potenza lungo l’arco di utilizzo, delle vere e proprie “mappature motore”:

STANDARD, il motore eroga potenza proporzionalmente allo sforzo rilevato sui pedali.

CITY, un boost di potenza ad ogni partenza. Per scattare davanti a tutti senza fatica negli “Stop & Go” del traffico cittadino.

HILL, il motore si adatta alla pendenza del percorso erogando più potenza in salita e meno in discesa o in pianura.
Ciascuna di queste mappature motore è impostabile su dieci diversi livelli di assistenza, per un utilizzo efficiente della batteria. Il sistema PMP, sempre controllabile dallo schermo dello smartphone, dai pulsanti sul manubrio, è la base per lo sviluppo di funzionalità virtualmente illimitate.  Le utilità offerte da PMP spaziano in ogni direzione nella gestione dati : si va dalle informazioni di utilizzo a funzionalità legate al fitness che consentono di sfruttare Piaggio Wi-Bike come uno strumento di allenamento per monitorare i dati del proprio corpo e raggiungere obiettivi in termini di ritmo cardiaco o consumo di calorie. La connettività tra elettronica bici e cardiofrequenzimetri, ad esempio, consente di gestire la potenza erogata dal motore elettrico sulla base di un range di frequenza cardiaca obiettivo (più questo è basso, maggiore sarà l’ausilio fornito dal motore). Lo sportivo potrà così effettuare il proprio allenamento e gestire la sua frequenza sul percorso; nel commuting invece si potrà scegliere di non superare una soglia massima di battiti per motivi di salute o, semplicemente, per non accaldarsi troppo andando al lavoro. Wi-Bike significa anche “community”: al termine di ogni sessione di allenamento o, semplicemente, itinerario percorso, è possibile condividere con i propri amici i dati relativi all’esperienza appena vissuta, sui social network più diffusi.

PURO “ITALIAN DESIGN”. Il design elegantemente sportivo che distingue Piaggio Wi-Bike è frutto del centro stile Piaggio che ha lavorato per coniugare il migliore e più distintivo design italiano con la  funzionalità e la comodità di esercizio. Modernità, raffinatezza delle soluzioni e semplicità sono le prole chiave che hanno ispirato il lavoro dei designer del gruppo Piaggio. Il risultato si concretizza in un telaio realizzato totalmente in alluminio dalla chiara impronta sportiva che accoglie una forcella ammortizzata anch’essa realizzata in alluminio e che potrà essere declinato in più versioni di Piaggio Wi-Bike a partire dal classico binomio maschile e unisex.

Da un punto di vista stilistico è particolarmente riuscita la sfida rappresentata dall’inserimento armonico degli organi del powertrain (motore elettrico, trasmissione e batteria) nel telaio, che rimane razionalmente pulito nelle sue linee di bicicletta. Il motore, disegnato intorno all’asse pedale rimane infatti in ombra alla corona, mentre la batteria, alloggiata sul tubo orizzontale sotto la sella, è facilmente estraibile. L’attenzione alla semplicità e all’intuitività nell’utilizzo di Piaggio Wi-Bike si sostanziano così in forme nate con l’obiettivo della funzionalità e in omaggio alla eleganza del design italiano.

QUATTRO ALLESTIMENTI DISPONIBILI. Piaggio Wi-Bike è disponibile in quattro allestimenti differenti.

COMFORT: è il veicolo d’ingresso nella gamma Wi-Bike di Piaggio; la più facile e accessibile da qualsiasi utente e disponibile nella versione di telaio senza canna alta, che facilita la salita in sella. Di serie vanta la forcella telescopica, la sella comfort, l’attacco del manubrio regolabile e le manopole ergonomiche. È disponibile in tre taglie differenti di telaio, per adattarsi in maniera ottimale a ogni tipo di corporatura. Due opzioni per il cambio: meccanico tradizionale o a variatore ad azione manuale.

COMFORT PLUS: rispetto alla Comfort si distingue per l’allestimento superiore, che comprende la sella e le manopole ergonomiche in vera pelle, oltre a dettagli di classe, come i pneumatici di tipo differente. Due opzioni di cambio: a variatore ad azione manuale o a controllo elettronico. È disponibile nella versione unisex (telaio senza canna alta e in tre differenti taglie: S, M e L) e nella versione maschile (telaio con canna alta e due differenti taglie: M e L).

ACTIVE: è la versione di Piaggio Wi-Bike dal design più sportivo. Il telaio è disponibile nella versione maschile (con canna alta) in due differenti taglie (M e L). Active si distingue per il cambio dalle tre opzioni di funzionamento: meccanico tradizionale, a variatore ad azione manuale e a variatore a controllo elettronico.

ACTIVE PLUS: la più accattivante nello stile e nell’equipaggiamento, si distingue per le varianti grafiche dedicate e per l’allestimento che prevede anche sella e manopole di pregiata fattura in pelle. Il telaio è disponibile nella versione maschile (con canna alta) in due differenti taglie (M e L). Due differenti opzioni per il cambio: a variatore ad azione manuale o a controllo elettronico.

INFO:
www.piaggio.com/wi-bike/it/it/index/#home

UN MONDO DI ACCESSORI DEDICATI

Tante le soluzioni per arricchire Wi-Bike secondo i propri gusti ed esigenze, grazie all’ampia offerta di accessori dedicati, superlativa per qualità, design, cura dei dettagli.

Prodotto
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

BEVERLY BY POLICE:
CO-BRANDING DI STILE

DALL’UNIONE DI DUE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY NASCE UNO SCOOTER GRINTOSO, DALLA SPICCATA ANIMA METROPOLITANA, CON LIVREA BLACK MAT

Il nuovo Beverly 300 by Police nasce dalla collaborazione tra due eccellenze del made in Italy: Police, marchio lifestyle conosciuto in tutto il mondo e il Gruppo Piaggio, principale costruttore europeo e leader internazionale nel settore scooter.  Dall’unione di queste due icone dello stile e della tecnologia nasce uno scooter che unisce lo spirito audace e grintoso di Police, da sempre caratterizzato da una verve metropolitana e graffiante, e la tecnologia di Beverly, lo scooter ruota alta che nella sua versione 300 cc offre prestazioni senza compromessi.

Beverly 300 by Police si presenta ai mercati europei nella grintosa cromia Nero Mat, con dettagli cromati lucidi e specchietti azzurrati, proprio come le lenti degli occhiali da sole Police che hanno rappresentato una generazione intera. A completare il ‘look da strada’ Beverly by Police è offerto con un casco dall’estetica dedicata e perfettamente coordinata con l’immagine dello scooter.

Piaggio Beverly, grazie alle sue doti di agilità, affidabilità e sicurezza e per le spettacolari prestazioni ha rivoluzionato il mercato, diventando in breve tempo leader nel combattuto e prestigioso segmento degli scooter a ruota alta.

Piaggio Beverly, negli anni ha saputo rinnovarsi e farsi apprezzare sia per la guida in città, che per il comfort e l’affidabilità dimostrati nell’impiego turistico a breve e a medio raggio.

Il propulsore 300 cc, monoclindrico a 4 tempi, 4 valvole, a iniezione elettronica, fornisce una potenza massima di 22,2 CV a 7.250 giri ed eroga una coppia massima di 23 Nm a soli  5.750 giri: valori che assicurano a Beverly un’elevata prontezza nella risposta del gas e prestazioni estremamente brillanti, rendendolo un mezzo ideale tanto per districarsi nel congestionato traffico cittadino quanto per trasferimenti di ampio raggio in totale comodità, da soli o con passeggero.

INFO:
eicma.piaggiogroup.com
www.piaggio.com

Protagonista sin dagli anni Ottanta come marchio di eyewear, Police firma oggi un’ampia gamma di prodotti di diverse categorie merceologiche, tutti contraddistinti da un’essenza on the road profondamente urbana. Questo co-branding rappresenta infatti un percorso naturale intrapreso dal marchio, che dopo aver firmato profumi, orologi, gioielli e piccola pelletteria, si ridefinisce in quello che è il suo habitat naturale e diventa uno scooter pronto a conquistare le strade di tutto il mondo. Sin dagli esordi Police è stato un fenomeno di costume grazie anche ai testimonial scelti per le iconiche campagne pubblicitarie che hanno caratterizzato un’epoca (Bruce Willis, George Clooney, David Beckham, Antonio Banderas), facendo diventare il brand sinonimo di un vero e proprio stile di vita. Oggi è l’attaccante e fantasista brasiliano Neymar Jr a prestare il volto a Police per il terzo anno consecutivo.

Prodotto
PIU’ PRESTAZIONI, RIDOTTI CONSUMI ED EMISSIONI

PIAGGIO VEICOLI COMMERCIALI:
NUOVA GAMMA PIAGGIO PORTER 2016

NUOVO MOTORE MULTITECH EURO 6 IN TRE DIFFERENTI SOLUZIONI DI ALIMENTAZIONE. DIMENSIONI COMPATTE ED ECCEZIONALE MANOVRABILITÀ, GRANDE CAPACITÀ DI CARICO, NUOVI ALLESTIMENTI, CON ABS ED ESC DI SERIE

Minori emissioni inquinanti, ridotti consumi e incremento delle prestazioni. È questo il biglietto da visita della nuova gamma Piaggio Porter 2016 presentata da Piaggio Veicoli Commerciali, la divisione del Gruppo Piaggio specializzata nei veicoli a tre e quattro ruote con un peso a terra inferiore a 3,5 tonnellate.
Le versioni 2016 dei due veicoli commerciali Piaggio, Porter e Porter Maxxi, sono ricche di innovazioni tecnologiche e motoristiche e diventano maggiormente prestanti, rispettose dell’ambiente e parsimoniose: grazie al nuovo motore MultiTech a benzina Euro 6 hanno infatti aumentato le prestazioni e diminuito le emissioni e i consumi di carburante.

