logo piaggio wide
People

WIDE REWIND
BY 06/15

1895-2015: IL CINEMA COMPIE 120 ANNI

APRILIA NEI FILM DI HOLLYWOOD

USA: Aprilia sul circuito Road America di Elkhart Lake, Wisconsin

MEGAN FOX & APRILIA RSV 1000 IN TRANSFORMERS 2

Megan Fox - Transformers 2

Per celebrare i 120 anni del cinema, vale ricordare alcune pellicole che vedono le moto Aprilia co-protagoniste. Tra le più famose c’è il film “Transformers 2 – Revenge of the fallen” (“La vendetta del caduto”, 2009), secondo capitolo della serie cinematografica di fantascienza ispirata dai giocattoli-modellini Transformers che vantano un successo planetario. Regista del secondo capitolo della saga è Michael Bay, con produttore esecutivo il celebre Steven Spielberg. Entrambi firmarono anche il primo film della serie (proseguita poi con Transformers 3 e Transformers 4 – L’era dell’estinzione).
Nel film “Transformers 2” è protagonista l’attrice Megan Fox che, in alcune scene, guida una rossa Aprilia RSV 1000, e in altre sequenze porta sul sellino il co-protagonista Shia LaBeouf.

CATTIVISSIMA IN PISTA, CON CARENE IN STILE “DECEPTICONS”

Il film uscì nelle sale degli Stati Uniti il 24 giugno del 2009 e, per il suo lancio, Aprilia e il cinema Hollywoodiano si incontrano…in pista! Infatti, nel campionato AMA Pro Daytona Sportbike, durante la gara sul circuito di Road America (Elkhart Lake, Wisconsin) Aprilia schierò una RSV 1000 Factory speciale, con carene brandizzate Transformers e verniciate in stile “Decepticons”, i protagonisti cattivi del film. Qui la photogallery dell’Aprilia “cattiva” sulla pista americana.

THE TORQUE – CIRCUITI DI FUOCO: APRILIA RSV 1000 CON LIVREA ORIGINALE

Cinque anni prima, la grintosa Aprilia RSV 1000 “recitò” in un altro film americano, firmato dai produttori di “The fast and the furious”, “S.W.A.T.” e “XXX”. Titolo: “Torque – Circuiti di fuoco” (2004) diretto da Joseph Kahn. Il film è tutto ambientato nel mondo dei motociclisti. Il biker protagonista Cary Ford – interpretato da Martin Henderson – cavalca l’Aprilia per sfuggire a gang e FBI. Cary indossa anche una tuta firmata Aprilia, e la sua moto è l’unica, tra tutte quelle presenti nel film, che “recita” con la sua livrea originale: rosso-nera con tocchi di bianco. Bellissima già così, non ha avuto bisogno di trucco e “abiti” di scena!

MOTO GUZZI NEI FILM SU WIDE N. 5-2015:
wide.piaggiogroup.com/archive/wide5_15

LE ORIGINI: A PARIGI LA PRIMA PROIEZIONE AL PUBBLICO

Il primo film visto da un pubblico, e per questo considerato il punto di partenza della storia del cinema, lunga 120 anni, è stato “L'uscita dalle officine Lumière” (titolo originale: La Sortie de l'usine Lumière): 45 secondi, girati dai fratelli francesi Auguste e Louis Lumière, che mostrano un gruppo di persone che escono dalla fabbrica alla periferia di Lione.

“La sortie de l’usine Lumière”, 1895

Il film era compreso tra i dieci che furono proiettati al primo spettacolo pubblico di cinematografo del 28 dicembre 1895 al Salon indien du Grand Café di Boulevard des Capucines a Parigi.

Nell’occasione i Lumière presentarono un apparecchio da loro brevettato chiamato cinématographe: era in grado di proiettare su uno schermo bianco una sequenza di immagini distinte, impresse su una pellicola stampata con un processo fotografico, in modo da creare l'effetto del movimento. Pochi anni dopo Thomas Edison nel 1889 realizzò una cinepresa (detta Kinetograph) e una macchina da visione (Kinetoscopio): la prima era destinata a scattare in rapida successione una serie di fotografie su una pellicola 35mm; la seconda consentiva ad un solo spettatore per volta di osservare, tramite un visore, l'alternanza delle immagini impresse sulla pellicola.

Ai fratelli Lumière si deve l'idea di proiettare la pellicola, così da consentire la visione dello spettacolo ad una moltitudine di spettatori. Mentre l'invenzione della pellicola cinematografica ha ben 130 anni: risale, infatti, al 1885 e si deve a George Eastman. Mentre la prima ripresa cinematografica (un gruppo di amici che passeggiano in giardino) è ritenuta essere Roundhay Garden Scene, cortometraggio di 2 secondi, realizzato in Gran Bretagna il 14 ottobre 1888 da Louis Aimé Augustin Le Prince.

1888 - Roundhay Garden Scene