NUOVO MOTORE MULTITECH EURO 6. Il motore MultiTech che ora equipaggia Piaggio Porter è un’unità completamente nuova, un quattro cilindri bialbero da 1.299cc di cilindrata con distribuzione a catena a 16 valvole, disponibile in tre differenti soluzioni di alimentazione: benzina (già disponibile presso la rete europea di Piaggio Veicoli Commerciali), bi-fuel Eco-Power (benzina+GPL, disponibile dal prossimo gennaio) e bi-fuel Green-Power (benzina+metano, disponibile da marzo 2016). La gamma Piaggio Porter 2016 continua a offrire anche Porter Electric Power, il veicolo green per eccellenza, 100% elettrico a “emissioni zero” la cui prima versione è stata presentata sul mercato nel 1995, il veicolo più diffuso della sua categoria in Europa.
IL TOP PER IL TRASPORTO INTRA-CITY. La combinazione tra la straordinaria maneggevolezza (Porter presenta un raggio di sterzata di soli 4 metri, contro una media di mercato di 5,4 m), le nuove motorizzazioni, l’eccezionale versatilità degli allestimenti, le nuove caratteristiche di sicurezza e comfort e lo straordinario rapporto dimensioni-capacità di carico, confermano le nuove versioni di Piaggio Porter come veicoli ideali per il trasporto intra-city, e garantiscono ampia possibilità di scelta per soddisfare ogni esigenza di mobilità. La versione Porter Maxxi, grazie al telaio rinforzato e alle ruote posteriori gemellate, può trasportare fino a 1.200 kg di carico utile a fronte di un peso totale a terra di 2.200 kg, un rapporto record per la sua categoria.
TANTE VERSIONI PER OGNI ESIGENZA. La gamma Piaggio Porter 2016 ha nella versatilità uno dei punti di forza: Porter 2016 è disponibile nelle versioni con pianale fisso, ribaltabile lungo e corto (tutti con fondo completamente piatto e con tre sponde laterali apribili per facilitare le operazioni di carico e scarico), furgone e furgone vetrato (pensati per il trasporto urbano di merci e persone). Inoltre la versione chassis permette di realizzare una gamma di allestimenti speciali pressoché infinita, pensati sia per il settore privato (per esempio celle isotermiche, box coibentati, pianali trilaterali) sia per quello pubblico (es. vasca raccolta rifiuti, cestello aereo, allestimenti per Vigili del Fuoco, Polizie Municipali).
ALLESTIMENTI, SICUREZZA, GAMMA COLORI. I nuovi Porter e Porter Maxxi Euro 6 dispongono inoltre di finiture curate e di allestimenti più ricchi, che includono tra l'altro la chiave di avviamento con immobilizer integrato, nuovi rivestimenti in tessuto per sedili e pannelli laterali delle portiere, maniglie di apertura più ergonomiche, servosterzo elettronico (EPS), la nuova grafica di strumentazione e contorno specchio retrovisore esterno, la predisposizione per l’autoradio e per il navigatore satellitare e i cristalli atermici, che garantiscono un migliore isolamento termico della cabina.

Sul versante della sicurezza, i nuovi veicoli commerciali Piaggio Porter 2016 hanno di serie l’ABS e l’ESC (che controllano rispettivamente il bloccaggio dei freni e la perdita di aderenza del veicolo in curva), e come optional l’EBD (il sistema che ripartisce la frenata, misurando esattamente l’aderenza disponibile su ciascuna ruota).
I nuovi Porter e Porter Maxxi sono disponibili in cinque varianti colore: Blu Action, White Silk, Red Sprint e Arancio, oltre alla nuova variante cromatica Azure Bay.

INFO:
www.piaggioveicolicommerciali.it

Event
SPECIAL REPORT

IL GRUPPO PIAGGIO A EICMA 2015:
“UNA MULTINAZIONALE PROIETTATA NEL FUTURO”

Il Gruppo Piaggio era presente al salone EICMA 2015, 73° Esposizione Mondiale del Motociclismo (19-22 novembre, Fiera Milano-Rho) con una serie di straordinarie novità firmate Moto Guzzi e Aprilia, Vespa e Piaggio, oltre alle ricche collezioni di accessori.

Piaggio Group at Eicma 2015

Al più importante appuntamento internazionale per l’industria motociclistica, nella grande area espositiva del Gruppo Piaggio (ispirata al concept store Motoplex) sono stati protagonisti i marchi Aprilia e Moto Guzzi: uno emblema di avanguardia tecnologica e sportività, l’altro simbolo dello stile e della grande tradizione motociclistica italiana forte di 95 anni di storia ineguagliabile (appuntamento a Mandello del Lario l’anno prossimo per il compleanno del marchio dell’Aquila). Ma c’erano anche tante altre novità: Vespa con livree celebrative del 70° (anniversario che si appresta a festeggiare nel 2016), insieme alla blasonata 946 Emporio Armani; Piaggio ha lanciato la nuova generazione di Liberty e la novità assoluta Medley, per giungere all’apprezzatissima versione di serie dell’evoluta e iper-connessa Piaggio Wi-Bike.

CONFERENZA STAMPA. ROBERTO COLANINNO: “UN GRUPPO CHE SI EVOLVE PER AFFRONTARE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO”. Il 17 novembre si è svolta l’attesa conferenza stampa del Gruppo Piaggio, con protagonista il Presidente e Amministratore Delegato Roberto Colaninno, che ha offerto il ritratto di un’azienda multinazionale in continua evoluzione e proiettata nel futuro, delineandone le strategie per affrontare gli incalzanti cambiamenti nel mondo della mobilità mondiale. Con lui, on stage, il giornalista e conduttore tv Fabio Caressa che ha coordinato un evento coinvolgente dallo spiccato taglio televisivo (per Sky sta lavorando ad un talent sul mondo dei customizzatori di moto). Qui gli high-lights che hanno caratterizzato in particolare il 2015, 130° anno di vita del Gruppo (ampio articolo nella rubrica Anniversary).

MOTOPLEX: THE HOME OF THE PIAGGIO GROUP BRANDS. I primi due nati nel 2014, a Mantova e a Milano, seguiti quest’anno da nuovi concept store aperti in giro per il mondo (New York, Shanghai, Pechino, Pune): i Motoplex sono veri tributi ai marchi del Gruppo e ai loro mondi di appartenenza, tra prodotti, accessori, intrattenimento. “Come boutiques – le ha definite il Presidente e A.D. – un modo nuovo per vendere prodotti scooter e moto, un tempo legati all’aspetto romantico del venditore con la tuta zeppa d’olio come l’ambiente circostante… oggi il mondo è cambiato: il cliente sa già che cosa vuole acquistare, ha già deciso e quando entra ne sa di più del venditore; vuole prodotti di stile, belli, efficienti e che siano venduti in ambienti accoglienti che accompagnano questa atmosfera…”. Ecco che i Motoplex, boutiques in versione city lounge, sono luoghi dove vivere un’esperienza unica di acquisto (compresa l’assistenza tecnica) e dove tornare, incontrare, fare shopping di accessori firmati, conoscere le novità e confrontarsi sull’appassionante mondo delle due ruote.

PIAGGIO FAST FORWARD: IDEE E VISIONI. Parlando di futuro, il Presidente Roberto Colaninno ha citato la straordinaria iniziativa del Gruppo Piaggio nata da pochi mesi, e lanciata il 2 ottobre a Milano con l’evento “The shape of things to come” (servizi sul numero 5-2015 di Wide).

PFF Manifesto

“PFF nasce da una mia idea personale – ha detto Colaninno – stiamo vivendo un grande cambiamento che influenzerà i nostri comportamenti domani; pensiamo alle metropoli come Shanghai: tra 30-40 anni avrà 80 milioni di persone, Hong Kong 40 milioni, e poi l’area Torino, Milano, Bergamo…”. Come sarà la nostra vita quotidiana? Anche e non solo in termini di mobilità? “Con alcuni amici ci siamo messi a parlare di queste cose (e si tratta di “cervelli” internazionali, con diverse specializzazioni, quali Nicholas Negroponte, Doug Brent, Jeff Linnell, Jeffrey Schnapp, Gregg Lyn, Beth Altringer e Sasha Hoffmann che coordinano brillanti studenti di Harvard e del MIT, ndr). Insieme con queste persone, che non hanno niente a che fare con il mondo dei motori, abbiamo deciso di studiare quale sarà il mezzo per muoversi domani, c’è speranza di arrivare a soluzioni a problemi che nasceranno dal cambiamento. Insieme con questi ‘visionari’, abbiamo trovato il favore di grandi gruppi americani come Google e Trimble, e altre persone entusiaste di partecipare a laboratori di idee e progetti innovativi”.

IL FUTURO OGGI: LE INNOVAZIONI DEL GRUPPO PIAGGIO. Le novità di prodotto, e-bike, moto, scooter, che il Gruppo Piaggio ha presentato ad Eicma già sono “futuro”, che si basa su grandi marchi e storie industriali (a cominciare da Moto Guzzi e Vespa, capaci di innovarsi nei decenni, affascinando intere generazioni). “Siamo orgogliosi dei nostri brand e prodotti – ha detto il Presidente Colaninno – abbiamo due fabbriche (Mandello del Lario e Pontedera, ndr) che dal secolo scorso producono prodotti straordinari, che hanno segnato l’evoluzione tecnologica nel settore della mobilità. Vespa è un prodotto italiano che ritengo l’Unesco debba proteggere, perché idealmente è proprietà del mondo, perché da quasi 70 anni dà gioia, felicità, piacere. Quel signore che l’ha inventata (l’ingegnere Corradino d’Ascanio, ndr) non poteva immaginare che sarebbe diventato lo scooter più amato al mondo, ieri come oggi”. Piaggio oggi è una multinazionale, ha ricordato il Presidente: “Abbiamo stabilimenti produttivi in India, Vietnam, Cina, Italia, con filiali e venditori in tutto il mondo…Il Gruppo sta cambiando pelle…siamo di fronte ad un processo di riorganizzazione, di visione nuova del sistema Piaggio… non è facile capire come si muovono i vari mercati, come gli scooter e le moto devono incontrare le esigenze di mercati diversi; ma si sbaglia ad imporre: bisogna invece cercare di capire, ed è un bell’esercizio culturale, quindi servono menti aperte”.

BELLEZZA IN BICICLETTA: FILIPPA LAGERBACK & PIAGGIO WI-BIKE. Sul palco è quindi salita la svedese Filippa Lagerback, già modella (anche di una campagna di comunicazione Vespa), ora conduttrice tv, reale ed appassionata testimonial di uno stile di vita ecologico e del muoversi in bicicletta.

A lei il gradito compito di presentare la e-bike firmata Piaggio, che si chiama Wi-Bike perché “ha dei superpoteri – ha detto Filippa – è veramente rivoluzionaria, la bici elettrica a pedalata assistita è uno dei mezzi del futuro (ideale per percorrere il cosiddetto ‘ultimo miglio’ nelle metropoli; è mobilità a inquinamento zero e fa bene alla salute). La Wi-Bike si connette al mio smartphone, posso decidere il tipo di allenamento, quante calorie bruciare, postare sui social il mio training; e con sistema gps e antifurto satellitare, un sms mi avverte in tempo reale dov’è e dove recuperarla”. E via a narrare le mille possibilità offerte da questo prodotto che chiamare bicicletta è riduttivo: è un vero e proprio “personal trainer” su due ruote. E per il pubblico del salone c’era a disposizione la grande area test, dove provare la nuova Wi-Bike Piaggio.

LIBERTY E MEDLEY: PIU’ TECNOLOGIA, MENO CONSUMI. I nuovi Liberty e Medley sono un concentrato della nostra migliore tecnologia, ha annotato il Presidente Colaninno, e rispondono alle richieste del cliente: innovativa filosofia di progettazione, stile e prestazioni, sicurezza (Liberty è l’unico scooter con Abs presente sul mercato vietnamita, è stato rilevato; Medley ospita due caschi nel sottosella), a fronte di consumi ridotti. “Per essere competitivi nei mercati asiatici bisogna qualificare il prodotto, non può essere solo low cost, solo prezzo: il prodotto deve racchiudere tecnologia che dà risposte in termini di inquinamento (che in Asia ha raggiunto livelli elevati), rumore e sicurezza, tre elementi tecnici universali; più la capacità di noi italiani di fare cose belle e di qualità: pensiamo che, con la dovuta fatica, riusciamo a battere concorrenti che giocano sul prezzo”. E Filippa, ciclista convinta (ma anche Vespista), ha aggiunto: “Sono felice di sentir parlare di ecologia anche nell’ambito dei mezzi a due ruote motorizzati”.

2016: WE WILL BE RACING IN MOTOGP. 54 titoli mondiali fanno di Aprilia uno dei marchi più blasonati degli sport motociclisti. Bastano? No: c’è voglia di vincere ancora. Nel 2015 è tornata a correre nel Motomondiale, e nel 2016 sarà di nuovo in pista. Ha spiegato il Presidente Colaninno: “Bisogna essere molto attenti, nel racing non basta la passione per la corsa, ma occorrono anche freddezza e concentrazione per lo sviluppo della tecnologia; racing dunque da gestire quale laboratorio fondamentale per testare dal vivo, in pista, le tecnologie (prestazioni, sicurezza, ecc.) da trasferire sulle moto che i clienti guideranno in strada…Per questo siamo rientrati in anticipo in MotoGP, con risultati non deludenti, in crescita, che fanno sperare nel 2016”. L’emozione di una moto italiana che vince (sintesi di passione e tecnologia made in Italy) è quel che desidera il Presidente e sognano tutti gli Aprilia fans.
Sul palco sono poi saliti i piloti Aprilia MotoGp: Alvaro Bautista (“abbiamo migliorato nella seconda metà stagione, il 2015 è stato un anno utile per raccogliere dati, fare test ed esperienza; siamo carichi per il 2016. L’Aprilia RSV4 RF stradale è molto potente, una vera top bike”); e Stefan Bradl (“in MotoGP nel 2016 puntiamo a stare nella top ten; sono entusiasta e contento del progetto, è partito bene lo sviluppo delle moto per il prossimo MotoGp”. Li hanno affiancati i piloti della Superstock 1000: il neo campione mondiale Lorenzo Savadori (“nella categoria Superstock corriamo con moto derivate di serie, così tutti gli appassionati possono vivere emozioni racing, e la RSV4 ne regala molte”) e il compagno di squadra Kevin Calia che ha commentato con entusiasmo la novità per i clienti più sportivi: moto “Factory Works” con configurazione massima a 230 CV, poi ha aggiunto: “La RSV4 è una moto completa, lo so bene perché l’ho provata per Aprilia in Francia, in una comparativa di super sportive”. E di comparative la V4 ne ha vinte molte.

LA MOTO GUZZI CHE SARA’: UNA FABBRICA TAYLOR-MADE. Moto Guzzi: 95 anni di storia, una religione per bikers di tutto il mondo, che ha una sua “chiesa”: lo stabilimento di Mandello del Lario dove, da sempre, si producono le moto dell’Aquila. Ha detto il Presidente Colaninno: “Abbiamo un’idea di Moto Guzzi molto originale; Mandello sappiamo essere un luogo straordinario, che ha generato moto straordinarie; ecco, vorremmo fosse un luogo per appassionati e famiglie, dove poter trascorrere un week-end in un bel posto sul lago e in una fabbrica aperta dove nascono le MG. Abbiamo tenuto il fabbricato storico e il museo che raccoglie tutti i modelli, ma pensando al futuro: così abbiamo commissionato un progetto alla facoltà di architettura di Yale, a giovani che non sanno di Mandello e di MG; gli abbiamo chiesto di ideare una fabbrica (non di robot!) ma di uomini e donne che operano come sarti su misura. Studenti e titolare di cattedra sono andati a Mandello e hanno poi presentato un progetto che si inserisce nell’ambito di Piaggio Fast Forward. Dal progetto si delinea la fabbrica del futuro, mai vista, che combina antico e moderno”.

Dopo queste anticipazioni, l’attenzione è andata alle nuove Moto Guzzi, V9 Bobber e Roamer e alla strabiliante MGX-21 “Flying Fortress” che “atterrerà” negli States a Sturgis, in South Dakota, nell’agosto 2016. E se tutto questo ha stupito, il Presidente Colaninno ha promesso: “In dieci anni abbiamo fatto cose grandi, dobbiamo proseguire…ma quel che avete visto finora è uno scherzo…dobbiamo fare cose diverse, che ancora non esistono”. E subito si pensa a MP3, il primo scooter a tre ruote al mondo, creato da Piaggio che ha saputo anticipare il futuro, inventando una nuova forma di mobilità. Era il 2006, meno di dieci anni fa.

Event
EICMA 2015 SPECIAL REPORT

GRUPPO PIAGGIO: TUTTE LE NOVITA’

MOTO GUZZI: QUATTRO MOTO COMPLETAMENTE NUOVE, PER FESTEGGIARE NEL 2016 I 95 ANNI DEL MARCHIO. E L’ANNO PROSSIMO SI CELEBRANO ANCHE I 70 ANNI DI VESPA. PIAGGIO: DUE SCOOTER A RUOTE ALTE COMPLETAMENTE NUOVI. NUOVA ANCHE LA PAGGIO WI-BIKE. APRILIA: NASCE IL PROGETTO FACTORY WORKS, DEDICATO AI 54 TITOLI MONDIALI E AL SUCCESSO NELLA 2015 SUPERSTOCK 1000. QUI IL VIDEO GIRATO NELL’AREA ESPOSITIVA DEL GRUPPO PIAGGIO
Piaggio Group EICMA 2015
(Video di WeLovePlaza Entertainment).

Leader europeo delle due ruote, il Gruppo Piaggio si è presentato a EICMA 2015 con una raffica di novità, nel 130° anno di vita del Gruppo fondato alla fine di dicembre del 1884. Due grandi ricorrenze anche per il 2016: 70 anni di Vespa (brevettata il 23 aprile 1946 e subito dopo entrata in produzione) e 95 anni di Moto Guzzi, fondata nel 1921 nel mitico stabilimento di Mandello del Lario dove il “Marchio dell'Aquila” tuttora ha la sede e le linee produttive. “Oggi il Gruppo Piaggio è la casa di marchi straordinari, ciascuno dei quali rappresentativo di un diverso modo di perseguire i massimi livelli di qualità e tecnologia" dichiara Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo (nella foto in alto, durante la conferenza stampa del Gruppo a EICMA 2015, ndr). “Abbiamo la forza di un patrimonio di grandi brand, capaci di soddisfare tutti i segmenti del mercato e di aprire la strada anche a nuove categorie, forme ed aree di mobilità.

E lanciando il programma Piaggio Fast Forward nel 130° anno di vita del Gruppo, ci siamo dati la missione di pensare al futuro, di progettare e realizzare soluzioni non solo di alto livello stilistico, ma anche tecnologicamente avanzatissime, finalizzate a migliorare sia il modo in cui le persone si muoveranno in futuro, sia la loro qualità della vita”. La ricchezza dei marchi che il Gruppo Piaggio ha in portafoglio, ciascuno dei quali vanta una propria missione, un grande heritage e peculiarità stilistiche e tecniche, era racchiusa nella amplissima area espositiva che il Gruppo ha allestito per EICMA 2015.

Un'area che nell'architettura e in ogni dettaglio richiama il mondo dei nuovi flagship stores multimarca Motoplex, che il Gruppo Piaggio ha recentemente inaugurato nel mondo in metropoli come Milano, Manhattan, Shanghai, Pechino, Pune.

MOTO GUZZI: GRANDE AMPLIAMENTO DELLA GAMMA PER IL 95° ANNIVERSARIO

EICMA 2015 ha visto nascere moto completamente nuove come le Moto Guzzi V9: nuovo il motore a V da 850cc con trasmissione a cardano, nuovi telaio e design, nuovi i segmenti cui appartengono le due versioni: una V9 Bobber dalle grandi gomme, leggera e facile, che guarda agli States, e la Roamer, una magnifica custom di media cilindrata.

All'America della Route 66 e dei grandi viaggi coast to coast si ispira la MGX-21, una grande "bagger" 1400cc che, nel passaggio da show bike a modello di serie, non ha dovuto subire compromessi (sarà presentata nell'agosto 2016 a Sturgis, in South Dakota, USA).

Guarda invece alla storia Guzzi la nuova V7 II Stornello, che recupera il nome, lo stile e la tecnica (colori, gomme tassellate e scarico alto) delle primissime moto italiane trasformate in scrambler negli anni '60 e '70, a partire dallo Stornello originale.

70 ANNI DI VESPA: UN MILIONE E MEZZO DAL 2005 AD OGGI

Con Vespa il Gruppo Piaggio ha saputo rinnovare il mito, portando in gamma prodotti totalmente nuovi come la 946, la Primavera, la Sprint e le nuove versioni della GTS. Alla sfida del design, della tecnologia e della qualità del prodotto si è accompagnata quella di rendere globale un prodotto che è simbolo dell'Italia. Una sfida il cui successo si misura in 1.500.000 Vespa vendute nel mondo dal 2005 a oggi, con una previsione di chiusura a oltre 166.000 unità nel 2015. Un'anteprima degli eventi che il Gruppo Piaggio ha progettato per i settant'anni di Vespa è rappresentata dalle versioni e colori speciali "Vespa Settantesimo" che sono state svelate a EICMA per due tra i più recenti modelli – la Primavera e la GTS – ma anche per un evergreen di casa Piaggio, la PX, in produzione sin dal lontano 1977.

APRILIA: MISSIONE RACING. MOTO SU MISURA AD OLTRE 230 CV

Il mondo Aprilia significa racing. EICMA ha tenuto a battesimo il model year 2016 della RSV4 RF: un ulteriore affinamento per una moto già perfetta che, dopo aver vinto 7 titoli mondiali in Superbike, quest'anno ha colto il doppio successo nei Piloti (con Lorenzo Savadori) e Costruttori nella classe Superstock 1000. Allori che si vanno ad aggiungere ai 54 titoli iridati conquistati da Aprilia in vent’anni (28 dei quali da quando è entrata a far parte del Gruppo Piaggio).
E alla fascia più “esoterica” delle supersportive appartiene il progetto Aprilia Factory Works: la tecnologia Aprilia vincente nelle corse è ora disponibile a tutti.

Aprilia Racing offre, infatti, ai piloti professionisti come ai collezionisti o agli appassionati della domenica in pista, moto su misura sviluppate e messe a disposizione del Cliente in base alle sue esigenze, e secondo i regolamenti dei campionati Superstock e SBK dei diversi Paesi, con differenti livelli di preparazione di ciclistica, elettronica e di motore che, nella massima configurazione, supera la soglia dei 230 CV di potenza.

PIAGGIO: RIVOLUZIONE A RUOTE ALTE CON LIBERTY E MEDLEY

In campo scooter, non solo Vespa ma anche due novità assolute per il brand Piaggio, il marchio della mobilità urbana e metropolitana evoluta, tecnologicamente avanzata, immediatamente riconoscibile, che ha saputo imporre un veicolo rivoluzionario come Mp3, il primo scooter a tre ruote, e di gran lunga anno dopo anno il prodotto di maggior successo in tale segmento. EICMA 2015 ha segnato il debutto di due novità assolute nel campo degli scooter Piaggio a ruota alta. Dopo lo straordinario successo della prima generazione di Liberty, che ha sfiorato il milione di unità vendute, Piaggio lascia la nuova generazione del proprio scooter a ruote alte. Sempre Liberty, al primo colpo d'occhio, ma più attuale, più ricca e rifinita, con una nuova gamma di motori quattro tempi a iniezione elettronica (Piaggio iGet 50, 125 e 150cc) ecologici e poco assetati di carburante, e dotata di ABS di serie sulle versioni 125 e 150.

La seconda novità è sia di prodotto, sia di segmento. Si chiama Medley: è spinto dalla versione più potente e raffreddata a liquido dei nuovi motori Piaggio iGet 125 e 150cc, su Medley dotati di funzione start & stop. Poco più grande del Liberty, più compatto rispetto al potente Beverly, Medley è un nuovo segmento di offerta che il Gruppo Piaggio dedica ad un pubblico giovane, anche maschile, con patente auto. Straordinario il vano portacasco: Medley è l'unico della categoria a offrire sotto la sella lo spazio per due caschi.

PIAGGIO WI-BIKE, IL NUOVO “PERSONAL TRAINER” A DUE RUOTE

E per finire con le novità principali del Gruppo Piaggio (che ha presentato anche numerosi model year e nuove versioni per diversi marchi, così come un ulteriore ampliamento della gamma Moto Guzzi Garage di componenti speciali per realizzarsi la moto su misura), la eBike di Piaggio. Ha debuttato a EICMA nella sua versione di serie: si chiama Piaggio Wi-Bike, è offerta in quattro differenti step di allestimento, ed è interamente progettata e costruita da Piaggio in Italia. Sempre connessa al mondo via web, è il veicolo per la mobilità ecologica del futuro, collegato alla rete e agli smartphones per un'amplissima serie di servizi e utilizzi, dal fitness alla geo-localizzazione del veicolo.

INFO E RICHIESTA BROCHURES:
eicma.piaggiogroup.com/piaggio-group.html

Event
VISTI A EICMA: VIP E DINTORNI

FILIPPA LAGERBACK, LA WI-BIKE
E IL CALENDARIO PIAGGIO DEL 1994

Correva l’anno 1994: una giovane modella svedese di Stoccolma fu scelta per realizzare il calendario del Gruppo Piaggio. Eccola in sella ad una Vespa vintage, con treccine bionde e bikini bianco, oppure sorridente (allora i caschi non erano obbligatori) abbracciata felicemente al modello nel ruolo di boyfriend, e ancora in jeans, a fianco del celebre scooter; anche in versione “coppia felice in campagna” sul cassone di un Porter Piaggio e sul sellino del ciclomotore Ciao. Un servizio foto che contribuì a lanciarla.

Immagini di oltre 20 anni fa, sempre belle, come quella modella nel frattempo diventata conduttrice tv. E ritrovata sul palco dell’area espositiva del Gruppo Piaggio, durante la conferenza stampa a Eicma 2015, in veste di testimonial per il lancio della novità Wi-Bike firmata Piaggio. Lei, ecologista e ciclista convinta, nota al grande pubblico e apprezzata per garbo e stile, è davvero perfetta. E sul palco ha rivelato che è rimasta Vespista “nel cuore”. Abbiamo le prove che lo è per davvero. Eccole in queste immagini.

LAPO ELKANN, UN TRENDSETTER IN VESPA

E’ arrivato come un ciclone, inseguito da fotografi e telecamere, comprese le nostre di Wide (foto M. Morelli, clip video WeLovePlaza Entertainment) che sono riuscite a documentare la spumeggiante visita di Lapo Elkann nello stand del Gruppo Piaggio.

Lapo Elkann EICMA 2015

Si è fiondato nell’area Moto Guzzi, salendo ora su questa ora su quella moto (dal project Guzzi Clubber alla strabiliante MGX-21 Flying Fortress) e poi sulla Vespa 98 (primo modello della serie, lunga 70 anni di successi, dello scooter più famoso del mondo).

A caccia, c’è da scommetterlo, di idee e spunti creativi per i suoi business imprenditoriali. Notissimo, a livello internazionale, anche come trendsetter e icona di stile: nulla del suo look, infatti, è mai lasciato al caso. E in sella a Vespa si muove abitualmente, anche con la top di gamma 946.

Event

APERTO IN INDIA MOTOPLEX PUNE,
IL NUOVO FLAGSHIP STORE DEL GRUPPO PIAGGIO


Motoplex Pune, India

Il Gruppo Piaggio il 5 novembre 2015 ha inaugurato a Pune, India (nello Stato del Maharashtra) il primo flagship store Motoplex del Subcontinente. Pune è la quarta città industriale dell'India, la nona per popolazione, e si trova a circa 120 km a sud-est di Mumbai. È un grande centro universitario e di ricerca, con nove università e oltre cento istituzioni scolastiche e scientifiche, e rappresenta un importantissimo polo industriale nei campi dell'automotive e dell'IT.

Lo store Motoplex di Pune offre i veicoli distribuiti in India dai più prestigiosi marchi del Gruppo, come Vespa, Aprilia e Moto Guzzi. Rappresenta una formula di flagship store multimarca del tutto innovativa, in linea con la nuova strategia globale di esperienza in-store che il Gruppo Piaggio sta sviluppando nelle principali aree metropolitane di tutto il mondo. Nuovi store Motoplex sono stati recentemente inaugurati dal Gruppo in metropoli come Milano, Shanghai, Pechino e New York.


Motoplex Shanghai, Cina

Stefano Pelle, Managing Director della consociata indiana Piaggio Vehicles Private Ltd. (PVPL, con sede a Pune e stabilimenti a Baramati), ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di inaugurare in India il primo Motoplex dell'Asia meridionale. Motoplex è un concetto di store proiettato verso il futuro, che consente al dealer di gestire più marchi e prodotti all'interno dello stesso spazio e, al contempo, di offrire ai propri clienti una prospettiva coinvolgente del mondo delle due ruote, proprio della visione innovativa che ha il Gruppo Piaggio.

Non è solo uno showroom per moto e scooter Vespa, Piaggio, Moto Guzzi, Aprilia, ma rappresenta anche un'esperienza affascinante dello stile, della tecnologia e dell'heritage storico di famosi marchi delle due ruote che rappresentano orgogliosamente il Made in Italy. A questa apertura ne seguiranno altre in tutto il Subcontinente indiano”.

INFO:
www.motoplexpiaggio.com/pune

PORTOGALLO, LISBONA:
BENVENUTI A “OFFICINA MOTO”

Il nuovo store multimarca “Officina Moto” C. Machado, inaugurato lo scorso 11 dicembre in Rua Fernando Palha 29, nel cuore di Lisbona, offre le gamme complete dei veicoli top del Gruppo Piaggio, scooter e moto, e relativi accessori: Vespa, Piaggio, Aprilia e Moto Guzzi. Il nuovo showroom portoghese regala agli appassionati delle due ruote un’esperienza unica, in linea con il nuovo concetto globale di in-store che il Gruppo Piaggio sta sviluppando nelle grandi aree metropolitane di tutto il mondo, con Motoplex aperti a Milano, Shanghai, Pechino, Manhattan, Singapore, Jakarta e Pune.

Anche nel nuovo store di Lisbona i visitatori possono conoscere e sperimentare da vicino lo stile distintivo di Vespa, il mondo sportivo e adrenalinico di Aprilia, l'innovativa tecnologia dei veicoli Piaggio, il leggendario fascino di Moto Guzzi. Un mondo di stile e di passione, immerso in una location superlativa e originale.

INFO:
www.officinamoto.pt

Event
HANOI, VIETNAM

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
SERGIO MATTARELLA VISITA “CASA ITALIA”

Lo scorso 5 novembre 2015, il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella è sbarcato ad Hanoi, capitale del Vietnam, per una visita ufficiale. Il presidente della Repubblica era accompagnato dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, ed è stato accolto dal Vice ministro degli Affari Esteri vietnamita Bui Thanh Son e dall'Ambasciatore d'Italia ad Hanoi, Cecilia Piccioni.

Dopo aver incontrato il personale dell'ambasciata, Mattarella ha fatto visita alla comunità di “Casa Italia” (Italian Country Promotion Centre), centro di diffusione della lingua e della cultura italiana, con esposizione permanente di prodotti d’eccellenza come Vespa, sostando davanti alla superba Vespa 946 Emporio Armani.

VESPA A CASA ITALIA

Dall’Aprile 2013 è attiva ad Hanoi “Casa Italia” (ex residenza dell’Ambasciatore d’Italia), centro di promozione dell’Italia in tutti i suoi aspetti: culturali, linguistici, industriali, gastronomici. Si tratta di un’iniziativa dell’Ambasciata Italiana e organizzata in collaborazione con aziende italiane presenti in Vietnam (come il Gruppo Piaggio) e associazioni locali per la diffusione della lingua e della cultura italiane.

Qui, insieme con i prodotti d’eccellenza di altre aziende italiane, c’è un’esposizione permanente, continuamente aggiornata, che racconta Vespa e la sua straordinaria storia, con veicoli vintage e attuali.

Anniversary

GRUPPO PIAGGIO:
130 ANNI DI IMPRESA



UN’AZIENDA CHE HA FATTO LA STORIA DELL’INDUSTRIA ITALIANA E MONDIALE. IMPEGNO CONTINUO NELLA RICERCA E NELL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA. ROBERTO COLANINNO: “ABBIAMO LA FORZA DI UN PATRIMONIO DI GRANDI BRAND, CAPACI DI SODDISFARE TUTTI I SEGMENTI DI MERCATO E DI APRIRE LA STRADA ANCHE A NUOVE CATEGORIE, FORME ED AREE DI MOBILITA’”

Il 2015 segna il 130° anno di vita del Gruppo Piaggio, fondato alla fine di dicembre del 1884. E già altre due grandi ricorrenze incalzano: nel 2016, infatti, si celebreranno 70 anni di Vespa (brevettata il 23 aprile 1946 e subito dopo entrata in produzione) e 95 anni di Moto Guzzi, fondata nel 1921 nel mitico stabilimento di Mandello del Lario dove il “Marchio dell'Aquila” tuttora ha sede e linee produttive.
“Oggi il Gruppo Piaggio è la casa di marchi straordinari, ciascuno dei quali rappresentativo di un diverso modo di perseguire i massimi livelli di qualità e tecnologia” dichiara Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo. “Abbiamo la forza di un patrimonio di grandi brand, capaci di soddisfare tutti i segmenti del mercato e di aprire la strada anche a nuove categorie, forme ed aree di mobilità. E lanciando il programma Piaggio Fast Forward – nel 130° anno di vita del Gruppo – ci siamo dati la missione di pensare al futuro, di progettare e realizzare soluzioni non solo di alto livello stilistico, ma anche tecnologicamente avanzatissime, finalizzate a migliorare sia il modo in cui le persone si muoveranno in futuro, sia la loro qualità della vita".


PFF, da sinistra: Roberto Colaninno, Sasha Hoffman, Jeffrey Schnapp, Nicholas Negroponte, Beth Altringer, Gregg Lynn, Doug Brent, Jeff Linnell

La ricchezza dei marchi che il Gruppo Piaggio ha in portafoglio, ciascuno dei quali vanta una propria missione, un grande heritage e peculiarità stilistiche e tecniche, è racchiusa nella amplissima area espositiva che il Gruppo ha allestito per EICMA 2015, cui Wide dedica in questo numero ampi servizi. Ai marchi due ruote, si affiancano quelli dei veicoli commerciali firmati Piaggio, con gamme veicoli a tre e quattro ruote.

LE ORIGINI: NAVI, TRENI, AEREI, MOTORI “STELLARI”. La Piaggio nasce a Sestri Ponente, nell’area industriale di Genova, alla fine del 1884, fondata da Rinaldo Piaggio (figlio di Enrico, titolare di un moderno impianto meccanizzato di lavorazione legname); gli ebanisti della Piaggio firmano l’arredo delle più belle navi italiane e straniere di fine secolo. Le attività si espandono nel settore allora più innovativo, quelle delle costruzioni ferroviarie, con grandi prospettive di crescita. Poi si apre la nuova frontiera: l’aeronautica. Gli addetti Piaggio si cimentano nella costruzione di ali e carlinghe per i nuovi aerei, a partire dal 1917. Alla ricerca di nuovi spazi, Rinaldo rileva un’azienda pisana, iniziando l’insediamento di Piaggio in Toscana. La fine della Prima Guerra mondiale segna pesantemente lo sviluppo economico, e gli anni di riconversione dall’economia bellica all’economia di pace appaiono in tutta la loro drammaticità. La Piaggio però non sembra particolarmente colpita, o almeno lo è in misura molto inferiore rispetto ad altre imprese del settore meccanico. La diversificazione della produzione nei differenti settori della mobilità mette Piaggio al riparo dalle pesanti crisi postbelliche. Nel settore ferroviario vengono rapidamente raggiunti nuovi traguardi significativi: si susseguono commesse importanti dal mercato interno e da quello estero, compreso il “treno reale” costruito nei primi anni ’20 e compresa la costruzione di elettromotrici “avveniristiche” per design e per speciali saldature dell’acciaio, frutto della ricerca e del brevetto di Piaggio. Segue la produzione del monoplano da caccia P2 (Piaggio 2), aereo che inizia una lunga fase di produzione in successive realizzazioni con punte di eccellenza, come per il P7 – Idroplano Piaggio da corsa – e per il quadrimotore P 108, l’ultimo grande aereo dei costruttori italiani ante seconda Guerra Mondiale.

UNA STORIA DI CREATIVITA’ E INNOVAZIONE. Rinaldo vede l’opportunità di costruire motori aeronautici e nel 1924 acquista a Pontedera lo stabilimento Costruzione meccaniche nazionali, piccola officina nata prima della Grande Guerra dalla sezione motoristica del locale Consorzio agrario. Pontedera rimane l’unità per la produzione di motori aeronautici, dove fra pochi anni giungeranno nuovi importanti ingegneri, tra i quali Corradino d’Ascanio (1891- 1981), il geniale inventore abruzzese, originario di Popoli, che appena entra negli stabilimenti Piaggio progetta (1934) l’elica a passo variabile in volo. Corradino d’Ascanio è conosciuto come l’inventore dell’elicottero, detenendo per alcuni anni il record di durata e di altezza in volo (1930), quando tale mezzo era ancora sconosciuto.
Dunque, la storia della Piaggio è storia di creatività, di oggetti tecnici scaturiti dalla genialità innovativa. Rinaldo Piaggio scompare nel 1938; la produzione supera il valore di 160 milioni di lire dell’epoca negli impianti dei quattro modernissimi insediamenti, in Liguria e in Toscana. I due figli maschi si dividono le competenze: Enrico ha la responsabilità degli stabilimenti toscani di Pisa e Pontedera, Armando quelli liguri di Sestri e Finale Ligure. Continua la fase espansiva ed arrivano i risultati di alto livello tecnologico, sia nella produzione motoristica che aeronautica: tra il 1937 ed il 1939 sono raggiunti 21 primati nei motori stellari Piaggio, tra i quali il primato in altezza (17.083 metri) conseguito dal motore a pistoni PXI montato su velivolo Caproni 161, pilotato da colonnello Mario Pezzi. Sono gli anni in cui Piaggio costruisce non solo treni, arredamento navale, motori aeronautici, aerei, ma anche autocarri, tramways, autobus, funicolari, serramenti in alluminio, raggiungendo spesso l’eccellenza, come nel caso dei primati conquistati o della costruzione del famoso aereo P108.

CORRADINO D’ASCANIO DISEGNA LA VESPA
RONZA UNA “VESPA” E SARA’…SUCCESSO MONDIALE. Dopo la seconda Guerra mondiale, Armando Piaggio riprende faticosamente negli impianti liguri le fila del settore aeronautico e il ripristino degli impianti per l’arredamento navale e ferroviario, mentre il fratello Enrico cerca un percorso imprenditoriale del tutto nuovo; accarezza il sogno di contribuire per far superare al Paese le difficoltà nei trasporti. Enrico Piaggio entra nel complesso gioco della ricostruzione dell’Italia con un’idea precisa, quella di costruire un mezzo di trasporto semplice, a basso costo, a basso consumo, adatto nella guida per tutti, donne comprese. A Biella, in Piemonte, dove erano sfollati gli impianti della Piaggio di Pontedera, tecnici e ingegneri avevano lavorato alla costruzione di un piccolo scooter: MP5, battezzato dagli operai stessi “Paperino”, per la sua insolita forma. Enrico Piaggio, in un viaggio a Biella accompagnato da Corradino d’Ascanio, vede il Paperino: è colpito per la dimensione e per la stessa idea di un piccolo veicolo di locomozione, ma non è convinto del risultato, per cui incarica d’Ascanio di riprogettare in poche settimane lo scooter o, meglio, di sviluppare l’idea di un veicolo agile che possa avere un ampio impiego. D’Ascanio è ingegnere aeronautico (anche professore alla Facoltà di Ingegneria all’Università di Pisa): affronta la costruzione dello scooter. Lui non ama la motocicletta: la vede scomoda, con limiti nell’uso a causa della difficoltà di cambiare una gomma, o per il fatto che sporca a causa della catena di trasmissione, per cui costruisce un mezzo del tutto diverso. In poche settimane progetta un veicolo con scocca portante, con motore di 98 cc, a presa diretta, con il cambio sul manubrio in modo da facilitarne la guida, senza forcella ma con un braccio di supporto laterale, tale da consentire agevolmente il cambio della ruota in caso di foratura; la carrozzeria protegge chi guida, la posizione è analoga allo stare seduti in poltrona, tant’è che nell’esporre la sua idea l’ingegnere prima disegna una persona comodamente seduta e quindi vi costruisce sotto il veicolo.

Ultimo fondamentale elemento che guida la filosofia del nuovo veicolo è la leggerezza dei materiali: di nuovo una derivazione aeronautica, dove per necessità i materiali devono essere resistenti e leggeri. Con tali innovazioni Corradino presenta, nel settembre del 1945, il suo prototipo, MP6, e, nei primi giorni di aprile del 1946, lo scooter definitivo, la leggendaria prima Vespa 98cc. Enrico Piaggio, alla vista del mezzo, rimane soddisfatto, perché sentendo il ronzio del motore e notando la parte molto ampia del sedile rispetto alla parte centrale e alla coda più strette esclamò “pare una vespa”, e Vespa fu! Il 24 aprile, alle ore 12, viene depositato negli uffici di Firenze il brevetto per una “motocicletta a complesso razionale di organi ed elementi con telaio combinato con parafanghi e cofano ricoprenti tutta la parte meccanica”, la Vespa. Enrico Piaggio, dimostrando audacia, ne mise subito in produzione 2.500.
La nascita della Vespa segna l’inizio di una nuova pagina nella storia dell’azienda Piaggio, completamente diversa rispetto ai primi 60 anni di vita, perché da allora a Pontedera si abbandonano i progetti e le produzioni aeronautiche, per imboccare con coraggio e decisione la via degli scooter.
La Vespa viene presentata a Roma, alla presenza del generale americano Stone in rappresentanza del governo militare alleato. L’avvenimento è ripreso dal cinegiornale statunitense Movieton: gli italiani avrebbero visto per la prima volta la Vespa nelle pagine interne di Motor (24 marzo ‘46) e nella copertina in bianco e nero de La Moto del 15 aprile 1946, toccando con mano l’avveniristico veicolo alla Fiera di Milano dello stesso anno. Stampa e ambienti specialistici già ne colgono gli elementi di innovazione e di genialità ingegneristica. Anche i mercati esteri guardano con interesse alla nascita dello scooter, che suscita curiosità e ammirazione nei commenti di pubblico e stampa. Il Times parla di “un prodotto interamente italiano come non se ne vedevano da secoli dopo la biga romana”. Nel 1947 si avvia la produzione di un nuovo prodotto: Ape – con data di nascita ufficiale di lancio 1948 – che è un furgone a tre ruote costruito con la stessa logica e la stessa filosofia che aveva ispirato Enrico Piaggio per Vespa, applicate alle esigenze di trasporto merci nell’Italia in ricostruzione. Anche Ape immediatamente entra nell’uso quotidiano, declinata in varie applicazioni per le esigenze più diverse, anche per trasporto persone con la versione Ape Calessino.

UN FENOMENO EVERGREEN: LIBERTA’ E GIOIA DI MUOVERSI. La storia della Vespa è una storia affascinante sotto molti profili: tecnico, di costume, dell’innovazione, dello stile; comprese le novità sul fronte della comunicazione che, nella prima promozione pubblicitaria, vede protagoniste del messaggio le donne. La straordinaria invenzione dello scooter firmato Piaggio si diffonde presto in tutto il mondo, conoscendo un successo commerciale ed una visibilità mai interrotti, donando libertà e gioia di muoversi a intere generazioni. Nel 1988 si raggiunge il traguardo della dieci milionesima Vespa prodotta. Le Vespa vendute nel mondo, dal 1946 ad oggi – in oltre 130 modelli differenti – superano i 18 milioni di unità, di cui 1.500.000 solo nell’ultimo decennio (2005-2015). E la storia continua…

IL GRUPPO PIAGGIO OGGI: MULTINAZIONALE, MULTICULTURALE.

Piaggio PFF Roberto Colaninno
Il Gruppo Piaggio è il più grande costruttore europeo di veicoli motorizzati a due ruote e uno dei principali player mondiali in questo settore. Il Gruppo è inoltre protagonista internazionale nel settore dei veicoli commerciali. Roberto Colaninno ricopre la carica di Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio, con Matteo Colaninno in qualità di Vice Presidente. Piaggio (PIA.MI) è quotata in Borsa Italiana dal 2006. Dal 2003 è controllato da Immsi S.p.A. (IMS.MI), holding industriale quotata in Borsa Italiana facente capo a Roberto Colaninno, che ne è Presidente. Amministratore Delegato e Direttore Generale di Immsi è Michele Colaninno.

LA GAMMA. La gamma di prodotti del Gruppo Piaggio comprende scooter, moto e ciclomotori nelle cilindrate da 50 a 1.400cc con i marchi Piaggio, Vespa, Aprilia, Moto Guzzi, Gilera, Derbi, Scarabeo. Il Gruppo opera inoltre nel trasporto leggero a tre e quattro ruote con le gamme di veicoli commerciali Ape, Porter e Quargo (Ape Truck). Nel 2014 il Gruppo Piaggio ha venduto complessivamente nel mondo 546.500 veicoli. Alcuni dei marchi detenuti dal Gruppo Piaggio sono in assoluto tra i più prestigiosi e ricchi di storia nel mondo del motociclismo: da Gilera (fondata nel 1909), a Moto Guzzi (fondata nel 1921), a Derbi (1922) fino ad Aprilia che in poco più di vent'anni si è imposta tra i marchi mondiali più vincenti tra i Costruttori partecipanti ai Campionati mondiali Velocità e Superbike. Di grande rilievo, in ambito sportivo, il palmarès del Gruppo Piaggio che assomma in sé straordinari marchi che hanno fatto la storia dello sport motociclistico a livello mondiale, quali Aprilia, Moto Guzzi, Gilera e Derbi. Questi marchi del Gruppo Piaggio concorrono a uno straordinario totale di 104 titoli mondiali, così divisi: Aprilia: 54 titoli mondiali; Derbi: 21 titoli mondiali; Moto Guzzi: 15 titoli mondiali; Gilera: 14 titoli mondiali.

DOVE SIAMO. Il Gruppo Piaggio ha sede a Pontedera (Pisa, Italia) e – sul piano della produzione – opera nel mondo con una serie di stabilimenti situati a: Pontedera, dove risiede il principale headquarter tecnico del Gruppo e vengono prodotti i veicoli a due ruote con i marchi Piaggio, Vespa e Gilera, i veicoli per trasporto leggero destinati al mercato europeo, e i motori per scooter e motociclette; Noale (Venezia) come centro tecnico per lo sviluppo delle motociclette di tutto il Gruppo e sede di Aprilia Racing; Scorzè (Venezia), stabilimento per la produzione di veicoli a due ruote con i marchi Aprilia e Scarabeo; Mandello del Lario (Lecco), per la produzione di veicoli e motori Moto Guzzi; Baramati (India, stato del Maharashtra), dedicato alla produzione di veicoli per trasporto leggero a 3 e 4 ruote destinati al mercato indiano e all'export, lo scooter Vespa destinato alla vendita sul mercato indiano, nonché motori Diesel e turbodiesel per i veicoli commerciali del Gruppo; Vinh Phuc (Vietnam) per la produzione degli scooter Vespa e Piaggio destinati al mercato locale e all’area Asia-Pacific. Il Gruppo Piaggio opera inoltre con una società in joint venture in Cina (Zongshen Piaggio Foshan Motorcycles, a Foshan, nella provincia del Guangdong), detenuta al 45% da Piaggio, e pertanto non consolidata nei risultati del Gruppo. Negli Usa, a Pasadena in California, opera il polo di ricerca e sviluppo Piaggio Group Advanced Design Center. Sempre negli Stati Uniti ha sede, a Cambridge, Massachusetts, Piaggio Fast Forward Inc. (PFF), società controllata da Piaggio, costituita nel giugno 2015 per svolgere attività di ricerca di soluzioni e tecnologie innovative nel settore della mobilità e dei trasporti.

INFO:
www.piaggiofastforward.com
ANNIVERSARY

COMPLEANNI: VESPA 150 GS E VESPA 90 SS

VESPA GS (GRAN SPORT): LO SCOOTER PIU’ BELLO DEL MONDO

60° ANNIVERSARIO: 1955-2015. La 150 GS è la prima Vespa con caratteristiche sportive a essere prodotta in grande serie, frutto delle esperienze maturate nelle competizioni dalla Squadra Corse Piaggio. Il motore, caratterizzato da alcune soluzioni tecniche sperimentate sulla Vespa Sei Giorni (il modello “racing” che dominava le competizioni di regolarità, in voga negli anni Cinquanta), ha l’immissione diretta nel cilindro ed è capace di 8 CV a 7.500 giri. Il cambio a quattro marce, la sella allungata e le grandi ruote da 10 pollici modificano sostanzialmente la linea di Vespa, che si scopre veicolo grintoso e capace di prestazioni “mozzafiato”.

Si tratta dunque di un modello Vespa che rappresenta una pietra miliare nella storia degli scooter: le sue caratteristiche tecniche ed estetiche lo rendono infatti così affascinante da meritarsi, sin dal suo lancio 60 anni fa— la definizione di “scooter più bello mai prodotto al mondo”. Vespa GS nasce nel 1955, e sarà prodotta in 5 serie sino agli inizi degli anni Sessanta.

Il motore, rispetto alle versioni contemporanee della GS, è potenziato e con carburatore direttamente innestato sul cilindro; la carrozzeria è rastremata per una migliore penetrazione nell'aria. Il primo modello (VS1) si distingue dagli altri successivi per avere i cavi che passano esterni al manubrio. Vespa GS (Gran Sport) è ancora oggi una delle più ricercate e amate dai collezionisti worldwide.

SCHEDA TECNICA. MOTORE: monocilindrico a due tempi. ALESAGGIO: 57 mm. CORSA: 57 mm CILINDRATA: 145,6cc. VELOCITÀ MASSIMA: 101 Km/h. SOSPENSIONI: con molla elicoidale e ammortizzatore idraulico su entrambe le ruote. FRENI: a tamburo. PNEUMATICI: 3,50-10".

VESPA 90 SS (SUPER SPRINT): LA SPORTIVA DEI RUGGENTI ANNI ‘60

50° ANNIVERSARIO: 1965-2015. La Vespa 90 SS (Super Sprint) rappresenta la Vespa sportiva per eccellenza degli anni ’60. Piccola, compatta e dalle prestazioni elevate, dal punto di vista estetico è caratterizzata dalla posizione della ruota di scorta, posta in verticale al centro della pedana e sormontata da un finto serbatoio (in realtà è un porta-oggetti), con tanto di cuscino poggia-petto come nelle motociclette da competizione.

La 90 SS, d’altra parte, partecipa in quegli anni a un certo numero di gare sportive, dal Giro d’Italia alla velocità in circuito sulle piste di Imola e Vallelunga; particolarmente elevate le sue prestazioni nei percorsi a gimkana, dove primeggia grazie all’estrema maneggevolezza. Prodotta in poco più di 5.000 esemplari dal 1965 al 1971, il suo indiscutibile fascino la rende ancora oggi uno dei modelli più ricercati dai collezionisti.

SCHEDA TECNICA. MOTORE: monocilindrico a due tempi. ALESAGGIO: 47 mm. CORSA: 51 mm. CILINDRATA: 88,5 cc. VELOCITÀ MASSIMA: 93 Km/h. SOSPENSIONI: con molla elicoidale e ammortizzatore idraulico su entrambe le ruote. FRENI: a tamburo. PNEUMATICI: 3.00x10".

INTERVIEW

POP ART “IN VIAGGIO” CON VESPA,
SECONDO L’ARTISTA MARCO ARDUINI

Marco Arduini, “Portoferraio 1959”, acrilico e tempera su tavola 83x56 cm, 2011, collezione privata

PITTORE E INCISORE DI TALENTO, CON LE SUE OPERE – DAL FORTE IMPATTO CROMATICO ED EMOTIVO – EVOCA UN’EPOCA IRRIPETIBILE DELLA STORIA ITALIANA, E NON SOLO. QUELLA DEL BOOM ECONOMICO E DELLA FIDUCIA NEL FUTURO, CHE L’ICONICA VESPA RAPPRESENTAVA AL MEGLIO. E CONTINUA A FARLO
Avvolti dal colore, che subito suscita ottimismo; affascinati dai soggetti, che insinuano una vena di nostalgia evocando gli anni Sessanta, quando si viaggiava in scooter senza casco, indossando abiti formali. Infine, magneticamente attratti da “lei”, la Vespa, oggi come ieri, simbolo indiscusso di libertà di movimento, spensieratezza e libertà per intere generazioni, sin dalla sua nascita nel 1946 in terra toscana.

Marco Arduini, “Frammenti di Viaggio”, acrilico e tempera su carta geografica applicata a tela 80x80 cm

Così, i nostri occhi e i nostri cuori sono investiti da onde di bellezza ed emozioni ammirando le opere dell’artista di talento Marco Arduini, pittore e incisore. Nato a Reggio Emilia nel 1959, lavora su tavola, tela e carta antica (risalente al 1800). La sua “cifra artistica” ha chiari riferimenti alla Pop Art americana, e le sue opere, rigorose, senza fronzoli, con dettagli sempre significativi e mai casuali, offrono un notevole impatto emotivo e cromatico.

Marco Arduini, “Occhio al cioccolato 1958”, Acrilico e tempera su tavola 50x50 cm

Marco Arduini ha ottenuto numerosi riconoscimenti, come il Premio Arte Mondadori (finalista nel 2010) a Milano; ha esposto alla 54a Internazionale d’Arte “Biennale di Venezia”, Padiglione Italia–Emilia Romagna e in decine di mostre personali e collettive, in Italia e all’estero. E’ presente con alcune opere e pagine personali su Balibart (galleria d’arte online francese) e su The Saatchi Gallery (famosa galleria d’arte contemporanea di Londra).


Marco Arduini, “Viaggio verso Parma”,
acrilico e tempera su tela 80x80 cm

Marco Arduini, “1961 Verso Marina”,
acrilico e tempera su tavola 45,5x40,5 cm

Wide ha intervistato l’artista Marco Arduini, che si dichiara anche appassionato Vespista. Ecco come si racconta.

Nelle sue opere è ricorrente il tema del viaggio e della mobilità, con uno sguardo “nostalgico”. Da dove nasce questa scelta creativa?
“La scelta riguardo alle mie opere nasce da una situazione “maturata” nel tempo, che era latente ma viva nel pensiero, tutto si è concretizzato nel vedere spesso per strada mezzi d’epoca che da soli mi riportavano indietro nel tempo, li isolavo mentalmente per creare una storia, un sogno, ma che risultavano anche per me di grande attualità, auto e Vespe con linee inconfondibili, direi uniche. E devo dire, con un pizzico di orgoglio, che ho iniziato il progetto delle mie opere ben prima che ci fosse un revival mediatico e commerciale relativo a quel periodo”.

Marco Arduini, “Club le Ruote 1975”, acrilico e tempera su tavola 70x70 cm, 2008

Vespa, che da quasi 70 anni ispira generazioni di artisti, è tra le protagoniste delle sue opere, sia in quelle realizzate su carta antica sia nei coloratissimi dipinti: anche lei non si è sottratto al suo fascino…
“Creando racconti di viaggio e amando il periodo degli anni ’60, non potevo che proporre come protagoniste auto e moto d’epoca. Il piacere del viaggio: viene riassunto molto bene in quello spot pubblicitario, che recita: quando ho imparato a viaggiare ho incominciato a divertirmi…”.

Che cosa, in particolare, nella storia e nello stile dello scooter-icona, conosciuto in tutto il mondo, ispira la sua vena artistica?
“Essendo anche un Vespista, un appassionato dei mezzi d’epoca, mi piace poterli ambientare in viaggi di fantasia con paesaggi quasi teatrali, costruiti su misura, con colori accesi in stile Pop Art, opere ottimistiche e di piacere”.

C’ENTRANO ANCHE RICORDI PERSONALI? HA MAI AVUTO UNA VESPA? SE SI, QUALE MODELLO?
“Io sono nato in quel periodo ed ho ricordi forti, in bianco e nero, per quello li ripropongo anche su carta antica, la patina del tempo rielaborata. Ho tre Vespa: un GL 150 del 1963, un 90 del 1964 e un PX Elestart 150 del 1998. Sono iscritto a due vespa club di Reggio Emilia: VC Correggio e VC Montecchio (per simpatia). Partecipo ai raduni ufficiali e non”.

Curiosità: ma un’artista come lei che celebra il “movimento”, come si muove nella vita di tutti i giorni?
“Mi muovo tutti i giorni con auto e Vespa ma i viaggi migliori, quelli con la fantasia, sono nelle mie opere”.

Marco Arduini, senza titolo, acrilico e tempera su tela 50x50 cm, collezione privata

A proposito di Vespa e del suo lungo rapporto con il mondo dell’arte, basta visitare il Museo Piaggio di Pontedera ( www.museopiaggio.it) per averne un ricco assaggio: qui sono esposti “pezzi unici” di Vespa firmati da noti artisti contemporanei, insieme con la celebre Vespa Dalì. Commenta Marco Arduini: “Conosco la vespa firmata da Dalì e la sua storia…direi che ha un bel fascino…due miti a confronto”.

Marco Arduini, “Partenza per la 6 Giorni, 1951”, graffite su carta antica del 1814, 56x44 cm, collezione privata

(Photo courtesy: Marco Arduini).

INFO:
www.marcoarduini.it

People
E’ CAMPIONE MONDIALE DI SURF UNDER 18

LEONARDO FIORAVANTI:
IL DOMATORE DI ONDE, CHE AMA VESPA

vespa surf

“Forza Italia!” ha scritto sulla sua pagina Facebook subito dopo la vittoria: Leonardo Fioravanti, 17 anni, ad ottobre è stato incoronato Campione del Mondo di surf under 18. Ed è già entrato nella storia: mai prima un Italiano era salito sul tetto del mondo. Lui ci è riuscito, domando le onde di Oceanside, in California, in sei giorni di competizioni e sfide sulla tavola.

vespa surf

Una vittoria che ha il sapore del riscatto: all’inizio dell’anno Leonardo ha subìto un incidente in gara alle Hawaii, poi il lungo periodo di riabilitazione. Sommerso dai messaggi di supporto dei tantissimi fans, Leonardo si è ristabilito in tempo per affrontare e vincere il Campionato mondiale. Il giovane atleta Quiksilver ha davvero meritato la medaglia d’oro all’Isa World Junior Surfing Championship 2015: in competizione, 322 migliori giovani surfisti del mondo, provenienti da 36 Paesi.

UN VERO ITALIANO, CITTADINO DEL MONDO
Il giovane campione, originario di Cerveteri (Roma), è un vero “cittadino del mondo”, avendo molto viaggiato soprattutto all’estero, dove ha anche vissuto: negli Stati Uniti, in Australia e in Francia. Di lui su Wide Magazine avevamo parlato due anni fa, quando diventò Campione Europeo ASP Pro Junior 2013 (Association of Surfing Professional): nell’occasione Xtreme Video realizzò la web serie a lui dedicata, intitolata “I Surf Italian”, dove il campione è in sella a Vespa, incontrastata icona dello stile italiano, dimostrando di saper ben “cavalcare” anche lo scooter più famoso del mondo, oltre che le onde degli oceani. Leonardo ha due miti: la leggenda del surf Kelly Slater, 7 volte Campione del Mondo (che ha incontrato alle Hawaii) e Vespa, scelta quale co-protagonista della sua web serie. Vespa e Fioravanti: un’accoppiata vincente.

vespa surf

PALMARES: SEI TITOLI IN CINQUE ANNI
Leonardo ha cominciato a surfare a soli 4 anni, seguendo il fratello Matteo, surfer della nazionale italiana. Il piccolo ha talento e viaggia tra Maldive, Australia, Brasile, sostando per alcuni periodi a Roma, la sua città, per studiare. Si allena con i migliori surfer del mondo per perfezionare la tecnica. Dal 2009 entra nel team Red Bull e già vanta un palmares invidiabile, che conta di arricchire. Infatti: negli ultimi 5 anni ha conquistato sei prestigiosi titoli. Nel 2010, 2° posto all’European Junior Championsgip under 14, a Viana, in Portogallo; nel 2012, 1° posto al Rip Curl GromSearch International a Bells Beach, in Australia. Due anni fa il titolo di Campione Europeo ASP Pro Junior 2013 in Gran Canaria: era la prima volta che un surfista Italiano conquistava un titolo europeo ASP, un risultato storico per l’Italia e il miglior risultato di Leo Fioravanti fino ad allora.

vespa surf

Dopo lo storico argento agli Europei, nel 2013 Leonardo Fioravanti ha portato a casa anche un argento all’ISA World Junior Surfing Championships (a Tola, Nicaragua), dimostrando di essere fieramente italiano, indossando il tricolore stampato sui pantaloncini. Nel 2014, altra medaglia d’argento all’Hurley Australian Open of Surfing – Pro Jurior a Manly Beach, a Sidney; infine, quest’anno, la corona d’oro di Campione del Mondo under 18. Ed è pronto per il salto di categoria: l’8 dicembre 2015 diventa maggiorenne. Auguri!

“I SURF ITALIAN”, LA WEB SERIE. CON VESPA

vespa surf

IL TRAILER

"I Surf Italian" è la web serie lanciata nel 2013 e dedicata all’allora sedicenne neo Campione Europeo ASP Pro Junior 2013 (Association of Surfing Professional), Leonardo Fioravanti. E, da due anni, i video della serie spopolano sul web (sfiorando i 200 mila contatti), e non solo tra gli appassionati di surf. In sei episodi, il giovane campione si racconta, con contorno di splendide immagini di fantastiche cavalcate sulle onde. Ecco la raccolta dei sei video.
Production: Xtreme Video; Filmed by: Jamie Tierney; Sponsored by: Quiksilver; Rider: Leonardo Fioravanti; Music: Sleeping with Fishes (Anders Lewen, Tore Berglund) MAT228 – UPPM.

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep1/6

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep2/6

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep3/6

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep4/6

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep5/6

I Surf Italian | Leonardo Fioravanti | Quiksilver #Ep6/6

INFO:
facebook.com/leofioravanti

ADVENTURE

APE WAY ETHIOPIA 2015:
MISSIONE COMPIUTA

TRE GIOVANI EQUIPAGGI DEL TAURINORUM TEAM A BORDO DI TRE APE PIAGGIO CITY PASSENGER, 18 GIORNI IN VIAGGIO E 2.500 CHILOMETRI PERCORSI ATTRAVERSO IL SUD. PARTENZA E ARRIVO NELLA CAPITALE ADDIS ABEBA. TOUR PROMOZIONALE, MA ANCHE DI SCOPERTA DI TERRITORI E POPOLI, CON SOSTEGNO A PROGETTI DI SVILUPPO (PRIMA PUNTATA)

ApeWay Ethiopia 2015 è un’originale iniziativa con protagonista Ape, il mitico veicolo a tre ruote Piaggio per il trasporto di merci e persone: a novembre è stato in tour per 18 giorni, lungo 2.500 km attraverso il Sud dell’Etiopia. Tre gli equipaggi (giovani e determinati) del Taurinorum Team, che hanno viaggiato a bordo di tre Ape Piaggio City Passenger. ApeWay è nato come un road-show promozionale con lo scopo di valorizzare il brand Piaggio, e in particolare l’Ape, promuovendo un business socialmente ed eticamente integrato con il territorio e le realtà locali. Il tour è partito il 6 novembre 2015, con un evento istituzionale all’Ambasciata Italiana di Addis Abeba, cui hanno partecipato l’Ambasciatore Giuseppe Mistretta, il titolare e lo staff di TAGROW, l’importatore di Piaggio in Etiopia, gli equipaggi del Taurinorum Team, la delegazione di Piaggio Veicoli Commerciali. Nell’occasione è stata realizzata una mostra fotografica nel giardino dell’Ambasciata dedicata al piccolo e operoso veicolo commerciale a tre ruote, nato in Italia nel 1948 e diventato un successo commerciale in tutto il mondo, già protagonista di avventurosi tour del Taurinorum Team (Ecuador e Peru, da Quito a Machu Picchu nel 2011; ApeMaya in America Centrale nel 2012).

Il tour ha poi toccato varie città – Addis Abeba, Debre Zeit, Hossana, Arba Minch, Konso, Jinka, Shashemene e Ziway – dove sono stati organizzati numerosi eventi di presentazione dell’infaticabile veicolo a tre ruote firmato Piaggio.

Dopo oltre due settimane di viaggio attraverso il Paese, il tour si è concluso nella capitale Etiope il 22 novembre, in concomitanza della Great Ethiopian Run (una delle maratone più famose nel continente africano). Per realizzare quest’originale avventura in Etiopia, Piaggio Veicoli Commerciali si è avvalsa della grande esperienza dell’importatore ufficiale TAGROW e del Taurinorum Team, che organizza viaggi-avventura in tutto il mondo, fondato da tre giovani torinesi Ludovico de Maistre, Carlo Alberto Biscaretti e Paolo Rignon.

LA SOLIDARIETA’ VIAGGIA SU TRE RUOTE. L’Ape è stata protagonista di uno straordinario “viaggio slow” attraverso le realtà locali all’insegna dell’integrazione, adottando un approccio multiculturale e solidale. ApeWay, infatti, ha avuto anche una valenza sociale, per far luce su alcuni progetti che portati avanti da ONG italiane (CVM, Comunità Volontari per il Mondo, e CIAI, Centro Italiano Aiuti all’Infanzia), presenti da tempo nel Paese e di cui conoscono bene la realtà.


(Foto: Adriano Filippi).

I tre equipaggi dell’ApeWay hanno documentato alcune iniziative per farle poi conoscere ad un pubblico più vasto: si tratta di progetti legati allo sviluppo idrico e all’educazione igienica, all’istruzione scolastica e alla tutela dei minori.

APE CORAGGIOSA, ROBUSTA, VERSATILE. Scopo del tour era anche quello di mostrare in Etiopia l’utilità, la versatilità e la robustezza di Ape come strumento di trasporto merci, introducendo il tre ruote “cargo” in contesti agricoli e urbani dove le Organizzazioni non governative (ONG) operano per lo sviluppo del territorio. Ape rappresenta uno strumento di lavoro preziosissimo per la mobilità di persone e merci; in particolare risponde ai bisogni delle piccole realtà locali che necessitano di movimentare prodotti agricoli, legname, acqua e materiali da una località all’altra, dalla campagna al mercato cittadino, da un pozzo di acqua a un villaggio. Ape, nella realtà etiope, può dunque rappresentare un prezioso mezzo di sviluppo economico del territorio, e un’opportunità per i giovani che desiderano diventare imprenditori di se stessi.


(Foto: Adriano Filippi).

ApeWay si è spinta fino alla Valle dell’Omo, nell’estremo Sud dell’Etiopia, attraversando territori e città (viaggiando su strade difficili, in ogni condizione climatica): in ogni località si svolgeva un evento per spiegare come Ape possa essere un mezzo accessibile e in grado di migliorare sensibilmente la qualità della vita.

Grazie alle sue peculiari caratteristiche – versatilità, ampia capacità di carico, bassi consumi e costi di esercizio – il tre ruote da lavoro di Piaggio consente di trasportare merci in minor tempo e con minore fatica rispetto agli attuali metodi (asini, carretti trainati a mano, mezzi di fortuna ecc.), utilizzati dalla maggioranza della popolazione.

IMPEGNO PER LA SICUREZZA STRADALE. Il progetto ApeWay si è tradotto anche nella promozione in tema di sicurezza stradale. Infatti, la mobilità in Etiopia risente di un elevato numero di incidenti stradali, che avvengono, in particolare, fra pedoni e veicoli, soprattutto di notte. Una problematica che è all’attenzione sia delle istituzioni a livello nazionale (attraverso il National road safety action plan), sia internazionale attraverso WHO (World Health organization) e FIA (Fédération Internationale de l'Automobile) che promuovono la campagna Action for Road Safety. I tre team partecipanti all'ApeWay hanno distribuito alle popolazioni etiopi oltre 5.000 braccialetti e centinaia di magliette catarifrangenti ad alta visibilità: un piccolo contributo che potrebbe salvare delle vite.


(Foto: Adriano Filippi).

(Prima puntata, continua nel prossimo numero di Wide Piaggio Magazine 1-2016).
www.piaggioveicolicommerciali.it/veicolicommerciali/IT/it/home/apeway.html


(Foto: Adriano Filippi).

Style
VISTI A EICMA 2015

NUOVA COLLEZIONE VESPA EYEWEAR
MADE IN ITALY BY TWC-L’AMY

Fabrizio Calarco - Gruppo TWC - L'Amy Italia

Vespa e il Gruppo TWC-L’Amy hanno creato una nuova collezione eyewear. L’azienda leader nel mondo dell’occhialeria, orologeria e bijoux per la produzione e distribuzione di griffe di alta moda, conquista così una nuova partnership con il leggendario brand Vespa, icona italiana di stile ed eleganza, nonché simbolo di libertà e scooter diffuso e amato in tutto il mondo. Dal rapporto di collaborazione è nata la nuova collection di occhiali da sole e da vista per il mercato globale, presentata in anteprima a Milano: al Mido 2015 (il salone mondiale di settore) e quindi ammirata ad Eicma 2015 nell’ambito dell’area espositiva del Gruppo Piaggio.

Fil rouge della collezione made in Italy (la cui distribuzione è prevista nei migliori ottici ed anche nei flagship store e showroom del Gruppo Piaggio), sono le forme dal sapore un po’ retrò e gli stili lussuosi degli occhiali che indossavano le dive del cinema italiano nel periodo della “Dolce Vita”, ma con un twist moderno e raffinato, che conquista tutti.

Il colore è sicuramente il protagonista della linea “young” che s’ispira all’iconica Vespa Primavera, proponendo modelli all’avanguardia dalle tonalità vivaci, ideali per chi desidera un look di tendenza e accattivante. Dedicata invece agli appassionati del vintage la linea “PX”, che unisce la tradizione del successo internazionale della Vespa PX al glamour delle lenti polarizzate, per un occhiale adatto a chi non rinuncia ad uno stile cool anche alla guida. Ammiraglia del brand è la linea dal design futuristico, con montature nette e decise, che traggono ispirazione dalle linee esclusive e preziose di Vespa, conferendo forme ricercate ad un accessorio imperdibile. La collezione è talmente ricca che incontra i gusti e le esigenze più diverse.

VESPA EYEWEAR COLLECTION – OCCHIALI DA SOLE

VESPA EYEWEAR COLLECTION – OCCHIALI DA VISTA


INFO:
www.vespa.com

XMAS COLLECTION 2015: ATMOSFERA DI FESTA


Novità: le sfere in vetro by Vespa per addobbi natalizi

Che deliziose sorprese sotto e…sull’albero delle feste. Sotto ci sono tre regali: le nuove t-shirt – per uomo, donna, bambino – in Jersey di cotone 100%, di colore rosso, con stampa argento/carta mylar “DO YOU XMAS”, logo VESPA “Limited Edition” sulla spalla sinistra e, infine, la scritta HAPPINESS all’interno collo. Irresistibili.

Perfetti per personalizzare i pacchetti regalo o i biglietti di auguri gli stickers in carta lucida con stampa a colori artwork con soggetto Babbo Natale in Vespa (confezione da 30 pezzi, dimensione sticker 6X18cm).

L’albero è più bello se decorato con le palline in vetro soffiato (con stampa digitale logo Vespa da un lato e artwork Babbo Natale dall’altro); ogni set comprende tre sfere, racchiuse in elegante scatola plastificata rossa con logo Vespa.

Da alternare ai decori “Vespa shape” realizzati in acciaio inox con la sagoma di Vespa 946 (frontale e laterale), in confezione regalo con quattro pezzi.

Style

IDEE REGALO: LE NOVITA’
DELLA COLLEZIONE VESPA

Fortunati gli amici Vespisti: non hanno problemi a trovare idee regalo per gli amici fans del mitico scooter. Al salone Eicma 2015 di Milano, le vetrine della grande area espositiva del Gruppo Piaggio hanno offerto mille spunti: abbigliamento, accessori, caschi e tanti oggetti originali, di qualità, curati nei dettagli. Da regalare e… da regalarsi!

E nella collezione Vespa ci sono belle novità, come le felpe colors (per uomo, donna, bambino) in grigio melange e logo/interno a contrasto, full zip con cappuccio; nuovo anche il giubbotto in pelle di vitello, per uomo e per donna, in fodera di cotone stampata con marchio Vespa (capi lavati e cerati per conferire un effetto vintage).

ACCESSORI: LINEA RAINBOW

Tra gli accessori, la nuova linea rainbow (disponibile nei colori: nero, blu, bordeaux) include: la borsa shopper mille usi con cerniera e tracolle regolabili; lo zaino sportivo con tasca e cerniera, tracolle imbottiti regolabili (interno con divisione imbottita per tablet e tasca porta cellulare; la borsa modello cartella, con tracolle regolabili, cerniere e utilissime tasche, interno due comparti con divisorio imbottito; il borsello slim, con cerniera e tracolla regolabile, tasca esterna e all’interno due comparti, di cui uno imbottito dove tenere il lettore di musica o lo smartphone.

C’è anche il borsello sportivo con tracolla regolabile, tasca esterna ed interna con cerniera; sempre utile l’astuccio, di forma ovale, con portapenne e chiusura con cerniera, per l’ufficio o per la scuola; davvero pratico il beauty case da viaggio (unisex) con due scomparti e tasca esterna. E, ultima chicca, il beauty case “srotolabile”: pratico, richiudibile, salvaspazio.

THE BEST VIDEO OF THIS ISSUE
PREMIATI AGLI MTV EMA 2015

MACKLEMORE & RYAN LEWIS:
“DOWNTOWN”, CON VESPA


(Foto dal sito: http://it.mtvema.com/)
Il “best video” di questo numero di Wide è “Downtown” del duo Ben “Macklemore” Haggerty e Ryan Lewis. Sono un rapper e un dj di Seattle (USA), diventati in pochi anni star internazionali anche grazie ai loro video “virali” che spopolano tra i fans più giovani. I due hanno esordito nel 2009 con “VS.EP”, il primo grande successo con “Thrift Shop” (2012), poi nomination EMA (MTV Europe Music Awards) per Best Song/Hip-Hop/World Stage/U.S. Act nel 2013, quando hanno vinto il titolo della categoria “Best New” EMA. E, dopo aver collezionato 4 Grammy Awards, quest’anno sono di nuovo tra i vincitori degli MTV EMA, proprio nella categoria “Best Video” con il loro ultimo successo mondiale “Downtown”.

Ed ecco il video pluripremiato, dove spiccano – quali co-protagoniste – tante Vespa, a loro agio anche nel “mood metropolitano”, tra hip hop e rap. Su una PX 125 bicolore è “sdraiato” Macklemore nell’immagine di apertura, e altri modelli di Vespa “recitano” in varie scene (divertitevi a scoprirli), fino allo “sciame” finale. Macklemore & Ryan Lewis piacciono anche perché i loro esperimenti musicali prevedono testi potenti e densi di significato. Il loro video “Downtown” pubblicato su YouTube a fine agosto, a metà novembre aveva registrato oltre 60 milioni di visualizzazioni!

MACKLEMORE & RYAN LEWIS - DOWNTOWN (OFFICIAL MUSIC VIDEO)

INFO:
"Downtown (feat. Eric Nally, Melle Mel, Kool Moe Dee & Grandmaster Caz)" di Macklemore & Ryan Lewis
(Google Play).
www.macklemore.com

DUE VESPA SUL PALCO DI EMA MILAN 2015

C’erano due belle Vespa bianche con sellino rosso sul palco internazionale del big event musicale MTV EMA MILAN 2015 (al Forum di Assago, lo scorso 25 ottobre, andato in onda su tutti i canali MTV del mondo). Le Vespa erano parte della scenografia della travolgente esibizione del duo Macklemore & Ryan Lewis, che han così voluto evocare le atmosfere metropolitane del video del loro ultimo successo, “Downtown”. Qui alcuni screen-shots tratti dal filmato della loro performance a Milano, tutta da gustare online sul sito MTV EMA: it.mtvema.com.
MY VESPA MOVIE

INDONESIA:
TOUR IN VESPA A GARUT

Giovani, scanzonati, un po’ irriverenti ma tanto simpatici: e, soprattutto, orgogliosamente Vespisti. Così sono Bagus Darmawan e i suoi amici (Rais, Gori, Kibon, Rendy, Dolly, Dilang, Endo, Miko), che hanno documentato un tour in sella alle loro Vespa, attraversando la zona centrale di Jawah, in Indonesia, verso Garut. Lontano dai paesaggi da cartolina, il loro video racconta semplicemente la realtà, code nel traffico e piccoli imprevisti compresi; e, più di tutto, il bello dell’amicizia e di avere una Vespa, per andare, quasi non importa dove, con il bello e il brutto tempo.

Touring Garut vespa indonesia

BAGUS & REYSI: INVITO AL WEDDING PARTY

La coppia di Vespisti indonesiani Bagus e Reysi si sono sposati il 7 febbraio ed hanno invitato gli amici a partecipare al loro party di matrimonio attraverso piccole, deliziose clip (video wedding invitation, è l’ultima moda), che testimoniano, oltre il loro legame, anche quello con l’amato scooter. Speriamo entrambi duraturi, auguri!

Bagus & Reysi Teaser Wedding

TU E LA TUA VESPA
SU WIDE!


La Vespa, ogni modello di Vespa, di qualunque età, è un oggetto di culto, un pezzo da collezione che viene coccolato, curato e conservato ben oltre il tempo di vita medio di ogni altro veicolo. A quanti saltano ogni giorno in sella alla propria Vespa nuova, a quanti conservano con amore la Vespa “ereditata” in famiglia, a quanti curano con amore una Vespa d’epoca, WIDE dedica la rubrica “My Vespa Movie”.

MAKE YOUR
VESPA MOVIE!

Riprendi la tua Vespa e raccontaci, in un breve video, che cosa Vespa rappresenta per te. Puoi narrarne la storia o raccontarci un viaggio che avete fatto insieme. Puoi montare immagini di vita quotidiana o far rivivere le emozioni che avete condiviso.
Il tuo video verrà visionato e, se selezionato, apparirà su Wide, nella nuova rubrica “My Vespa Movie”, per presentare a tutti gli appassionati worldwide te la tua Vespa, la più speciale al mondo. Perché ogni storia di Vespa è una storia unica.

Invia la tua clip video a: wide@piaggio.com